Quattro gatti vagabondi da Ascoli alla destra

Ripartire dai giovani, dalle donne, da­gli outsider per una rivoluzione italiana. Ripartire dalle idee e non dai casi perso­nali.
Salvare la politica dai politici e dai par­titi...

Si chiama Progetto Itaca il nome prov­visorio di una Conventio - senza en­ne finale - che si terrà domani in un mona­stero nei pressi di Ascoli Piceno. S’incon­treranno persone e gruppi che non vo­gliono assistere inerti alla morte definiti­va della destra in Italia.

Destra morale e civile, culturale e so­ciale, prima che politica. È aperta a chi proviene da tutte le destre possibili, per­sino quelle scontente di essere destra (beceri esclusi). Non è contro nessuno.

Itaca vuol dire ritrovare l’origine, libe­rarsi dei proci, ripartire per il viaggio dan­tesco.
Condivido quasi tutte le critiche al seminario e la voglia di stare in disparte. Servirà a pochissimo, lo so, ma è infinita­mente di più del Niente e dell’accidia che lo guarnisce. Vuol testimoniare, su­scitare e rispondere a chi chiede «ma voi nel frattempo dove eravate?». Noi c’era­vamo e ci provavamo, con disperata fidu­cia.

L’obbiettivo è ripartire dallo zero pre­sente e dalla Tradizione come continui­tà di ciò che è vivo. Ripartire dalla sovrani­tà, dello Stato e della politica, popolare e nazionale, sull’economia.

Ripartire dai giovani, dalle donne, da­gli outsider per una rivoluzione italiana. Ripartire dalle idee e non dai casi perso­nali.
Salvare la politica dai politici e dai par­titi. Rivedersi. Animare una proposta co­munitaria, prepolitica e sociale, con stile e passione civile; tentare di riunire le for­ze sparse in campo.
Quattro gatti, per carità, come fu nel ’92. Spesso si finisce come si comincia, in quattro gatti.
A volte no, si diventa 444 e un grido può provocare una valanga.

Commenti

lunisolare

Sab, 14/07/2012 - 14:10

Progetto Itaca, un concetto che richiama alla mente un personaggio che riuscì dopo molte peripezie a ritornare in patria, potrebbe essere il tema della convention, il ritorno ad una politica per il popolo, seria, fattiva, riconosciuta a livello internazionale, progettuale, sociale, un taglio netto al populismo che ha rovinato l'Italia.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 14/07/2012 - 15:02

QUESTO TIPO DI DEMOCRAZIA,uscita da una Guerra Mondiale,vecchia di 65 anni,è un modello che non funziona più,perchè il consenso popolare "OGGI" è estremamente trasversale SU TROPPI PUNTI! Un partito,inteso nel modo "tradizionale",non è più in grado di raccogliere il consenso "in toto",da parte dei suoi elettori,perchè le opinioni su questo, su quello, sono ESTREMAMENTE differenti, prescindono dai vecchi colori,e schemi. L'unica è passare ad una democrazia diretta,popolare,con decisioni operative,demandate a costanti "referendum" propositivi ed abrogativi "ON LINE"(non come questo eventuale, puntroppo ancora CARTACEO),esecutivi della volontà popolare espressa a maggioranza,SU TUTTO. Queste "riflessioni" mi fanno piacere... Da parte di molti,si sente l'esigenza di una "nuova politica".Personalmente auspico una "nuova politica",basata su rappresentanze elette in base ad affinità maggioritarie, su temi concreti,su valori condivisi di base.La tecnologia consentirebbe di gestire questa "nuova-moderna politica",senza problemi.BASTA VOLERLO(senza tante chiacchere,e fasulli distinguo a destra e a manca.E alla base di questa "nuova politica,"Continui referendum su temi LOCALI e NAZIONALI,"on line",su tutto,vera,sola democrazia.

cincinnatus

Sab, 14/07/2012 - 15:19

Il più solido piacere di questa vita, è il piacere vano delle illusioni.

gigggi

Sab, 14/07/2012 - 15:53

Conosco solo 2 casi in europa, di destra per il popolo, al guinzaglio...e mai vorrei si ripettese...che tragedie come destre per il popolo avessero seguito o epigoni...!Se di destra si parli, mio giovane quanto sprovveduto( perchè non va a lezione da franco cassano???)conterraneo...si parli di destra liberale...o era implicito???NON PAREVA!!!!!!!!!

Ritratto di Luca Scialò

Luca Scialò

Sab, 14/07/2012 - 16:08

Ormai di Convegni se ne fanno tutti i giorni e quasi nessuno ha un seguito concreto e pratico. Forse anche questa sarà solo una commemorazione di quella destra che è morta insieme ad Almirante.

peter46

Sab, 14/07/2012 - 16:26

xZagovian...Io l'avevo detto a Prandelli che se avessimo fatto un referendum e una consultazione on-line avremmo vinto gli europei...del 2999.Il sito di Grillo è più indietro.

peter46

Sab, 14/07/2012 - 16:49

Renato Besana su 'Libero' di oggi.Una dx manca all'appello...per carità.nessuna nostalgia per la diafana AN,nè per le care memorie del vecchio MSI.Grandi battaglie,grandi illusioni,grandi sconfitte:non è il caso di rivangare.Domani,quando lo incontrerà,gli ricordi che in merito alle grandi battaglie aver partecipato a Reggio70 per me è stato un onore e una eterna soddisfazione.Per le illusioni e le sconfitte penso che nessuno di noi abbia mai coltivato l'idea che potesse tornare quel che neanche noi avremmo voluto che tornasse.Io c'ero "per quel piacere ragazzo"di cui Lei parla nei" Vinti".Malgrado il genero dell'imprenditrice televisiva.

Massimo

Sab, 14/07/2012 - 17:29

Se ho ben capito il progetto è unire tutte le Destre, perchè, finalmente, "tirino" assieme da una stessa parte, valorizzando le loro peculiarità per poter meglio raggiungere gli obiettivi di ciascuno. Se così fosse, sarebbe quel che ho sempre sostenuto. Quindi, nel mio piccolo, sono della partita.

aqualung56

Sab, 14/07/2012 - 17:32

Si trovi il coraggio di cambiare. Istituire nuove associazioni, siti internet, ascoltare le istanze della gente creando occasioni di incontro in tutte le città e dando più spazio ai giovani. Si abbia il coraggio, per i più anziani, di fare un passo indietro. Se non si agisce così la sinistra avrà sempre vita facile! Non lasciare in mano a loro tutte le problematiche del mondo d'oggi e le eventuali risoluzioni (lavoro, salute, ambiente, ecc...) anche a livelli locali.

Giacinto49

Sab, 14/07/2012 - 18:11

Un progetto che non potrà prescindere da riportare in auge valori come onestà,laboriosità, rispetto di se stessi e degli altri, amore per il proprio Paese e fiducia nelle istituzioni. Per ottenere questo, in particolare nei giovani che sono il futuro, occorrerà riformare scuola, mondo del lavoro e società in maniera che preparino (obblighino?) al valore del sacrificio, delle rinunce e del lottare per emergere e raggiungere i propri obiettivi. Troppa Grazia S. Antonio.

ghorio

Sab, 14/07/2012 - 18:32

Dal ritorno metaforico a Itaca(monastero di Ascoli Piceno) mi auguro, come lettore controcorrente, che possa nascere qualcoisa d'importante. Magari le basi per un periodico tipo "Italia Settimanale" o anche "Lo Stato" con gli intellettuali di destra finalmente uniti per lottare per un'Italia migliore, senza complessi d'inferiorità. E' auspicabile poi che questo periodico non venga snobbato dalle agenzie pubblicitarie, per le quali i lettori dell'area di centrodestra, mi riferisco ai settimanali, non usano profumi, non usano abbigliamento, non usano auto, etc, visto il boicottaggio che dura da decenni e decenni, partendo da "Il Borhgese" di Mario Tedeschi per finire allo "Stato" di Veneziani. Giovanni Attinà

ghorio

Sab, 14/07/2012 - 21:02

Ho visto che il mio commento inviato due re fa non è stato inserito. Ho iniziato la nuova fase per l'invio dei commenti e vedo già che c'è l'inghippo. In ogni caso spero che dal ritorno metaforico a Itaca portato avanti da Veneziani si possa registrare l'unità d'intenti dei cosiddetti intellettuali di centrodestra.Quindi speriamo bene per il raduno di Ascoli Piceno e che magari possa nascere un settimanle di battaglie, tipo "Italia Settimanale" o "Lo Stato", senza boicottaggi pubblicitari. Quanto agli intellettuali dell'area c'è da sperare che non si ritirino come Achille"irato i patri numi" sotto la tenda. Giovanni Attinà

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Dom, 15/07/2012 - 00:51

Per troppo tempo nessuno ha lavorato agli ideali della destra, c'era seduto sopra un elefante confuso che lasciava crescere parassiti e non si preoccupava di seminare, adesso bisogna ricominciare dal vangare la terra, concimare ecc. ce ne vuole prima di arrivare a un raccolto, ma prima si comincia a far sul serio e meglio è, insomma prima l'elefante viene rimosso e prima si può cominciare a lavorare!

peter46

Dom, 15/07/2012 - 01:13

x Zagovian."e alla base di questa 'Nuova politica,continui referendum on line su tutto....Io lo avevo detto a Prandelli di fare un referendum(e on-line)per la formazione della finale ma non ha voluto ascoltarmi.Sicuramente l'avrebbe avuta prima del 2015,ma non so se avrebbe vinto la finale.Per il Grillismo passi più avanti.

cincinnatus

Dom, 15/07/2012 - 05:28

4 gatti, appunto.

GIULIETTI

Dom, 15/07/2012 - 10:24

Idee: che roba é? Progetto: chi ne ha uno? Tutti parlano di cambiamento, ma con parole trite e ritrite, che non costano nulla, ma che non dicono nulla. Esempio: Berlusconi. Si é proposto per riformare il Paese, ma poi non ha approfittato dei periodi di forza per rivoltare veramente l'Italia. Vedi ad esempio riforma della giustizia: da fare come riforma costituzione e portare al voto popolare. Se quattro gatti parlassero di cose serie e concrete (non chi allearsi e quale posizione occupare in parlamento, come fanno tutti!) potrebbero trovare ascolto interessato.

Ritratto di tigreTarma

tigreTarma

Dom, 15/07/2012 - 11:01

Vero gigggi?

Ritratto di asarum

asarum

Dom, 15/07/2012 - 20:58

Conosco 7 o 8 casi in europa di sinistra per il popolo,altro che guinzaglio!!!! Il paradiso dei lavoratori......peccato siano falliti!!!!

diframagictrix

Mer, 18/07/2012 - 09:32

Salve Veneziani, purtroppo ho saputo con ritardo dell'iniziativa ad Ascoli a cui avrei certamente partecipato in primo luogo per conoscerla e poterle strigere la mano ( spero sarà possibile nell'incontro con Magdi Allam di venerdì) e poi per consegnarle queste mie brevi riflessioni su cosa secondo me dovrebbe essere fatto per salvare il nostro Paese da una lenta agonia della quale già siamo vittime. Ecco di seguito i punti elencati: 1- POLITICA ECONOMICA. USCITA DALL’EURO E RITORNO ALLA LIRA CON SVALUTAZIONE COMPETITIVA DEL 30% LA BANCA D’ITALIA STAMPA I SOLDI CON CUI RICOMPRIAMO IL DEBITO PUBBLICO E CONTESTUALMENTE STAMPA UNA QUANTITA’ DI MONETA DA IMMETTERE COME LIQUIDITA’ SUL MERCATO PER REALIZZARE OPERE INFRASTRUTTURALI NELLA MISURA DEL 5% ANNUO. NON SI CREA INFLAZIONE E DI RIDA’ FORZA AL MERCATO INTERNO. DALLA RINATA COMPETITIVITA’ DEL SISTEMA INDUSTRIALE TORNEREMO AD ESPORTARE I NOSTRI PRODOTTI ALL’ESTERO IN MISURA SEMPRE CRESCENTE REALIZZANDO SURPLUS COMMERCIALI IN VALUTA ESTERA CON I QUALI PROVVEDEREMO A STERILIZZARE L’ACQUISTO DI ENERGIA DALL’ESTERO ( OVVERO CON I DOLLARI, FRANCHI REAL,CORONE CHE OTTERREMO ESPORTANDO ACQUISTEREMO PETROLIO, GAS E MATRIE PRIME ) 2- SISTEMA BANCARIO E DEL CREDITO. NAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO (PENSO A 4-5 GRANDI BANCHE NAZIONALI ED ALTRE 10 -12 BANCHE LOCALI) ; DIVIETO PER LE BANCHE DI FARE RACCOLTA ED INVESTIMENTI ( netta divisione tra le banche commerciali e le banche d’investimento). VENDITA PATRIMONIO IMMOBILIATE STATALE. 3- RIFORMA FISCALE CON RIDUZIONE ALIQUOTA SUL REDDITO CON SOGLIA MAX DEL 15% INTRODUZIONE DI UNA TASSA PATRIMONIALE SULLE RENDITE IMMOBILIARI PROGRESSIVA CON ESENZIONE TOTALE PER LE PRIME CASE 4- POLITICA ENERGETICA, COSTRUZIONE DI RIGASSIFICATORI E PUNTARE SULLO SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE COME IL PROGETTO E-CAT DEL PROF. ROSSI ( NO AL FOTOVOLTAICO ED EOLICO) 5- RIFORMA GIUSTIZIA, SI ALLA RESPONSABILITA’ CIVILE E PENALE PER I MAGISTRATI. COSTRUZIONE NUOVE CARCERI ED UTILIZZO DEI DETENUTI PER LAVORI SOCIALMENTE UTILI( PULIZIA STRADE, COLTIVAZIONE CAMPI,…).MOBILITA’ DEI MAGISTRATI E VELOCIZZAZIONE CAUSE CIVILI ENTRO 12 MESI. 6- POLITICA INTERNAZIONALE, RITIRO DI TUTTI I CONTINGENTI MILITARI DALLE MISSIONI ESTERE E PROGRAMMAZIONE INVESTIMENTI IN ARMI E TECNOLOGIE DI DIFESA. 7- RIFORMA PENSIONI.SI ANDRA’ IN PENSIONE A 55 ANNIED A TUTTI SPETTERA’ UNA EGUAL PENSIONE NON INFERIORE AI 1500 EURO SLEGATA DAI CONTRIBUTI VERSATI GIACCHE’ I PENSIONATI, SON TUTTI UGUALI.(UGUAL DIGNITA’ PER TUTTI) 8- RIFORMA DELLA POLITICA. ABOLIZIONE DEL RIMBORSO DI STATO AI PARTITI SOTTO QUALSIASI FORMA. RIDUZIONE DI 2/3 DEI NUMERO DI PARLAMENTARI. ELIMINAZIONE DELLE PROVINCE E RELATIVO RIDIMENSIONAMENTO DEL NUMERO DEI CONSIGLIERI REGIONALI E COMUNALI ( NON DEGLI ASSESSORI). 9- POLITICHE PER LA FAMIGLIA. ASSEGNO DI SOSTEGNO DELL’EQUIVALENTE DI 50.000 EURO PER CIASCUN FIGLIO NATO DA COPPIE ITALIANE ( SPOSATI E NO).RICONOSCIMENTO DI UN PLAFOND PER LE SPESE CORRENTI A TUTTE LE PERSONE CON GRAVI PROBLEMI FISICI E PSICHICI. E CONTESTUALE ELIMINAZIONE DELL’INDENNITA’ D’ACCOMPAGNAMENTO. 10- POLITICA DELL’IMMIGRAZIONE. LIMITAZIONE TEMPORANEA ALL’INGRESSO PER GLI EXTRACOMUNITARI E DIVIETO PER LE RICONGIUNZIONI AUTOMATICHE. NESSUNA CITTADINANZA PRIMA DEI 10 ANNI E NESSUN DIRITTO DI VOTO PRIMA DI QUEL TERMINE. 11- POLITICHE PER LA CASA. STOP AL CEMENTO ED ALLA COSTRUZIONE DI NUOVE CASE. SI ALLE RISTRUTTURAZIONI DEL PATRIMONIO EDILIZO ESISTENTE ED ALLA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE E ZONE DEGRADATE. 12- PENALIZZAZIONI ED OBBLIGO DI RESTITUZIONE DEGLI INCENTIVI GODUTI DA PARTE DI TUTTE QUELLE IMPRESE CHE PORTANO LE PROPRIE UNITA’ PRODUTTIVE ALL’ESTERO. AL CONTEMPO SI PREVEDERANNO AGEVOLAZIONI E NO-TAX ZONE PER TUTTI COLORO CHE DECIDERANNO DI RITORNARE A PRODURRE STABILMENTE IN ITALIA. 13- LA RELIGIONE DI STATO E’ QUELLA CATTOLICA E PUR RESTANDO LA LIBERTA’ DI CULTO NESSUNO POTRA’ AVANZARE ALCUNA PRETESA SU SIMBOLI, RITI E MANIFESTAZIONI DELLA RELIGIONE DI STATO. 14- POLITICA DI SOSTEGNO A PAESI IN VIA DI SVILUPPO. INDIVIDUARE UN PAESE IN VIA DI SVILUPPO OD UN’AREA IN CUI DIRIGERE FONDI ED INVESTIMENTI IN CAMBIO DI RISORSE NAURALI E DERRATE ALIMENTARI. FAVORIRE L’INTERSCAMBIO CULTURALE CON DETTO PAESE ANCHE ATTRAVERSO LA FORMAZIONE DI PERSONALE . 15- DIRITTO DI VOTO. IL VOTO INFORMATIZZATO SARA’ CONSENTITO IN RAGIONE DEL SUPERAMENTO DI UN TEST CHE VERIFICHI LA COMPRENSIONE EFFETTIVA DELLE MATERIE OGGETTO DI VOTAZIONE. TALE TEST VERRA’ EFFETTUATO AL MOMENTO DEL VOTO ATTRAVERSO TRE DOMENDE PRELIMINARI ALL’ESERCIZIO DEL VOTO STESSO PER VIA INFORMATICA. SOLO CHI DIMOSTRERA’ DI AVER LE CONOSCENZE ADEGUATE SARA’ IN GRADO DI POTER ESPRIMERE IL VOTO.

diframagictrix

Mer, 18/07/2012 - 09:43

Salve Veneziani, scrivo per dirle che se avessi saputo dell'incontro di Ascoli sarei certamente venuto, per poterla conoscere ed in secon'ordine, per renderla partecipe delle mie riflessioni su cosa si dovrebbe realmente fare per migliorare il nostro Paese.Sper comunque di poterla incontrare venerdì all'incontro con il vice direttore del Corriere. Ecco di seguito le mie semplici riflessioni. 1- POLITICA ECONOMICA. USCITA DALL’EURO E RITORNO ALLA LIRA CON SVALUTAZIONE COMPETITIVA DEL 30% LA BANCA D’ITALIA STAMPA I SOLDI CON CUI RICOMPRIAMO IL DEBITO PUBBLICO E CONTESTUALMENTE STAMPA UNA QUANTITA’ DI MONETA DA IMMETTERE COME LIQUIDITA’ SUL MERCATO PER REALIZZARE OPERE INFRASTRUTTURALI NELLA MISURA DEL 5% ANNUO. NON SI CREA INFLAZIONE E DI RIDA’ FORZA AL MERCATO INTERNO. DALLA RINATA COMPETITIVITA’ DEL SISTEMA INDUSTRIALE TORNEREMO AD ESPORTARE I NOSTRI PRODOTTI ALL’ESTERO IN MISURA SEMPRE CRESCENTE REALIZZANDO SURPLUS COMMERCIALI IN VALUTA ESTERA CON I QUALI PROVVEDEREMO A STERILIZZARE L’ACQUISTO DI ENERGIA DALL’ESTERO ( OVVERO CON I DOLLARI, FRANCHI REAL,CORONE CHE OTTERREMO ESPORTANDO ACQUISTEREMO PETROLIO, GAS E MATRIE PRIME ) 2- SISTEMA BANCARIO E DEL CREDITO. NAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO (PENSO A 4-5 GRANDI BANCHE NAZIONALI ED ALTRE 10 -12 BANCHE LOCALI) ; DIVIETO PER LE BANCHE DI FARE RACCOLTA ED INVESTIMENTI ( netta divisione tra le banche commerciali e le banche d’investimento). VENDITA PATRIMONIO IMMOBILIATE STATALE. 3- RIFORMA FISCALE CON RIDUZIONE ALIQUOTA SUL REDDITO CON SOGLIA MAX DEL 15% INTRODUZIONE DI UNA TASSA PATRIMONIALE SULLE RENDITE IMMOBILIARI PROGRESSIVA CON ESENZIONE TOTALE PER LE PRIME CASE 4- POLITICA ENERGETICA, COSTRUZIONE DI RIGASSIFICATORI E PUNTARE SULLO SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE COME IL PROGETTO E-CAT DEL PROF. ROSSI ( NO AL FOTOVOLTAICO ED EOLICO) 5- RIFORMA GIUSTIZIA, SI ALLA RESPONSABILITA’ CIVILE E PENALE PER I MAGISTRATI. COSTRUZIONE NUOVE CARCERI ED UTILIZZO DEI DETENUTI PER LAVORI SOCIALMENTE UTILI( PULIZIA STRADE, COLTIVAZIONE CAMPI,…).MOBILITA’ DEI MAGISTRATI E VELOCIZZAZIONE CAUSE CIVILI ENTRO 12 MESI. 6- POLITICA INTERNAZIONALE, RITIRO DI TUTTI I CONTINGENTI MILITARI DALLE MISSIONI ESTERE E PROGRAMMAZIONE INVESTIMENTI IN ARMI E TECNOLOGIE DI DIFESA. 7- RIFORMA PENSIONI.SI ANDRA’ IN PENSIONE A 55 ANNIED A TUTTI SPETTERA’ UNA EGUAL PENSIONE NON INFERIORE AI 1500 EURO SLEGATA DAI CONTRIBUTI VERSATI GIACCHE’ I PENSIONATI, SON TUTTI UGUALI.(UGUAL DIGNITA’ PER TUTTI) 8- RIFORMA DELLA POLITICA. ABOLIZIONE DEL RIMBORSO DI STATO AI PARTITI SOTTO QUALSIASI FORMA. RIDUZIONE DI 2/3 DEI NUMERO DI PARLAMENTARI. ELIMINAZIONE DELLE PROVINCE E RELATIVO RIDIMENSIONAMENTO DEL NUMERO DEI CONSIGLIERI REGIONALI E COMUNALI ( NON DEGLI ASSESSORI). 9- POLITICHE PER LA FAMIGLIA. ASSEGNO DI SOSTEGNO DELL’EQUIVALENTE DI 50.000 EURO PER CIASCUN FIGLIO NATO DA COPPIE ITALIANE ( SPOSATI E NO).RICONOSCIMENTO DI UN PLAFOND PER LE SPESE CORRENTI A TUTTE LE PERSONE CON GRAVI PROBLEMI FISICI E PSICHICI. E CONTESTUALE ELIMINAZIONE DELL’INDENNITA’ D’ACCOMPAGNAMENTO. 10- POLITICA DELL’IMMIGRAZIONE. LIMITAZIONE TEMPORANEA ALL’INGRESSO PER GLI EXTRACOMUNITARI E DIVIETO PER LE RICONGIUNZIONI AUTOMATICHE. NESSUNA CITTADINANZA PRIMA DEI 10 ANNI E NESSUN DIRITTO DI VOTO PRIMA DI QUEL TERMINE. 11- POLITICHE PER LA CASA. STOP AL CEMENTO ED ALLA COSTRUZIONE DI NUOVE CASE. SI ALLE RISTRUTTURAZIONI DEL PATRIMONIO EDILIZO ESISTENTE ED ALLA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE E ZONE DEGRADATE. 12- PENALIZZAZIONI ED OBBLIGO DI RESTITUZIONE DEGLI INCENTIVI GODUTI DA PARTE DI TUTTE QUELLE IMPRESE CHE PORTANO LE PROPRIE UNITA’ PRODUTTIVE ALL’ESTERO. AL CONTEMPO SI PREVEDERANNO AGEVOLAZIONI E NO-TAX ZONE PER TUTTI COLORO CHE DECIDERANNO DI RITORNARE A PRODURRE STABILMENTE IN ITALIA. 13- LA RELIGIONE DI STATO E’ QUELLA CATTOLICA E PUR RESTANDO LA LIBERTA’ DI CULTO NESSUNO POTRA’ AVANZARE ALCUNA PRETESA SU SIMBOLI, RITI E MANIFESTAZIONI DELLA RELIGIONE DI STATO. 14- POLITICA DI SOSTEGNO A PAESI IN VIA DI SVILUPPO. INDIVIDUARE UN PAESE IN VIA DI SVILUPPO OD UN’AREA IN CUI DIRIGERE FONDI ED INVESTIMENTI IN CAMBIO DI RISORSE NAURALI E DERRATE ALIMENTARI. FAVORIRE L’INTERSCAMBIO CULTURALE CON DETTO PAESE ANCHE ATTRAVERSO LA FORMAZIONE DI PERSONALE . 15- DIRITTO DI VOTO. IL VOTO INFORMATIZZATO SARA’ CONSENTITO IN RAGIONE DEL SUPERAMENTO DI UN TEST CHE VERIFICHI LA COMPRENSIONE EFFETTIVA DELLE MATERIE OGGETTO DI VOTAZIONE. TALE TEST VERRA’ EFFETTUATO AL MOMENTO DEL VOTO ATTRAVERSO TRE DOMENDE PRELIMINARI ALL’ESERCIZIO DEL VOTO STESSO PER VIA INFORMATICA. SOLO CHEI DIMOSTRERA’ DI AVER LE CONOSCENZE ADEGUATE SARA’ IN GRADO DI POTER ESPRIMERE IL VOTO.

carlo.tominetti

Sab, 21/07/2012 - 12:00

Anche se, come Cardini nella sua dolorosamente splendida 'rinuncia' a tornare ad Itaca (anche se non condivisa nel mio 'spirito'), dopo una giovinezza di meravigliosa militanza sono rimasto in piedi sulle rovine in fiamme di Troia ma col sogno di seguire Enea e non Ulisse, mi piacerebbe avere gli atti del convegno di Ascoli (carloabele.tominetti@poste.it) perchè, caro Veneziani, seguo le tue battaglie e le tue pubblicazioni 'vita natural durante', e ...spero sempre.Carlo Tominetti