Sallusti ancora a giudizio per omesso controllo: diffamazione magistrato

Sallusti rinviato a giudizio per omesso controllo in un procedimento per diffamazione ai danni di un procuratore militare

Aula di tribunale

Un altro rinvio a giudizio per Alessandro Sallusti, e anche questa volta c'è di mezzo, come presunta vittima, un magistrato: un procuratore militare della Repubblica che si sentì diffamato da una intervista pubblicata su "Libero", allora diretto da Sallusti, al generale dei carabinieri Antonio Pappalardo. Nonostante la rilevanza del tema trattato, e nonostante che in udienza gli avvocati del querelante abbiano comunicato di non volersi costituire in giudizio contro Sallusti, il giudice Maria Grazia Domanico ha disposto il rinvio a giudizio del direttore del "Giornale" per omesso controllo. Il processo si terrà il prossimo 5 dicembre.

Invano i legali di Sallusti hanno prodotto sentenze della Cassazione secondo cui non costituisce reato la pubblicazione di una intervista, se l'intervistato ha un ruolo sociale rilevante e la notizia è di pubblico interesse. Difficile negare che, nel caso specifico, ricorressero entrambe le circostanze. Pappalardo, che all'epoca dei fatti era presidente dell'organismo sindacale dell'Arma, aveva accusato pubblicamente Massimo D'Alema per la legge di riforma dei carabinieri. E si era ritrovato sotto inchiesta. Nel fascicolo, aveva però trovato un post it da cui sembrava che a sollecitare l'indagine fosse stato il presidente della Camera, Luciano Violante, dello stesso partito di D'Alema.

Questo aveva raccontato Pappalardo nell'intervista a Libero. Che oggi il giudice preliminare ha ritenuto diffamatoria, con tanti saluti (per l'ennesima volta) alla libertà di stampa.

Commenti

agosvac

Gio, 27/09/2012 - 13:12

E già, ci mancava: quando la belva è ferita, tutti i cani gli vanno addosso!

antes1

Gio, 27/09/2012 - 13:34

Se libertà di stampa significa poter diffamare a piacere, allora abbasso la libertà di stampa. Se libertà di stampa significa poter rovinare impunemente la vita alle persone, io allora mi schiero col dr. Boffo.

hacrash

Gio, 27/09/2012 - 13:38

Nel caso di specie poi è evidente che l'intervistato racconta un fatto che è di pubblico interesse. che orrore!

mahatma49

Gio, 27/09/2012 - 13:43

Ce l'ho con Berlusconi perchè non è riuscito a mandare a casa, o quanto meno trasferire, tutti i magistrati politicizzati.

minestrone

Gio, 27/09/2012 - 13:52

Quindi persevera

Roberto Casnati

Gio, 27/09/2012 - 14:12

Davvero la magistratura italiana fa pena e ribrezzo. Ma come si può permettere che dei magistrati usino le leggi per propri fini personali se non addirittura politici? Tutti questi procedimenti sono pagati con denari pubblici, cioè di tutti noi! Come alcuni magistrati si possono permettere di ordinare intercettazioni a gò-gò sempre pagate da denari pubblici? Come la magistratura si può permettere di rinviare a giudizio per ben 29 volte un privato cittadino soltanto perché costui ha osato pensare di riformare un sistema giudiziario malato? Perché si lesinano soldi alla sanità e non si mette alcun freno al dissanguamento delle casse dello stato operato da questi magistrati imbecilli? Perché i suddetti magistrati si oppongono tenacemente alla separazione delle carriere? Perché non è concesso alla difesa di acquisire tutti gli atti d'indagine in possesso dell'accusa? Perché alla difesa non é concesso di chiedere alle forze di pubblica sicurezza di svolgere indagini volte ad appurare una verità diversa da quella scritta a priori da un qualsiasi pm? Come mai un ignorante come Di Pietro ha potuto laurearsi in legge ed addirittura fare il magistrato? In un paese civile il signor Di Pietro non avrebbe superato l'esame di 5^ elementare. Credo che a questi interrogativi non ci sia che una risposta la magistratura italiana è una casta di tipo mafioso.

elalca

Gio, 27/09/2012 - 14:14

complimenti giudice Maria Grazia Domanico, sarà contenta? avanti con un'altra porcheria pagata dal contribuente. verrà un giorno........

cgf

Gio, 27/09/2012 - 14:14

c'era già pronto il secondo colpo in canna! Se Berlusconi fosse meno Cavaliere e volesse querelare i giornali che lo diffamavano quando era Presidente del Consiglio, i giornali italiani sarebbero tutti senza direttore, si riempirebbero le prigioni di bloggers, solo per un reato di opignone.... viva la democrazia? Silvio, per favore, dimostra loro la loro democrazia...

Luigi Fassone

Gio, 27/09/2012 - 14:20

Questa qui,secondo me,è ancora più grave dell'altra che ha portato il giornalista Sallusti alle dimissioni da Direttore.Perchè quella,dai,con Renato Farina ,che pure stimavo,che dalle ultime notizie pare abbia cambiato le carte in tavola (la ragazzina 13enne era volutamente consenziente,oltre alla madre,all'aborto ; vabbè,il padre non si era ancora espresso,quel giudice avrebbe potuto,prima di emettere la sentenza,sollecitare anche il suo,di consensi...)firmandosi con Dreyfus.Meno male che,se mi intervistano,e io sparlo di D'Alema o di Bersani,oppure,'a Maronna mi protegga,di Di Pietro,(che non è cosa estremamente difficile)e mi intervistano,i citati "STATISTI"non se ne incalano...Essendo io un emerito sconosciuto (emerito...per via dell'età)

Roberto Casnati

Gio, 27/09/2012 - 14:20

I magistrati italiani sono così stupidi da non rendersi conto che certe "sentenze", certi procedimenti portano dritti dritti alla rivoluzione ed al totale disprezzo della "giustizia" ed allora si nasconderanno dietro le forze dell'ordine invocando protezione proprio loro che le forze dell'ordine hanno mortificato e disprezzato. Mi auguro che qualche questore si "dimentichi" di mandare la scorta a qualche magistrato così che questi venga giustamente punito per la sua codardia, per la sua stupidità, per la sua iniquità.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 27/09/2012 - 14:44

Un generale dei Carabinieri tira fuori una notizia scomoda per qualcuno e il giornalista che ne da notizia viene incriminato? Siamo alla persecuzione giudiziaria? Mala tempora currunt.

Ritratto di romy

romy

Gio, 27/09/2012 - 14:49

Anche un bambino,a questo punto...............direbbe sei forte(papà) Sallusti..........

bruna.amorosi

Gio, 27/09/2012 - 16:31

ANTES 1 BOFFO è quello di cui si è scritto perciò non c'èra del falso vedete di farla finita di girare frittate . le faccio una domanda perchè tutte le offese che sono state fatte a BERLUSCONIvengono fuori da figli di magistrati? sarà un caso!!!!!!!!!!!?

Ritratto di Enrico Scarpellini

Enrico Scarpellini

Gio, 27/09/2012 - 16:53

Non mi interessa conoscere nel dettaglio circostanze ed elementi processuali, non mi interessa affatto riflettere sul reato di diffamazione e sulla sua applicabilità quando e se viene compiuto attraverso un organo di diffusione di massa, ciò che mi ripugna e mi preoccupa fortemente è la ferrea tutela sotto la quale la Magistratura ha posto l'Italia nel suo complesso con la principale finalità di difendere se stessa ed il suo incontrollabile potere. Ciò che mi preoccupa è osservare che la legge può essere quotidianamente infranta e aggirata, ma solo quando le vittime dei delitti e dei reati non sono magistrati. Ciò che mi sgomenta è l'affermazione mai smentita che un magistrato non è come ogni altro comune cittadino. Chi controlla i controllori in Italia?

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Gio, 27/09/2012 - 17:00

@ antes: e quando un magistrato manda in galera un innocente, Lei come si schiera? E ancora, quando si dimentica di depositare la sentenza, quando per vizi di forma, fa scarcerare pericolosi delinquenti, quando........., Lei è sempre con Boffo? Mi sembra un teorema da "boffone".Dalton Russell.

Rosario46

Gio, 27/09/2012 - 17:03

antes 1. Il metodo Boffo è quello di scrivere su un giornale quello che venne pubblicato nella bacheca di un tribunale. Ma a voi gonzi della sx vi hanno girato la frittata, e voi l'avete bevuta. Ma non c'è da meravigliarsi; se per 70 anni avete creduto al paradiso dei lavoratori, potete farvi imbrogliare anche sul caso Boffo, e poi venire qui a fare la morale col commentino pulitino. Saluti

Angelo48

Gio, 27/09/2012 - 17:22

Enrico Scarpellini: quanta saggezza nel suo scritto sig. Enrico. A supporto della sua dotta tesi, le riporto un passo del libro scritto dal magistrato antimafia Nicola Gratteri che - a proposito dei comportamenti dei magistrati - scrive così :"...Politici e magistrati dovrebbero riflettere sullo stato della Giustizia non scontrarsi; rischiano ENTRAMBI la delegittimazione.." "...La legge, spesso sembra non esser uguale per tutti e nel paese prevale l'opinione che essa per alcuni sia più punitiva che per altri.."; in conclusione poi, lancia l'affondo:"...l'INDIPENDENZA del giudice non e' solo nella propria coscienza, nella libertà morale,nella fedeltà ai principi,nella sua capacità di sacrificio, nella sua conoscenza tecnico/giuridica, nella LINEARITA' delle sue decisioni, ma e' anche nella sua moralità e nella TRASPARENZA DELLA SUA CONDOTTA ANCHE E SOPRATTUTTO FUORI DALLE MURA DEL SUO UFFICIO.." Che dice sig. Enrico, son parole da scolpire nella memoria di ognuno di noi cittadini, vero?? Cordialità.

Angelo48

Gio, 27/09/2012 - 17:45

antes1: a disprezzare troppo e comunque, ci si rende degni solo del proprio disprezzo. Questo e' il commento che si merita. Ma l'articolo lo ha letto? Si guardi allo specchio e compia un solo gesto; e' necessario che le spieghi quale?? Redazione: e' possibile vederlo pubblicato? Grazie!!

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Gio, 27/09/2012 - 17:53

LE DIMISSIONI CARO SALLUSTI A QUESTO PUNTO SONO INEVITABILI. I NODI PRIMA O POI ARRIVANO AL PETTINE, SENZA OFFESA OVVIAMENTE....

antes1

Gio, 27/09/2012 - 17:58

x dalton.russel - Premesso che nemmeno a me sono simpatici i magistrati, ribadisco che chi diffama mi piace anche meno di loro.

Ritratto di ladamanera

ladamanera

Gio, 27/09/2012 - 17:59

Siamo alla dittatura più becera. la sinistra che non vinc ele elezioni occupa il potere con le toghe rosse. Tutti noi che non la pensiamo come loro siamo condannati alla "galera" se non fisica morale. Abbiamo una sola speranza. Alzare la testa e ribellarci. Dire Basta.

antes1

Gio, 27/09/2012 - 18:00

Disprezzo? Lei è sicuro di capire quello che legge? Mi sa proprio di no.

Angelo48

Gio, 27/09/2012 - 18:18

antes1 : ho letto bene stia tranquillo e sereno. Mi spieghi allora, dove vede lei la diffamazione in quella intervista. Chi diffama secondo lei:chi rilascia una intervista e fa delle AFFERMAZIONI, o chi la pubblica? E tra l'altro, era una dichiarazione - quella del generale Pappalardo - già nota pubblicamente. Le giro quindi la domanda: ma e' sicuro di aver capito bene quello che ha letto? In caso negativo, sia più riflessivo (ovvero senza paraocchi)quando legge; in caso positivo (quel che a me e non solo a me sembra)balza evidente agli occhi il suo disprezzo (alias: colui che non tiene conto di quanto letto e scritto). Mi riscriva se crede!!

Willy Mz

Gio, 27/09/2012 - 18:51

attento sallusti, non c'è due senza tre. questi emeriti magistrati stanno già affilando i coltelli e caricando i fucili. bell'italia

eglanthyne

Gio, 27/09/2012 - 19:00

X antes1 Su Dino Boffo , legga le pag. 135,136,137,138 del libro " Il V

giancarlo1956

Gio, 27/09/2012 - 19:10

offri 20.000 euro.

EFISIOPIRAS

Gio, 27/09/2012 - 19:22

Per antes 1: boffo si era già rovinato da solo,considerata la sentenza pubblicata in relazione al suo (presunto?) VIZIETTO. Sentenza che, per sua ulteriore condanna morale, venne amplificata dai media; tutto qui.

Ritratto di giubra63

giubra63

Gio, 27/09/2012 - 19:56

alla parola santi e' stata sostituita magistrati e/o ex magistrati : gioca con i fanti ma lascia stare i magistrati!!!!! mi ricordo ancora che violante mise in galera l'eroe della vera Resistenza Edgardo Sogno! violante-d'alema e chi li difende sono come lenin! solidarietà ancora a Sallusti! se Sallusti avesse fatto un intervista ai soliti rossi che dicevano che Berlusconi va ammazzato allora avrebbe preso la medaglia, altrop che galera!

Il giusto

Gio, 27/09/2012 - 19:58

Ladamanera...l'unica speranza sarebbe ...quella di non commettere reati!Se si commettono si viene giudicati!Non è che in Italia si possono giudicare solo "gli altri",i poveri e gli stranieri!!!

barbanera

Gio, 27/09/2012 - 19:59

E' inutile che continuiamo a girare lo sterco.Qui non si tratta di far rispettare la legge.Qui si tratta di farla pagare a Sallusti per la sua battaglia pro-Berlusconi.Al diavolo quindi tutte le regole.Abbiamo visto che la magistratura è SOLAMENTE politicizzata.Perciò c'è poco da scandalizzarsi.Dobbiamo renderci conto che in Italia la battaglia politica è senza esclusione di colpi.

Il giusto

Gio, 27/09/2012 - 20:01

Io sono di destra,e se il limite è dei 50 all'ora ed io in auto faccio i 70 non mi posso inc...re con i vigili che mi fanno la multa!Ci sono le regole e vanno rispettate.Non le rispetto e ne devo rispondere!Questa è la regola degli onesti nel mondo!!!

Il giusto

Gio, 27/09/2012 - 20:02

Per chi dice che non è un recidivo...

Angelo48

Gio, 27/09/2012 - 20:34

antes1 : ho letto bene stia tranquillo e sereno. Mi spieghi allora, dove vede lei la diffamazione in quella intervista. Chi diffama secondo lei:chi rilascia una intervista e fa delle AFFERMAZIONI, o chi la pubblica? E tra l'altro, era una dichiarazione - quella del generale Pappalardo - già nota pubblicamente. Le giro quindi la domanda: ma e' sicuro di aver capito bene quello che ha letto? In caso negativo, sia più riflessivo (ovvero senza paraocchi)quando legge; in caso positivo (quel che a me e non solo a me sembra)balza evidente agli occhi il suo disprezzo (alias: colui che non tiene conto di quanto letto e scritto). Mi riscriva se crede!!

Walter78

Gio, 27/09/2012 - 20:57

Sallusti, ci comunichi tutti i procedimenti in cui ha ricevuto l'avviso di garanzia e quello ex 415 bis c.p.p., che fa prima... Anche questa volta è caduto dalle nuvole?

cast49

Gio, 27/09/2012 - 20:58

potrebbero avere più soddisfazione se chiamassero a giudizio tanti giornalisti dell'opposizione che hanno sputtanato B. a giorni alterni se non ogni giorno sui loro giornalacci...Il direttore di repubblica ha omesso il controllo, perchè non lo mettono in galera? sicuramente perchè sono culo e camicia con i pm?

cast49

Gio, 27/09/2012 - 20:59

antes1, che caxxo scrivi? te ne rendi conto?

porthos

Gio, 27/09/2012 - 21:29

GIOCHETTO CHIARO ! ANCHE SE SI SCAPOLASSE ORA IL CARCERE, MAGARI CON PENA SOSPESA, O ALTRA FORMULA, IL GRAVAME SUB CONDICIO (5 ANNI SE NON ERRO) RESTEREBBE, PER CUI ECCO A TAMBURO BATTENTE UN SECONDO PROCESSO ED UNA PROBABILE SECONDA CONDANNA, CHE SE CONFERMATA, STAVOLTA IN APPELLO, PORTEREBBE IL POVERO SALLUSTI A SCONTARE SIA I 14 MESI SOSPESI CHE GLI EVENTUALI NUOVI AGGIUNTI. mA OLTRE ALL'OMICIDIO PREMEDITATO, ESISTE ANCHE UNA GIUSTIZIA PREMEDITATA ?

Angelo48

Gio, 27/09/2012 - 21:32

antes1 : ho letto bene stia tranquillo e sereno. Mi spieghi allora, dove vede lei la diffamazione in quella intervista. Chi diffama secondo lei:chi rilascia una intervista e fa delle AFFERMAZIONI, o chi la pubblica? E tra l'altro, era una dichiarazione - quella del generale Pappalardo - già nota pubblicamente. Le giro quindi la domanda: ma e' sicuro di aver capito bene quello che ha letto? In caso negativo, sia più riflessivo (ovvero senza paraocchi)quando legge; in caso positivo (quel che a me e non solo a me sembra)balza evidente agli occhi il suo disprezzo (alias: colui che non tiene conto di quanto letto e scritto). Mi riscriva se crede!!Passa gentilmente? Grazie! IV° INVIO

vitali.vanna

Gio, 27/09/2012 - 22:59

Temo fermamente un COLPO DI STATO

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 28/09/2012 - 01:10

Aveva ragione quel tale che disse "ABBIAMO FATTO L'ITALIA, ORA DOBBIAMO FARE GLI ITALIANI". Evidentemente non sono ancora stati fatti perché molti, troppi, oggi non sanno cosa significhi democrazia. Ci pensano Repubblica e trinariciuti vari a mantenerli nell'ignoranza. A loro fanno comodo gli utili idioti.

gicchio38

Ven, 28/09/2012 - 08:17

ORAMAI E' CHIARISSIMO. QUELLA BRUTTA RAZZA DI INFAMI E GIUDICHICCHI DA SCARSISSIMO CERVELLO CHE IN VENTI ANNI NON SONO MAI RIUSCITI A CONDANNARE IL CAV. BERLUSCONI ORA HANNO TROVATO IL SUO DIPENDENTE DA SPENNARE. CHE BRUTTA FIGURA DI MERDA DI FRONTE A TUTTA L'ITALIA.