Record storico di tasse, ma al governo non basta: c'è un buco da 7 miliardi

Secondo i dati di Bankitalia la pressione fiscale supera  il 48% del Pil. Caccia ai fondi per Cig e missioni di pace

L'incertezza della situazione politica potrebbe minacciare le prospettive, pur molto deboli, di ripresa economica in Italia. Il lessico è, come al solito, prudente, ma la sostanza contenuta nel Bollettino economico della Banca d'Italia è chiara: il Paese non si può permettere uno stallo troppo prolungato. Servono misure immediate per contrastare la recessione. «Occorre proseguire con politiche economiche efficaci e credibili, che interrompano la spirale recessiva in atto nel nostro Paese quasi ininterrottamente dal 2008», si legge nel documento del servizio studi di via Nazionale.

La situazione resta difficile. Dopo la forte contrazione del Pil nel quarto trimestre 2012, il ritmo della recessione sembra aver rallentato nei primi tre mesi di quest'anno, ma nessun indicatore preannuncia una «svolta imminente». Le valutazioni delle imprese sulle condizioni dell'economia non migliorano, «e la fiducia dei consumatori resta orientata al pessimismo». I consumi si sono ridotti ancora in questo primo scorcio d'anno a causa della «forte incertezza» delle famiglie sulle prospettive di reddito e di occupazione. In febbraio il tasso di disoccupazione ha raggiunto l'11,6%, e il numero dei senza lavoro cresce soprattutto fra i giovani e i meno istruiti. La pressione fiscale ha raggiunto il record di sempre, superando persino il 19997, anno dell'eurotassa pagata dagli italiani per entrare nella moneta unica. Era stata pari al 47,4%. L'anno scorso ha raggiunto il 48,1% del Pil. L'aumento combinato della disoccupazione e della pressione tributaria hanno provocato la diminuzione del 4,8% del reddito reale disponibile delle famiglie: inevitabile la caduta dei consumi.

Il quadro finanziario resta ugualmente incerto. Bankitalia rileva che finora l'effetto elezioni è stato modesto sullo spread, e gli ultimi dati segnalano una ripresa dei flussi di capitale straniero verso il nostro Paese. Ma il danaro non arriva all'economia reale: nei primi mesi di quest'anno è proseguita la flessione dei prestiti alle famiglie e alle imprese. Il costo del credito appare stabilizzato, però resta un punto percentuale più elevato rispetto alla media dei Paesi dell'Eurozona. Proprio ieri il Fondo monetario internazionale ha confermato che il credito alle piccole e medie imprese «si sta contraendo rapidamente in Italia e Spagna». Le sofferenze rispetto ai prestiti alle imprese si è portato ai livelli della recessione dei primi anni Novanta, ma «l'assetto patrimoniale delle nostre banche resta solido».

Su questo scenario si deve mettere in piedi una politica economica. Bankitalia non parla esplicitamente di una manovra aggiuntiva, ma è evidente che la previsione governativa di un disavanzo 2013 al 2,9% lascia aperte gravi incognite. Mancano all'appello i 2,3 miliardi per finanziare la cassa integrazione in deroga, e 600-700 milioni per pagare le missioni internazionali. Poi ci sono i pagamenti arretrati della Pubblica amministrazione alle imprese. Secondo il sottosegretario all'Economia Gianfranco Polillo, «ci sono spese in eccesso fra i cinque e i sette miliardi di euro che hanno bisogno di copertura finanziaria». Ed è evidente che il tutto dovrà essere reperito con tagli di spesa, visto che la pressione fiscale ha raggiunto, come s'è visto, livelli insopportabili. Nonostante la recessione, nei primi tre mesi di quest'anno le entrate sono aumentate dello 0,8% sullo stesso periodo 2012, grazie al gettito dell'imposta sostitutiva sul risparmio gestito e alle ritenute Irpef sui redditi da lavoro.

Il decreto sui pagamenti della Pubblica amministrazione per 40 miliardi in due anni potrà portare benefici all'economia, rileva la Banca d'Italia, ma molto dipenderà dai tempi dei rimborsi e dall'uso che di questo danaro faranno le imprese. In ogni caso, le previsioni degli effetti del provvedimento sulla crescita economica sono molto incerte: l'ipotesi del servizio studi della banca centrale è che il contributo al Pil potrebbe variare fra lo 0,5 e lo 0,7% complessivo nel biennio. Insomma, non si tratta di una pozione magica per l'economia.

Commenti

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 18/04/2013 - 08:13

quando si sbaglia politica economica e quando si sbagliano tutti i ministri, gli errori sono certi: nel governo degli incapaci, dove qualsiasi previsione è comunque sbagliata, anche la più piccola mossa comporta risultati finali sballati che nessuno di questi ministri accetterà mai di riconoscere

APG

Gio, 18/04/2013 - 08:39

Le missioni di pace dovrebbero mettersele su per il c...o a loro, e non farle pagare a noi Italiani!

Ritratto di unLuca

unLuca

Gio, 18/04/2013 - 08:44

Complimenti al Professooooooooooooooooooooooore.

franco@Trier -DE

Gio, 18/04/2013 - 08:49

se c'è un buco bisogna chiuderlo come vuole fare Monti ,se poi al governo ci sono persone che seguitano aprire dei buchi mica è colpa di Monti o sbaglio?Io penso che se tutti in Italia pagassero le tasse non necessiterebbero manovre ne manovrine da parte di Monti in questo caso sarebbe bravo? O la colpa è dei cittadini evasori fiscali?.RIFLETTETE!

laura

Gio, 18/04/2013 - 09:03

DOve andranno a cercare i fondi per le missioni all'estero??/ Si accettano scommesse. Andranno a pescare nell'acquasantiera INPS ( ovvero nel FPLD). Invece di parlare di pensioni basse e pensioni d'oro, senza mai entrare nel merito di come si sono ottenute, fate un'inchiesta seria su come l'INPS spende i contributi dei lavoratori dipendenti e ne salteranno fuori delle belle. Non e' la prima volta che le casse dell'INPS vengono saccheggiate per le missioni all'estero. Queste cose vanno dette!!! PUBBLICARE PREGO!!

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Gio, 18/04/2013 - 09:36

Invece di dare 40 mld al fondo salva stati che serve solo ai crucchie ai francesi che hanno prestato soldi a cani e porci (se uno sbaglia ad investire fallisce, se sbagliano i crucchi dobbiamo pagare noi?), li poteva dare alle imprese e far ripartire l'economia. E intanto grazie a questo venduto ci becchiamo il disastro economico.

mrkrouge

Gio, 18/04/2013 - 09:44

A Monti è mancata l'umiltà di riconoscere di non essere in grado di dirigere un Paese nel momento in cui glielo hanno proposto. E di questo ne stiamo pagando tutti le conseguenze.

m.m.f

Gio, 18/04/2013 - 09:47

monti e il suo governo andrebbero arrestati per strage. il minimo,quello che ce li ha messi che adesso finalmente si è tolto dai coglioni denunciato per attentato alla costituzione.

cotoletta

Gio, 18/04/2013 - 10:02

le missioni di pace fatele pagare alla boldrini ed i suoi accoliti...!

dementina1

Gio, 18/04/2013 - 10:04

mio caro monti t chiamano professore ma io non ti farei fare neppure il bidello sarai ricordato x il + grande insulso premier che l italia abbia mai avuto

EmanueleS

Gio, 18/04/2013 - 10:05

Vorrei rispondere al commento: franco@Trier -DE Gio, 18/04/2013 - 08:49. Sig. Trier, con tutto il rispetto, quando le tasse superano una certa soglia il discorso dell'evasione fiscale non regge più. Si chiama "Effetto Laffer", in cui, quasi automaticamente, le persone oneste cercano di non farsi fregare da dei ladri al potere. Ah certo, il disonesto le evaderà sempre le tasse. Bisogna far in modo che le tasse siano giuste e sia possibile scaricare dalle tasse le spese della vita corrente, in questo modo buona parte dell'evasione verrà eliminata (ma, evidentemente, non lo vogliono, visto che la relativa legge si è arenata al senato). Quando uno stato pletorico e governato da inefficienti/incompetenti ladri (che ti fanno anche, ipocritamente, la morale) ti porta via, tra tasse dirette ed indirette, circa il 60% ed oltre di quello che guadagni (pressione fiscale reale, non le bubbole diffuse in rete dall'Istat, che è a gestione statale), allora evaderle non è più un reato, ma è autodifesa, è pura sopravvivenza. Purtroppo gli uomini di potere incapaci ed avidi qui, in Italia, arrivano ai posti di comando perché chi controlla non fa il suo dovere ma, spesso, è colluso. Bisogna rivoltare questo paese come un calzino e sbattere in galera (costruendo tante nuove e belle carceri, così si stimola l'edilizia) chi ha fatto malapolitica e malaffare, confiscando tutti i loro beni come si fa con i mafiosi (nessuno escluso: destra, sinistra e centro). Un'ultima notizia che farà tremare un po' di chiappe: se l'Italia esce dall'Euro, collasserà tutta l'impalcatura dell'Euro-truffa ed i finti maestrini dell'Europa (che non hanno capito nulla di macroeconomia nonostante le lauree) la smetteranno di menarcela e di parlare a vanvera. C'è tanta gente onesta che è seriamente incavolata di continuare a farsi prendere per i fondelli da supposti uomini e donne "superiori". Ci ribelleremo e gli spaccheremo il didietro se non la finiscono. Mi rivolgo ai politici ed allo stato-nemico italiano: LASCIATECI VIVERE LA NOSTRA VITA, FATEVI DA PARTE E RIDUCETEVI AL MINIMO INDISPENSABILE, RIDUCETEVI AI MINIMI TERMINI... ALTRIMENTI CI SARA' PROBABILMENTE UNA RIVOLUZIONE: BASTA CON LA CATTIVA/INCOMPETENTE AMMINISTRAZIONE. Sig.Trier, detto questo, la saluto e le auguro una buona giornata. Cordiali saluti.

il gotico

Gio, 18/04/2013 - 10:07

"Occorre proseguire con politiche economiche efficaci e credibili..." ovvero le sue politiche sono le tasse, l'innalzamento dell'IVA, altri balzelli... a casa mia quando ho freddo prima chiudo le finestre e tappo gli spifferi, lui invece alza la temperatura, tanto a pagare la bolletta siamo noi... questo sarebbe il luminare dell'economia ? Noi lo scopriamo ora, penso che nessuno in precedenza abbia avuto sott'occhio le imprese di codesto "genio", ma se lavora così mi chiedo quante aziende ha fatto fallire ? Quanti danni ha provocato in giro per il mondo ? Ma è così difficile iniziare a ridurre gli sprechi ? Noi Italiani ci siamo ridotti l'indispensabile, lui invece imperterrito gode dei suoi privilegi e si permette di dire che se l'economia non riparte è colpa delle aziende... ne avevamo a sufficienza d'incompetenti e falsi... di lui possiamo farne a meno.

MEFEL68

Gio, 18/04/2013 - 10:15

Se non ci si comincia a domandare perchè da noi la politica costa il doppio e il triplo di quanto avviene negli altri Paesi occidentali, il buco nei conti pubblici si allargherà sempre di più come quello dell'ozono. Anche se gli italiani versassero all'unanimità, tutti i loro guadagni nelle casse dello Stato, o se trovassimo l'ro e il petrolio sotto l'asfalto, state pur certi, che qualche euro mancherebbe lo stesso.

vince50

Gio, 18/04/2013 - 10:34

Sig.franco@Trier -DE mi permetta,i suoi commenti sono di una banalità allucinante.Lei o parla per sentito dire oppure vive in un'altra galassia,in ogni caso suppongo NON in Italia.Quello di cui lei parla(tasse e evasori fiscali),non è altro che la stessa maledettissima solfa che ci propinano da tempo immemorabile i comunistoidi.Ossia non parlano mai di come gestire in modo onesto l'enormità di quanto NOI!!!Italiani paghiamo,ma piuttosto di aumentare continuamente e spropositatamente le entrate.Questo è tipico,è inequivocabile,è Stalinismo allo stato puro.Evadere(non è il mio caso)in questo "stato" di cose NON è disonestà,ma semplicemente LEGGITTIMA DIFESA nel disperato tentativo di non soccombere oppure suicidarsi per la disperazione.Non creda alle favole di regime,voli più basso anzi stia con i piedi per terra.

rob73.dc

Gio, 18/04/2013 - 10:36

A scanso dei soliti equivoci, giova ricordare che le tasse cosiddette "di Monti" sono state approvate in Parlamento dai parlamentari (salvo isolate dissidenze) di PD, UDC, PDL (incluso l'allora deputato Silvio Berlusconi). In Italia e' il Parlamento che decide, senza questi voti il Governo Monti non avrebbe potuto mettere alcuna tassa. Allo stesso modo, non e' il Presidente della Repubblica che impone un Governo: il Parlamento, sempre il Parlamento, ha il potere di mandarlo a casa fin dal primo momento. Per EmanueleS: come ha scritto lei, la legge che cita (e non solo quella) si e' arenata in Senato. Io sono d'accordo con franco, in Italia si e' in questa situazione per chi non paga le tasse, ma a prescindere da cio' non e' Monti che ha creato alcunche', non lasciamoci distrarre da facili capri espiatori.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Gio, 18/04/2013 - 10:36

@franco@Trier - tu pagheresti le tasse per mantenere concittadini in pensione (calcolata sull'ultimo stipendio, non in base ai contributi) dopo 15 anni, 6 mesi ed un giorno di lavoro ? Non credo, lasceresti piuttosto la Germania come io ho lasciato l'Italia.

a.zoin

Gio, 18/04/2013 - 10:41

Il sig. Monti, prima emanare leggi su NUOVE TASSE, dovrebbe vivere a stenti (COME STANNO VIVENDO MOLTI ITALIANI IN QUESTO PERIODO DI CRISI.) Solo allora potrebbe capire, le conseguenze di ciò che stà facendo. ( Avesse fatto ciò per cui è stato assunto, sia lui che la banda di RUBAGALLINE del suo governo, l`Italia non sarebbe in queste condizioni.)

Gianca59

Gio, 18/04/2013 - 10:43

Basta con queste missioni internazionali del cacchio. Che vantaggio ne traiamo come Paese ? Non vorrei che alla fine servissero solo per la gloria di qualche nostro generale (si dedichi ad un colpo di Stato: forse ne trarrebbe di più) e a riempire le tasche di qualcuno .....

acam

Gio, 18/04/2013 - 10:44

perché non lo fa chiudere da mps?

Ritratto di sergio la terza

sergio la terza

Gio, 18/04/2013 - 11:00

MONTI-quando è che và a morire amazzato come stà obbligando tanti italiani in crisi?

epesce098

Gio, 18/04/2013 - 11:01

EmanueleS - Concordo perfettamente con il suo commento e fra quelli che evadono le tasse includerei anche quelli che non possono farlo per mancanza di liquidi e qui le soluzioni sono due o evadere o suicidarsi.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 18/04/2013 - 11:05

Perchè nessuno ricorda al nostro Quisling i tempi in cui vedeva la luce in fondo al tunnel?

Duka

Gio, 18/04/2013 - 11:12

Rendiamoci conto d'aver messo un TECNICO IN ECONOMIA uno che di ECONOMIA non capisce niente.

acam

Gio, 18/04/2013 - 11:12

bocconi, il dialetto romanesco definisce cosi tutti coloro che abbocanno... e quel gran talento di giorgio ne prende il capo, gli costituisce il vitalizio e ce lo fa governà... acchidenti che pregi!pensate seno ce li avesse... forse gli italiani sono bocconi...

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 18/04/2013 - 11:35

C'è un buco ? Bene , date a Monti e a Fornero delle vanghe e del terriccio e mandateli a chiuderlo, oppure ,se non hanno le forze per vangare c'è un'altra soluzione : prelevare dai loro conti correnti una cifra pari al buco. Un adomanda a Monti : quando vediamo il guadagno dei 4 miliardi di euro 'prestati' al MpS ? Lo metteranno su internet ? Speriamo di sì, coì posiamo giudicare se è satto fatto un ottimo lavoro e se si è raggiunti l'eccellenza. Buona giornata a tutti

unosolo

Gio, 18/04/2013 - 11:37

è mo ? soluzione : riprendere quei miliardi scalandoli dalle pensioni e stipendi dei parlamentari ed ex parlamentari e la parte che manca in una questua tra i sindacati nazionali , forse solo in questa maniera riusciremo ad avere in parlamento gente che lavori per la nazione e non per i propri interessi come avvenuto in questi ultimi trenta anni. Se non gli si toccano i soldi questi politici e casta se ne fregano del popolo lavoratore.

APG

Gio, 18/04/2013 - 12:14

Noi intanto continuiamo a pagare € 46 al giorno per ognuno dei profughi clandestini che arrivano a barcate dall'Africa, più vitto, più scheda telefonica, più sigarette più ... l'uomo non è di legno .... !!!!! Ma per i nostri pensionati ed i nostri esodati per quelli non ci sono fondi! Questo è un paese di merda governato da delle merd....cce a partire dai politici più in alto, che hanno riempito e stanno riempiendo il nostro paese di miseria.

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 18/04/2013 - 12:20

Tutti..ma proprio TUTTI... quando è stato chiesto di rinunciare all'assegno di fine mandato hanno risposto... no assolutamente ci aspetta di diritto... e non sono pochi euro ma migliaia di euro..

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 18/04/2013 - 12:30

Ci sono i 500 euro da dre ai profughi per mandarli via , ma prendono i soldi e restano qui lo stesso, paghiamo più di 40 euro al giorno per ognuno dei rifugiati ( i miei genitori in pensione prendono 22 euro al giorno dopo una viat passat in fabbrica, quella di una volta non quella di adesso dove per sollevare un peso e non si ha il carroponte non si fa niente. In più sto apsettando 187 euro come onorario per aver lavorato come presidente nel seggio il trascorso 25 Febbraio ( 5 euro netti al'ora) : ma il Comune non ha i soldi perchè li sta aspettando dallo Stato che ha sua volta è anche la verde. L'importante è dare 4 miliardi all'ottima banca MpS che li rivredremo CON IL BINOCOLO , capitale ed interessi.

Ritratto di dbell56

dbell56

Gio, 18/04/2013 - 12:36

EmanueleS, hai tutta la mia simpatia x ciò che hai scritto. Un'ultima cosa però potevi scrivere al Franco@Trier Uber alles e cioè se lui sia convinto che in Germania paghino tutti le tasse o pure se lì esistano gli evasori fiscali, viste le ultimissime notizie a riguardo!!

il gotico

Gio, 18/04/2013 - 12:42

Le colpe che imputo a Monti, sono quelle di aver picchiato duro solo sui poveri, senza mai provare a ridurre i privilegi della casta. Se all'indomani del suo mandato avesse detto:"Dopo l'IMU, cari onorevoli, è il vostro turno", avrebbe preso alle successive elezioni ben più del suo misero 10%, invece ricordo bene che è uscito dicendo che la meccanica dello stipendio dei politici era assai complessa e ci sarebbe voluto un anno per comprendere quali misure apportare, e in parlamento esultavano come allo stadio... Lui che dovrebbe essere un luminare dell'economia non riesce a fare 20.000 diviso 2 o 3 ? Quanto ci vuole per obbligare i politici a presentare una pezza giustificativa, a proibire che nelle spese extra rientri la nutella, i gratta e vinci e i giochi della Playstation ? Manda i suoi sgherri in giro per l'Italia a colpire la parrucchiera che non emette scontrino fiscale, ma per caso si scopre che era a conoscenza del casino di MPS. Ora che sia stato appoggiato da PD, PDL, e metteteci chi volete, si è presentato come un tagliateste, non ha pensato che i poveri alla fine non ne hanno più e si ammazzano... facile colpire nel mucchio, anzi più che facile è da codardi.

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 18/04/2013 - 13:16

Gotico, credi veramente che Monti sia un luminare dell'economia ? Ci hanno propinato il professore come un esempio : ma uno che insegna(?????) e scrivi libri (???) e in pratica fa esattamente il contrario dà solo esempio di incoerenza per cui non è assolutamente affidabile (infatti si vedono i risultati). Se poi mi si viene a dire che la situazione era tragica e quindi difficile da sistemare allora l'incarico non dovrebbe essere accettato ! Troppo comodo dare sempre la colpa al 'predecessore'.

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 18/04/2013 - 14:57

questo grande incapace ha gia rovinato l' italia ora la vuol anche bruciare: merita solo un processo ed una condanna esemplare!

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 18/04/2013 - 15:39

Tutti..ma proprio TUTTI... quando è stato chiesto di rinunciare all'assegno di fine mandato hanno risposto... no assolutamente ci aspetta di diritto... e non sono pochi euro ma migliaia di euro..