Purosangue e glamour per il Derby di Capannelle

All'ippodromo la sfilata dei 40 modelli disegnati dagli allievi dell'Accademia Koefia, durante la corsa dei cavalli

«Purosangue in pista e glamour in passerella», il nome dell'evento domenicale all'ippodromo romano di Capannelle è tutto un programma.
Moda e ippica vanno da sempre a braccetto e le grandi manifestazioni sono tradizionali occasione di eleganza country, la Gran Bretagna insegna con le famose corse all'ippodromo di Ascot.
Nella capitale, l'occasione principe è il Derby italiano, 131esimo della lunga serie .
Anche stavolta, nel parterre dell'ippodromo che ospita come ogni anno la giornata più importante della stagione del galoppo, è stata una gara soprattutto a chi sfoggiava il più originale cappello, come prescritto dal «dress code».
Sulla terrazza vip, dove si svolgeva un «Race cocktail», si è tenuto il concorso eleganza Longines, con tanto di musica dal vivo .
E insieme alla corsa dei purosangue provenienti dalle prestigiose scuderie del mondo, il pubblico che affollava le tribune ha potuto assistere alla sfilata dei modelli disegnati dagli allievi dell'Accademia Koefia.
In tutto 40 capi, creati esclusivamente a mano dagli iscritti al terzo anno, che hanno realizzato la collezione puntando ad un look di classe, che allo stesso tempo risulta sportivo e pratico.
Non poteva essere che una moda casual di gusto retrò, quella che faceva omaggio ai protagonisti della giornata e, soprattutto, ai migliori cavalli .
I vincitori sono stati scelti da una giuria di stilisti ed esperti del settore, tra i quali la designer toscana Antonella Rossi, che si prepara a partecipare alle sfilate di Alta Roma: «Il livello di questi giovani è senz'altro alto, è stato un piacere assistere alla loro sfilata e selezionare i più promettenti».
Anche con eventi come questo il mondo dei purosangue si incontra con quello del fashion, e con eleganza e stile riesce a rinnovare questo tradizionale appuntamento della capitale.