Sbarchi a migliaia, Cie pieni Ecco l'emergenza annunciata

Dopo la rivolta, in Calabria è arrivata il ministro Kyenge. E ripete i soliti slogan: ius soli e "cambiare la Bossi-Fini"

Gli sbarchi non si fermano più e i Centri di identificazione ormai sono oltre il livello di emergenza. Tenere il conto è difficile. Col mare calmo, con le notti illuminate a giorno dalla luna, coi focolai di guerra che minacciano vita e pace dall'Oriente all'Africa, i mercanti di carne umana hanno ripreso a fare affari.

Nella notte tra lunedì e martedì 336 persone, tra le quali 67 donne e un neonato, sono state tratte in salvo a sud di Porto Empedocle da due motovedette della Guardia costiera e da un mezzo navale della Guardia di finanza, che ha intercettato il barcone colmo di eritrei, alla deriva a 12 miglia dalla costa. Nelle stesse ore sul litorale di Ognina, nel siracusano, i militari della Capitaneria di Porto hanno rintracciato 67 tra siriani e pachistani, giunti in Italia dopo 10 giorni di viaggio. Ieri mattina, invece, il pattugliatore "Comandante Foscari" della Marina Militare, in navigazione nel canale di Sicilia, ha avvistato e soccorso - 50 miglia a sud di Lampedusa - un'imbarcazione con a bordo 233 persone, poi trasferite sulla terraferma dai guardiacoste. Seicento e più profughi in meno di 24 ore. E in 200 hanno fatto perdere le proprie tracce una volta approdati a Porto Empedocle.

Intanto è ancora chiuso - «temporaneamente ma a tempo indeterminato», recitano le comunicazioni ufficiali - il Cie di Crotone, devastato dagli immigrati in rivolta. E in quello di Gradisca, all'altro capo della penisola, sei immigrati sono scappati. Segno che quei centri, prima spia del livello di allarme dell'ondata migratoria, siamo all'emergenza. Emergenza annunciata, anzi annunciatissima. Ma la verità è che, cancellati i respingimenti di Maroni, bocciata la politica delle espulsioni, nessuno sa bene che fare. E fioccano le analisi. «Per l'immigrazione siamo la porta d'ingresso dell'Europa», ha cercato di mettere di una pezza il viceministro degli esteri, Lapo Pistelli: «C'è un mondo che cambia, decine di milioni di persone si muovono: noi siamo su una delle faglie delle migrazioni». A Crotone è arrivata anche il ministro dell'integrazione Cècile Kyenge. Ma anche qui solo promesse e vaghe ricette. Come l'auspicio di una non meglio precisata revisione della Bossi-Fini: «Serve il confronto, perché dobbiamo avere un approccio diverso, che metta al centro la persona» e la confermato che il percorso sullo ius soli va avanti: «Non è una mia esigenza personale, ma proviene dalla società civile e l'Italia deve prenderne atto».

Parole su cui è scoppiata immediata la polemica ma, anche non fosse così, sarebbero ricette in grado di evitare drammi sulle spiagge e nei Cie? A Isola Capo Rizzuto, alla vigilia di Ferragosto, il centro di identificazione è stato assaltato dagli ospiti inferociti per la morte di un giovane marocchino. «Sono venuta anche per capire», aveva detto lunedì in conferenza stampa il ministro, giurando davanti ai giornalisti di non essere a conoscenza della vicenda. Ieri, mentre a decine presidiavano ancora la statale 106, ha provato ad aggiustare il tiro, passando ad altri la patata bollente: «È importante aprire con il Viminale, che si occupa di queste situazioni, un fronte di discussione».

Eppure, che al Cie di Isola le cose non andassero per il verso giusto, viste le difficoltà poste dall'assalto alle coste, non era un mistero: il garante per l'infanzia della Calabria Marilina Intrieri, già il 3 agosto, segnalava nero su bianco che «70 minori non accompagnati sono stati collocati in un capannone». Tutti insieme, indistintamente: quasi diciottenni e bambini di 11 anni a spartirsi «due sanitari alla turca, due docce, un lavabo». Dispacci recapitati a tutte le autorità. Anche di questo la Kyenge non sapeva niente?

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 21/08/2013 - 08:48

ed ora l'unione europea che farà? sanzionerà l'italia? o se ne guarda bene dal sanzionare un paese in mano ai comunisti, notoriamente contrari a subire ogni sanzione anhe quando sbagliano.... :-)

Nadia Vouch

Mer, 21/08/2013 - 09:11

Kyenge ha dichiarato ieri che "La terra è di tutti". Questo è come negare il concetto di sovranità nazionale. Significa cancellare di fatto l'Italia dalla carta geografica, permettendone, in nome di una supposta "civiltà" e in nome di "confronto che metta al centro la persona", l'invasione di massa da parte di altri popoli. Questo, così proseguendo, si trasformerà da problema immigrazione, finora affrontato solo a chiacchiere e polemiche e intenzioni vaghe, in un problema interno di proporzioni incalcolabili. Dire "la terra è di tutti", negando nella sostanza l'esistenza dell'Italia come Stato è come dire chiunque può entrare e spadroneggiare. Non solo gli immigrati sono persone, ma lo sono anche gli italiani. Non si può pensare agli immigrati e scordarsi totalmente degli italiani. Lei crede, ministro Kyenge, che tutti gli italiani accetteranno di essere invasi, quasi occupati da altri popoli?

giovanni PERINCIOLO

Mer, 21/08/2013 - 09:24

Perché cambiare la Bossi-Fini??? é decisamente meglio cambiare ....ministro, si fa prima e costa meno!

franco@Trier -DE

Mer, 21/08/2013 - 09:43

avanti entrate in Italia c'è posto per tutti gli italiani sono molto democratici.

Ritratto di thunder

thunder

Mer, 21/08/2013 - 09:44

ECCOCI CON LA SOLITA SOLFA,UN PAESE CHE STA MORENDO ASSILLATO DA PROBLEMI DI OGNI TIPO,SI DEVE ANCHE ACCOLLARE I PROBLEMI DEGLI ALTRI. SICCOME ERAVAMO UN PAESE FIORENTE I SINISTRONZI SI SONO INVENTATI IL MINISTERO DELLA INTEGRAZIONE..... BUFFONI MENTECATTI,AVETE SPONSORIZZATO IL GOVERNO MONTI CHE HA MASSACRATO IL CETO MEDIO,IN CAMBIO DI SOLDI PER (MPS)SOLDI TOLTI ALLE FAMIGLIE ITALIANE.SIETE DEI MALEDETTI SPUDORATI.NONCHE' INDEGNI DI ESSERE ITALIANI CHI VI VOTA!

Ritratto di thunder

thunder

Mer, 21/08/2013 - 09:49

SONO STANCO QUESTO ESSERE CHE SPRECA SOLDI PUBBLICI DEGLI ITALIANI.E' ORA CHE QUALCUNO SI SVEGLI E CHE CANCELLI QUESTO MINISTERO E PORGA LE PIU'PROFONDE SCUSE AGLI ITALIANI!!!!!

Ritratto di thunder

thunder

Mer, 21/08/2013 - 09:53

GOVERNO ITALIANO IMPARATE A SALVAGUARDARE L'ITALIA E GLI ITALIANI. NON SERVE MOLTO BASTA COPIARE L'AUSTRALIA,TROPPO COMPLICATO VERO......

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Mer, 21/08/2013 - 09:58

I "mercanti di carne umana" fanno affari d'oro con chi "acquista" carne umana. Per scopi che cominciano a diventare sempre più chiari! La Bossi-Fini, non è che non funziona, NON VIENE APPLICATA. Ma scusate in italia si può applicare o NON applicare le leggi? In base a quale criterio? Le sentenze vanno rispettate? Benissimo ANCHE LE LEGGI VANNO APPLICATE!!!Tra poco non ce ne sarà più PER NESSUNO !!

marcus57

Mer, 21/08/2013 - 10:13

Ma che fa Alfano? Perché non parla. Qui si assiste solo a fatalistiche esternazioni di politici sul fenomeno sbarco infinito, come dire è una specie di calamità naturale. Ma vogliamo scherzare. L'Europa ci sanzionerebbe se dovessimo ricorrere ai respingimenti? Si valuti il rapporto costi/benefici, perché presto o tardi assisteremo a situazioni di degrado o peggio a difficoltà nel mantenimento dell'ordine pubblico. Ma anche in mancanza di respingimenti, si rafforzino i CIE e quando un migrante ha il foglio di via, va imbarcarlo immediatamente su un aereo con i compagni e fuori da questo paese, invece vengono lasciati liberi di vagare per l'Italia per anni. Non è possibile avere una classe dirigente incapace di dare risposte serie. Prima vengono i cittadini poi questa stramaledetta Europa. D'altra parte sembra proprio che noi Italiani non siamo più padroni a casa nostra, a sentire la Cyenge, ed in fondo quelli che dovrebbero rappresentare e curare i nostri interessi, tra i quali Alfano, appaiono piuttosto maggiordomi di chissà quale padrone o proni a esigenze a noi oscure, che nulla hanno a che fare con il nostro benessere.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 21/08/2013 - 10:13

La kyenge ha detto che la terra è di tutti: Andiamo a casa sua!!!

herbavoliox

Mer, 21/08/2013 - 10:13

Venite venite qui è il paese del bengodi, vi accoglieremo a braccia aperte, faremo morire i nostri pensionati e i nostri giovani ma a voi daremo soldi vitto e alloggio. Avanti c'è posto... Svegliaaaaaaaaaaaaaaaaa

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 21/08/2013 - 10:25

In un paese normale l'inquilino del Viminale sarebbe già stato costretto alle dimissioni.Per manifesta incapacità e disinteresse nei confronti della sicurezza e dell'ordine pubblico.Ma un paese che tifa per i soccorsi che si spingono sino a ridosso delle coste africane non può, a nessun titolo, considerarsi normale.

a.zoin

Mer, 21/08/2013 - 10:28

Perchè non si mette a Lampedusa o dove ci sono molti sbarchi, UN SISTEMA DI TRAGHETTO CHE RISPEDISCE QUESTI POVERI DIAVOLI sulle terre AFRICANE. È il solo modo per fermare l`IMMIGRAZIONE DI MASSA da questi paesi. Questa, È UNA GUERRA DICHIARATA DALLA POVERTÀ VERSO LA CORRUZZIONE DEL CAPITALISMO E DELL`EGOISMO, E LA POVERA GENTE DEI PAESI RICCHI, DEVE SOCCORRERE,AIUTARE E SOCCOMBERE AI VOLERI DEL POTENTE; ( DEL RICCO E DELLA POLITICA CORROTTA.)

cameo44

Mer, 21/08/2013 - 10:46

Al Ministro Kyeng e alla Boldrini bisogna chiedere come pensano di ri solvere il problema degli sbarchi visto che le loro parole favoriscono gli sbarchi i centri sono al collasso ormai si tratta di una vera emor ragia le rivolte non si contano più con danni alle persone e a cose nel centro di Mineo vi sono oltre tremila persone alle quale si deve dare da mangiare e dormire chi ci guadagna? come mai tanta solerzia non vi è per i tanti siciliani bisognosi? questi nostri Governandi non pensa no che sia primo loro dovere pensare agli Italiani? habbiamo le cit tà invase da questi clandestini con i tanti problemi che creano sia al punto igienico sanitario che dalla quiete a scanso di equivoci non si tratta di essere razzisti come alcuni dicono ma semplicemente del di ritto di vivere tranquilli e non trasformare le nostre piazze e giar dini in bivacqui e tualette a cielo aperto dato che non avendo una ca sa fanno i loro comodi un po dapertutto

titina

Mer, 21/08/2013 - 10:50

Ovvero come invadere l'Italia pacificamente, con la complicità dei governanti e a spese degli italiani. Se noi decidessimo di approdare con barconi in Africa o in Asia, saremmo accolti così?

Ritratto di gammasan

gammasan

Mer, 21/08/2013 - 10:50

in altri tempi sono sono passate alla storia invasioni barbariche consistenti, secondo me, da poche migliaia di individui: Oggi siamo invasi da milioni di individui, in progressivo aumento. Se non vengono scoraggiati nei loro luoghi di origine è ovvio che vadano scoraggiati nei luoghi di arrivo: se non lo si fa, tutta l'Africa si trasferirà da noi e non saremo in grado di sostenerne il carico. Ho letto che gli americani facevano tornare indietro le imbarcazioni dei clandestini cubani sparando oltre la prua delle barche: chi ritornava indietro, magari scortato e rifornito, poi lo raccontava a quelli che volevano tentare a loro volta. Il flusso si è rallentato. Ci saranno certamente anche altri sistemi, ma occorre SCORAGGIARE.

Ritratto di gammasan

gammasan

Mer, 21/08/2013 - 10:52

Non avevo finito, mi scuso. Siamo in una scialuppa carica al limite: se facciamo salire altri naufraghi affogheremo tutti; è triste ma bisogna prendere una decisione, non si può continuare così.

pier47

Mer, 21/08/2013 - 11:24

buongiorno, CHIARIAMO:QUESTI SONO DISERTORI CHE LASCIANO AD ALTRI LORO CONNAZIONALI L'ONERE DI ORGANIZZARE LA LIBERTA' DEL PAESE ANCHE PER CONTO LORO,QUINDI NON SONO PROFUGHI. CHIARIAMO: O CI MUOVIAMO E SMETTIAMO DI SCRIVERE OPPURE ANDRA' SEMPRE PEGGIO,COSA VOLETE FARE? IL PDL,ALFANO,CHE DICE?ANCHE LORO SONO CORRESPONSABILI DI QUELLO CHE STA SUCCEDENDO CON PD E MONTI. I DELIN..........CHE SONO A ROMA PER IL FATTO CHE LI AVETE VOTATI MICA DEVONO FARE TUTTI I LORO SPORCHI COMODI,VI PARE?

Perlina

Mer, 21/08/2013 - 11:43

Che bravo ministro. Finalmente!!! Va a prenderli per ospitarli a casa propria. Cambiare la bossi-fini? Ma non è meno oneroso accompagnarla gentilmente all'uscita?

Ritratto di sgt.slaughter

sgt.slaughter

Mer, 21/08/2013 - 11:48

Ai sinistrati dell'invasione musulmana interessa solo una cosa: trasformare costoro in migliaia di voti che gli assicureranno il potere a lungo. Tutto conta per questo cancro comunista, magistrati di sinistra, potere finanziario di coop, banche ed assicurazioni, sindacati di parte ma il piatto più succulento in prospettiva rimane questo: dare la cittadinanza a questa massa di disperati ma anche arroganti e violenti.

Ritratto di Gorilla Gor

Gorilla Gor

Mer, 21/08/2013 - 11:53

Venghino, siori, venghino....come dice la signora Ministro, la terra è di tutti, ma la sua è solo sua e guai a chi gliela tocca.

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mer, 21/08/2013 - 12:13

Questi comunisti del cavolo risolvono tutto con gli slogan, in quanto alla ministra, bisognerebbe cacciarla non per il colore della pelle che non conta ma per la mancanza di cervello, se fosse intelligente come farebbe ad essere comunista ?

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 21/08/2013 - 15:16

a zoin Sono d'accordo. Basterebbe che sul pontile opposto dove attraccano ci fosse un'altro battello che li ricarica e li riporta indietro.