Privatizzazioni, Fassina: "Eni, Enel e Finmeccanica non si cedono"

Eni, Enel e Finmeccanica? Restano allo Stato. Ma l'ipotesi cessione è inclusa nel programma dei renziani

L'obiettivo è l'aggressione al debito pubblico. Lo strumento, come ha annunciato ieri il premier Enrico Letta, "un piano di dismissioni". Una scelta "necessaria e lungimirante", come ha commentato oggi il vice ministro dell'Economia, Stefano Fassina. Ma da ponderare con attenzione, possibilmente escludendo le quote delle controllate.

Fassina ha ribadito oggi la posizione del Partito Democratico, che rimane contraria a cedere parti di Eni, Enel e Finmeccanica, ma anche delle principali controllate dello Stato. Una posizione destina a creare scompiglio, soprattutto in virtù del fatto che l'ipotesi di una cessione delle aziende è contemplata dal programma di Matteo Renzi, che nel capitale vendibile include proprio Eni ed Enel.

Al contrasto tra le idee espresse da Fassina e Renzi, si aggiunge anche quello con il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni. Dal G20, ha sottolineato che "la possibilità di vendere alcune quote di Enel, Eni e Finmeccanica" è stata presa in considerazione.

Commenti
Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 31/07/2013 - 16:36

E meno male. Oggi le si svenderebbe.

giovanni PERINCIOLO

Mer, 31/07/2013 - 16:39

Se invece di cominciare dai gioielli di famiglia si cominciasse dalle innumerevoli controllate e partecipate a livello locale sarebbe già un enorme passo avanti. Infatti Eni, enel e finmecanica producono utili, tutte le altre partecipate comunali, provinciali, municipalizzate eccetera producono solo debiti e poltrone per buoni a nulla politici trombati e per gli amici degli amici.

cicero08

Mer, 31/07/2013 - 16:43

Qualcuno chioserebbe così: idee poche ma sempre ben confuse...

giovanni PERINCIOLO

Mer, 31/07/2013 - 16:45

Altra piccola cosa che con questo governo o mai più si dovrebbe fare é eliminare le migliaia di enti inutili che infestano il paese. Ne sento parlare da oltre mezzo secolo e siamo sempre ai buoni propositi ma quanto a fatti nulla. Un governo con dentro i due maggiori partiti italiani é una condizione irripetibile per poter finalmente metter mano allo spreco scandaloso e tagliare, tagliare, tagliare......

Soldato

Mer, 31/07/2013 - 17:04

Non sono uno "statalista", ma ENI, Enel e Finmeccanica vanno tenute strette! Strategiche e di supporto all'intero sistema industriale italiano.

peter46

Mer, 31/07/2013 - 17:16

Fassina incomincia ad essere "simpatico".Svendere,svendere:non vi sono bastati Amato,Ciampi,Prodi 1-2-,D'Alema ad averci fregato così spudoratamente...Berlusconi compreso...mai pensare di renderle "aziende"normali,con normali manager e non stipendifici per amici ed amici degli amici,vero?

giovi bl

Mer, 31/07/2013 - 17:41

Giusto non venderle!giusto anche controllare quanti politici trombati succhiano lo stipendio da queste aziende,sarei proprio curioso vedere le liste degli stipendiati(ovviamente senza fare un minuto di lavoro)

swiller

Mer, 31/07/2013 - 17:57

Ottima decisione, anzi già che ci siete mettetevi voi in vendita.

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Mer, 31/07/2013 - 18:18

fassina...........benvenuto nel mondo reale

m.m.f

Mer, 31/07/2013 - 19:07

a partire da settembre sarete costretti a mettere in vendita anche le strade per pagare il debito. altro che gioielli di famglia,vi venderete anche i monumenti............

ghibli10

Mer, 31/07/2013 - 19:14

sono costretto ad ammettere che questa volta Fassina ha ragione aziende che producono utili non vanno vendute vanno però sfoltiti i dirigenti, che sono stati messi li da Prodi e compagni e che gravitano tutti nell'area di sinistra le aziende darebbero ancor più utili

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 31/07/2013 - 19:14

Per fortuna, guardate cosa e' successo a telecom.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mer, 31/07/2013 - 20:21

Povero me, per una volta mi tocca tifare Fassina... Anche perché l'Italia è un paese che non ha risorse energetiche, cedere ENI sarebbe idiozia totale (anche in relazione al fatto che generano utili).

Azzurro Azzurro

Mer, 31/07/2013 - 20:28

giovanni PERINCIOLO Bravo. Tagliare tagliare tagliare enti inutili, comunita' pseudo montane, province, municipalizzate, consulenti fittizi, dipendenti camera che spolverano i libri...tagliare con l'accetta tutti questi fannulloni...

SimSalaBim

Mer, 31/07/2013 - 21:05

Fassina soffre di stabismo se continua a fare comunella col pd. E' inutile ci giri attorno, lui lo sa e infatti si vede. Almeno si può dire che dimostra di essere onesto con se stesso, mica robetta da poco oggi giorno.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Gio, 01/08/2013 - 00:14

Liquidazione totale! Assomiglia ai super sconti che certi negozi fanno causa chiusura attivita'. Speriamo di non chiudere i battenti anche noi

CALISESI MAURO

Gio, 01/08/2013 - 05:43

Fassina ha ragione, fa piacere che qualcuno di sx abbia a cuore le sorti della nazione. Non vorrei tuttavia che fosse una difesa d'ufficio, per non toccare le municipalizzate, vero fulcro degli interessi del PD e porto sicuro per i loro trombati d'ufficio.

Angel59

Gio, 01/08/2013 - 08:02

Questa gentaglia vuole vendere i gioielli...ma le spese inutili quando pensano di eliminarle? Purtroppo abbiamo una classe politica formata da miserabili, alla quale interessa soprattutto di mantenere inalterato la posizione privilegiata che nel tempo si è costruita a spese nostre, per poter così esercitare indisturbata la sua azione di dominio sul popolo babbeo italiano. Per salvare il nostro paese per prima cosa occorre sbarazzarsi di tutti gli uomini politici che in maniera parassitaria fanno la bella vita a spese nostre da diversi lustri, che per i loro esclusivi tornaconti non si sono fatto alcuno scrupolo per ridurre il nostro amato paese nella situazione miserevole in cui si trova. Il triste è vedere come queste facce di bronzo tentano di mettere rimedio, aggravando ancora di più la situazione, alle loro malefatte..e noi cittadini al posto di prendere serie decisioni ancora continuiamo, come imbecilli, ad interessarci di cose amene come le sorti di questo o quello giocatore di calcio, il quale per saper dare un calcio ad una palla viene retribuito senza provare la minima vergogna con emolumenti da fare invidia a qualsiasi facoltoso sceicco arabo...ma se non siamo idioti ditemi che cosa siamo!

Ritratto di alejob

alejob

Gio, 01/08/2013 - 12:03

E' la seconda volta che ti dico BRAVO FASSINA, anche se non sono della tua corrente. La città dove abito, da qualche anno, ha circa (CENTOQUARANTAMILA ABITANTI), in COMUNE, ci sono (MILLETRECENTO IMPIEGATI). Mi hanno detto, che di regola é un impiegato ogni CENTO ABITANTI. Perchè non cerchiamo di SVENDERE una parte di questi personaggi, che tutto il giorno sono nelle CAFETTERIE a leggersi il GIORNALE ?. Sai quanti voti in meno, avrebbe qualche PARTITO !