Lo schiaffo di Napolitano: no ai tagli

Il presidente interventista attacca le sforbiciate lineari. Renzi obbedisce. Addio spending review

Roma - Tirate d'orecchie dal premier, la macchina dei ministeri che rema contro, i sindacati in guerra e, da ieri, l'altolà pesantissimo del Colle. Non poteva essere più difficile il lavoro di Carlo Cottarelli, economista chiamato dal precedente esecutivo a realizzare la mission impossible di tagliare la spesa pubblica italiana in modo efficace e rilevante. La stessa classe politica che lo ha investito sta mettendo più di un bastone tra le ruote della sua spending review, dalla quale peraltro dipendono le coperture alle misure annunciate sul fisco. La settimana scorsa il premier Matteo Renzi da Bruxelles aveva bocciato parte del progetto del commissario. Ieri, per la legge del contrappasso, Giorgio Napolitano ha rilanciato una dichiarazione dai toni vaghi, ma con un bersaglio preciso: il merito e, soprattutto, il metodo adottato dal premier Renzi sui tagli.

«Ritengo ci sia una grossissima questione», ha detto durante un colloquio con l'agenzia Ansa, «il passaggio da tagli che abbiamo conosciuto assolutamente immotivati» a tagli ragionati in base «a un nuovo ordine di priorità». La spending, per il presidente della Repubblica, «dovrebbe intervenire con capacità selettiva, il che però presuppone discorsi che ancora assai poco vengono fatti». Bisogna considerare «quali sono le presenze realmente essenziali per l'interesse nazionale».
Poi il passaggio direttamente riferito a Renzi. Serve «una discussione seria» e non fatta sotto la pressione di «un'urgenza» che porta a chiedersi «quanto risparmieremo l'anno prossimo». Quindi un appello a rallentare e concertare. Esattamente il contrario dell'agenda che il premier ha in testa: presentare il Def, con le coperture per il taglio dell'Irap da 80 euro al mese, prima del 15 aprile.

Uno stop al decisionismo renziano che il premier ha fatto finta di ignorare, commentando il letterale di Napolitano («Condivido totalmente. Mi sembra che sia un principio sacrosanto», quello di non tagliare le spese necessarie), senza accennare alle conseguenze politiche. Dal Quirinale ieri sera si faceva capire che le frasi del capo dello Stato non sono contro il governo, né contro Cottarelli.
L'appello di Napolitano effettivamente non è nuovo. Ogni volta che i governi (compresi quelli guidati da Mario Monti ed Enrico Letta) hanno abbozzato riforme troppo radicali, si è acceso il semaforo rosso su tagli non selettivi. Nel 2011, si espresse contro l'onda crescente di opinione pubblica che chiedeva l'abolizione delle province. Ai tempi delle spending review di Pietro Giarda ed Enrico Bondi chiese di sforbiciare in modo «non indiscriminato». Poi gli appelli a favore dei singoli settori. Frequenti quelli per la ricerca, la cultura e il Servizio sanitario nazionale. Il Quirinale si espresse anche per l'Agenzia spaziale italiana.

Più recentemente, Napolitano ha di fatto detto no a tagli sugli F35 (ha messo all'ordine del giorno del Consiglio supremo di difesa le «criticità» legati alla legge che dà al Parlamento il potere di decidere sulle spese militari). La chiave geopolitica è una di quelle che possono dare un senso all'appello di ieri. Anche perché, pochi minuti dopo la dichiarazione di Napolitano, il presidente statunitense Barack Obama, ha espresso «preoccupazione» per i tagli alla Difesa di alcuni paesi Nato, soprattutto ora che il caso dell'Ucraina «ci ricorda che la libertà non è gratis». Affermazione con la quale Napolitano è sicuramente d'accordo. E che anche Renzi non potrà ignorare.

Commenti

swiller

Gio, 27/03/2014 - 08:04

Mandatelo a casa via subito.

umberto nordio

Gio, 27/03/2014 - 08:06

Napolitano ci ha preso gusto con il suo interventismo, ma questa se la poteva proprio risparmiare(mai verbo è stato così opportuno).

Ritratto di sergio la terza

sergio la terza

Gio, 27/03/2014 - 08:13

quando finisce di chiaccherare?dia l'esempio ed incominci a eliminare alcune spese del Quirinale che invece di essere una casa di un capo repubblicano somiglia a quelle del Re Sole.-

paci.augusto

Gio, 27/03/2014 - 08:26

Vergognoso intervento del compagno Napolitano, lo stesso che esultò per la criminale invasione sovietica dell'Ungheria e che costa 3 VOLTE la regina d'Inghilterra!! Evidentemente, teme che si taglino anche le vergognose, eccessive spese del Quirinale!!!

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Gio, 27/03/2014 - 08:34

Non vedo contrapposizione fra Napolitano e Renzi.Vedo solo che ognuno fa il suo mestiere e sembra entrambi cercano di farlo al meglio.

Ritratto di lettore57

lettore57

Gio, 27/03/2014 - 08:35

L'Accademia della Crusca deve "inventare" nuove parole da lasciare ai posteri per descrivere questo personaggio da 2 soldi

silvio50

Gio, 27/03/2014 - 08:44

certo che se anche noi povera gente prenderemmo 236 mila euro circa all'anno, sicuramente diremmo niente tagli, anzi...

Renee59

Gio, 27/03/2014 - 08:54

Fino a che avremo Presidenti come questo, l'Italia non si risolleverà mai.

Impetuoso74

Gio, 27/03/2014 - 08:54

il re di coppe non molla quanto gli è piovuto dal cielo. ora inizia la primavera e dove lo trova un'altro posto come quello, per potersi godere il PONENTINO romano mentre apparecchiato sotto i deor si gusta la porchetta di Ariccia e beve il vinello di Marino;e mentre mastica a quattro ganasse pensa a quanto stà maturando di stipendio mensilmente.Poi se puta caso dovesse andare qualcuno a trovarlo, (oggi tocca al venditore di noccioline alias il nero) allora altro che porchetta e tutto il resto ma solo sfarzi come ai tempi di RE SOLE, e tutto questo con l'approvazione di quei gonzi komunisti che sono capaci solo di scrivere contumelie su questo giornale.Oggi inizio bene la giornata perchè sò che il nero ci rifilerà dopo avere foraggiato chi sopra qualche altra Sòla.

@ollel63

Gio, 27/03/2014 - 09:04

il colle ha PAURA, folle paura, d'essere tagliato, spazzato via. PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA ITALIANA più inutele, anzi dannosa, deleteria, irresponsabile, ciarliera, petulante... ma COSTOSISSIMA (cupola ...) non esiste al mondo. (La più bella costituzione del mondo, sic!!!!!). Italiani massa di ...!

Tommaso Berretta

Gio, 27/03/2014 - 09:16

Che bella figura di democratico!!! Da additare come esempio a tutte le generazioni! Si tratta di un soggetto che mostra di non avere a cuore la soluzione dei problemi degli italiani, che se ne fotte di chi soffre e non riesce a sopravvivere se non a costo di stenti, di chi non ha lavoro, di chi ha dato l'anima per questa nostra Patria (mentre altri tifavano per l'okkupazione manu militari di Ungheria ed Europa....). Insomma possiamo ben dire: e a lui che gliene fotte...tanto con i milioni che si liquida avrà pure la forza di fare le battaglie bergogliane contro la miseria nel mondo.....

francesco de gaetano

Gio, 27/03/2014 - 09:22

Quando si raggiunge una notevole età è logico che determinate posizioni che si assumono fanno riflettere.Sulla spending review il Presidente della Repubblica ha preso un granchio allorquando sostiene che bisogna considerare quali sono le presenze essenziali per l'interesse nazionale.A mio parere una presenza essenziale non è la presidenza della Repubblica italiana che ci costa il doppio della residenza della Regina Elisabetta.Pensare che Renzi con un Napolitano che frena le riforme l'Italia possa uscire dal pantano in cui si trova?

untergas

Gio, 27/03/2014 - 09:22

questi vanno mandati tutti a casa!

@ollel63

Gio, 27/03/2014 - 09:23

il congiuntivo non esiste proprio più. Povera italia!

onurb

Gio, 27/03/2014 - 09:23

Caro re Giorgio, ci siamo stancati dei concerti e della concertazione. Forse non lo sai, ma è proprio per via della concertazione che ci troviamo con l'acqua alla gola e in braghe di tela. La concertazione ha fatto sì che il debito dello stato abbia assunto dimensioni impronunciabili e, soprattutto, che nessuno ne sia responsabile. E' giunto, sfortunatamente per voi vecchie cariatidi della politica che nella vita non avete saputo fare nulla tranne che imbonire la gente di chiacchiere concertatrici, il momento di prendere rapidamente decisioni gravi. Se queste decisioni andranno ad intaccare i privilegi delle varie caste che per anni sono vissute sulle spalle del popolo che lavora e che manda avanti la baracca, qualche centinaia di migliaia di nullafacenti ne soffrirà, ma in compenso gioiranno i milioni di persone che finora vi hanno mantenuto.

nicolaso

Gio, 27/03/2014 - 09:25

Quando lui dici rivolgere lo sguardi in avanti avverte che i tagli alla casta e ai suoi colleghi NON SONO AMMESSI. Per tassare il popolo invece negli anni precedenti ha messo gli uomini giusti. Vediamo cosa farà Renzi.... ma ha già risposto come fece Garibaldi "OBBEDISCO".

Efesto

Gio, 27/03/2014 - 09:30

Di nuovo Re Giorgio che va ad interferire nella politica. La selettività dei tagli è politica! Re Giorgio deve solo salvaguardare il rispetto della costituzione e così facendo è il primo a violarla. Sarà il parlamento a condizionare nel merito le scelte del governo. Troppi galli stanno a cantare. Poi una bella sforbiciata agli stipendi dei quirinalizi non sarebbe nemmeno male!

Sonia51

Gio, 27/03/2014 - 09:31

Cominci il compagno Napolitano Giorgio (se non ha un alias) a tagliare le spese assurde del Quirinale e soprattutto si ritiri ai giardinetti senza rubare ulteriori stipendi d' oro per il suo inutile lavoro.

Mr Blonde

Gio, 27/03/2014 - 09:34

vedremo vedremo tanto renzi se ne frega e quanto a monti e letta voglia di tagliare zero altro che nap

Blizzard

Gio, 27/03/2014 - 09:47

Bisogna taglire i cost del Quirinale che costa otto volte in piu della cora inglese!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 27/03/2014 - 09:51

A questo compagno di merenda piace 'a casa bella,'o figlio sistemato,'o cortigiano sorridente che plaude a 'o nonno sorridente dopo aver accattato a paghetta. Se poi lui costa più de 'o presidente amerikano che aggia fà: se campa 'na vota sola. E adesso applaudite se no vi mando a Togliattigrad!!!

abocca55

Gio, 27/03/2014 - 09:56

Infinita arroganza e protervia!!!!!

maurizio50

Gio, 27/03/2014 - 10:00

La fesseria più grande che il Cavaliere ha commesso negli ultimi tempi è stata quella di rimettere il vegliardo ultracomunista a fare il C.D.S.Adesso chi ce lo toglierà più dai piedi? Quello a dispetto di tutti camperà fino a cent'anni.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Gio, 27/03/2014 - 10:01

>silvio50< Proprio l'uso del congiuntivo non entra nella testa,eh? Non "prenderemmo" ma "prendessimo".

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Gio, 27/03/2014 - 10:04

Ragazzi, questo presidente eletto da un parlamento a sua volta eletto per uno sputo di voti la cui validità è ancora tutta da dimostrare, ce lo stiamo tenendo sulla groppa ormai da più di 8 anni ed ogni giorno che passa peggiora, cosa peraltro naturale ( basta leggere ERASMO DA ROTTERDAM). Insomma, abbiamo capito dove abita la CASTA: AL QUIRINALE, ed è proprio da qui che Cottarelli e RENZI dovrebbero cominciare la spending review. Questo difensore ad oltranza (dal '56) della nomenklatura, che non ha speso una parola di cordoglio, da buon statalista, per i suicidi "privati", né per i tagli lineari che colpivano le regioni virtuose, ora fa il dottor sottile perché si parla dei suoi beneamati statali dei miei stivali, cercando di stroncare sul nascere il tentativo di liberarci dal nodo che sta strozzando il Paese. Come non bastasse, l' interventista, guarda caso in concomitanza con la visita di BARAK, spinge per l' acquisto degli F35. Che si mettano d' accordo per un altro intervento in nord Africa? A STO PUNTO DIVENTA D' OBBLIGO L' ELEZIONE DEL P.D.R. PER SUFFRAGIO POPOLARE.

Fiorello

Gio, 27/03/2014 - 10:04

Credo alle intenzioni di Renzi, ma se non gli consentono di proseguire nella sua azione politica/amministrativa dovrebbe immediatamente dimettersi e spiegare agli italiani il perché. Per questo ci vuole coraggio. Quanto è attaccato alla poltrona?

cgf

Gio, 27/03/2014 - 10:06

la CASTA si è appellata a RE Giorgio, sarebbe molto difficile da dimostrare anticostituzionale la riduzione degli stipendi di chi parla in nome del popolo italiano...

cast49

Gio, 27/03/2014 - 10:12

silvio50, "certo che se anche noi povera gente PRENDESSIMO 236 mila euro circa all'anno,"...

rinaldo

Gio, 27/03/2014 - 10:15

Io l'ho già detto. Ha paura che venga toccato anche il suo di stipendio. Comincia a dare il buon esempio rinunciando da oggi fino alla fine del mandato (che speriamo sia a breve) e poi nn intervenga sempre. Ho la sensazione che remi sempre contro!!!!!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 27/03/2014 - 10:22

Tutta una farsa.Questi la "revisione della spesa(che,come si dice per essere alla moda "spending review"....così l'80% degli Italiani,non capisce...),non la faranno mai.Queste cose le fanno le rivoluzioni!

lento

Gio, 27/03/2014 - 10:26

Renzi :Devi tranquillizzare il "nostro" presidente il suo grande stipendio non vera' abbassato di un solo centesimo !!

millycarlino

Gio, 27/03/2014 - 10:46

Ora il Parlamento Italiano prende ordini dal nuovo dittatore mascherato da superdemocratico. Ma quando finirà questa farsa? Milly Carlino

colapesce

Gio, 27/03/2014 - 10:47

penso che Renzi è meno ricco del cavaliere , ma piu furbo .......

futuro libero

Gio, 27/03/2014 - 10:50

Una volta volevano farmi credere che il PDR era il presidente di tutti gli italiani,volevano farmi credere che il PDR voleva il bene di tutti gli italiani,voleva equità,voleva voleva voleva.Poi ho scoperto che il PDR ultimo è il presidente solo dei sinistri, dei banchieri, della casta e della tessera N. 1 del partito,ho scoperto che amava solo il popolo dei ricchi voleva equità tutti i poveri devono essere tutti poveri in modo uguale.Questo PDR,di cui mi vergogno a chiamarlo per nome ci calcola solo bestie per pagargli il lautissimo stipendio e fa di tutto che non venga tagliato, così come non sia tagliato quello degli amici di merenda.Ma vi rendete conto che stiamo pagando 258000 euro una persona che dovrebbe fare tagli che il PDR non vuole? PAGATE ITALIANI BEOTI,MA QUANDO RIUSCIRETE A CAPIRE CHE LA SX VUOLE SOLO SOLDI E IL POPOLO BUE DEVE SOLO PAGARE? MA PERCHE' CONTINUARE A VOTARE CHE VI VUOLE MALE?pOSSIBILE CHE I SX SIANO TUTTI COSI' MASOCHISTI E SENZA CERVELLO?MAH

Ritratto di deep purple

deep purple

Gio, 27/03/2014 - 10:52

E' chiaro che re Giorgio non vuole il cambiamento ed era pressochè scontato che prima o poi sarebbe intervenuto su questi argomenti. Comunque riguardo al discorso di Renzi «Condivido totalmente. Mi sembra che sia un principio sacrosanto, quello di non tagliare le spese necessarie» non la vedo come una resa nei confronti di Napoilitano. Staremo a vedere.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Gio, 27/03/2014 - 10:52

Beh, e' abbastanza ovvio che quello di Renzi (dopo Monti e Letta) e' il terzo governo voluto da Napolitano senza il suffragio del voto. "Nuove elezioni? Ma non diciamo sciocchezze ..." A casa chi ha ri-votato Napolitano

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Gio, 27/03/2014 - 10:59

La nostra non è una Repubblica Presidenziale e quindi il nostro Presidente dovrebbe avere solo un ruolo di rappresentanza e non dovrebbe per questo ricevere alcun compenso. Invece ci costa più del Presidente degli USA e della Regina Elisabetta messi insieme ed in più ficca il naso dappertutto bloccando qualsiasi tentativo di rinnovamento. Vista l'età, speriamo che la natura faccia il suo corso aiutando così la Spending Review.

tormalinaner

Gio, 27/03/2014 - 11:11

Napolitano, sotto la pelle , è rimasto sempre il solito comunista statalista sempre pronto a mantenere i privilegi economici di un apparato parassitario. Con lui al governo non avremo speranze in una rinascita economica dell'italia perchè tutte non verranno ridotti gli sprechi a partire dal quirinale. Una sciagura per l'Italia.

guerrinofe

Gio, 27/03/2014 - 11:14

POVERI NOI!! SE FOSSE VERO MATTEO SAREBBE L'UNICO IN ITALIA CHE UBBEDISCE ANCORA. SUBITO NUOVE ELEZIONI CAPO DELLO STATO!

Salvatore1950

Gio, 27/03/2014 - 11:15

Il Quirinale ci costa 280 milioni di euri all'anno...la Casa bianca costa agli americani 29 milioni di euri all'anno. Vi sembra normale? e Napolitano dice NO a tagli immotivati e quali sarebbero? quelli che gli impediscono di scialacquare, lui e clio, a nostre spese?

ilbarzo

Gio, 27/03/2014 - 11:22

E' normale che Renzi taccia ed obbedisca devotamente a Re Giorgio.Si da il caso che Renzi sia stato nominato Presidente del Consiglio solo ed esclusivamente da Napolitano,pertanto chi comanda e dispone sul da farsi,e' proprio Re Giorgio..Renzi e' soltanto una marionetta nella mani del vecchio despota.

enzo1944

Gio, 27/03/2014 - 11:28

Quando il pesce è guasto,....inizia a puzzare sempre dalla testa!....Hai capito,napoletano che stai al Colle???

moshe

Gio, 27/03/2014 - 11:44

Lo schifo dell'Italia parte dall'alto. Comincio seriamente a rimpiangere scalfaro, il che è tutto dire!

Ritratto di ventavog

ventavog

Gio, 27/03/2014 - 11:45

scusate, non vedo i commenti dei soliti mercenari... come mai? non riuscite a trovare un argomento per difendere Napolitano?

scipione

Gio, 27/03/2014 - 11:47

No ai tagli : a lui,ai giudici ,ai gran commis di stato,...Si' i tagli alle povere pensioni,agli stipendi dei poveri dipendenti pubblici,ai rinnovi contrattuali e progressioni di carriera fermi da 10 anni,ai cassintegrati, agli esodati ...e tutta la "MARMAGLIA " che i Komunisti dicono di difendere.

antonio54

Gio, 27/03/2014 - 11:47

In un sistema parlamentare come il nostro, il governo prende le decisioni, decisioni che successivamente sarà il Parlamento a tramutare in leggi. Così dovrebbe funzionare in un paese normale. Renzi adesso deve dimostrare gli attributi, deve proseguire nei tagli come da programma, senza tentennamenti...

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 27/03/2014 - 11:59

Il satrapo ordina ed il garzone ubbidisce!

APG

Gio, 27/03/2014 - 12:03

A proposito di democrazia parlamentare ….. ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah …………….

VIKTOR MAX

Gio, 27/03/2014 - 12:08

Napolitano non si smentisce, funzione e persona assolutamente anacronistica: 1- che finalmente dia le dimissioni 2- oltre al Senato aboliamo anche il Quirinale ed ecco trovati altri 230 mio di €uro. Cosi si eliminano due altri centri di costo, anche se dubito che uno come l'attuale presidente del consiglio sappia la o comprenda la differenza tra centro di costo e centro di profitto, basta osservare le demenziali affermazioni verso i migliori manager statali o di aziende a partecipazione statale che in modo assolutamente demagogico esterna ogni giorno.

Ritratto di geode

geode

Gio, 27/03/2014 - 12:19

UNa tale faccia tosta da non voler sapere quanto si spende negli altri stati.

Ritratto di aquila

aquila

Gio, 27/03/2014 - 12:37

Il peggior nemico del Paese onesto è il presidente Giorgio che preso atto con stizza di non poter passare alla storia come colui che ha portato brillantemente al governo i comunisti senza passare dal voto e quindi dovrà rinunciare alle megastatue nelle maggiori piazze di ogni agglomerato urbano nazionale, ha ripiegato sul fatto di sposare la causa dei banchieri e poteri forti, altrettanto incapaci e corrotti dei comunisti d'accatto come lui, sperando un statue d'Onore nei saloni delle nostre grandi banche fallimentari nostrane e non, Renzo se hai gli attributi mandalo elegantemente a pagare e tira dritto. se devi andare a rotoli vacci per merito tuo e non di altri!!!

moshe

Gio, 27/03/2014 - 12:44

Cosa si aspetta ad incriminarlo per intromissione impropria nelle decisioni del parlamento?

claudio faleri

Gio, 27/03/2014 - 12:58

cos'altro ci saremmo aspettati da un comunista stalinista......

Marzia Italiana

Gio, 27/03/2014 - 12:59

Renzi, non ti curar di lor, ma guarda e passa! continua a fare quel che devi e hai promesso di fare. I tagli "assolutamente immotivati" a cui allude Napolitano, sono quelli effettuati dalla schizzofrenica Fornero riguardante gli esodati. I tagli che ha in mente Renzi non riguardano, e non devono riguardare la giugulare del cittadino medio, bensi' la pappa e ciccia dei burocrati, comprese le spese folli del Quirinale. Caro Napolitano, e' ora che scendiate tutti dal piedistallo su cui vi siete appollaiati per vostra incontrastata volonta', e la smettiate di arrogarvi questi diritti acquisiti, perche' sono appunto acquisiti da voi signori, senza che nessuno ve li abbia dati. Vi siete, praticamente, incoronati da voi stessi, niente e' avvenuto per volonta' popolare, tranne Berlusconi,l'unico votato dal popolo italiano e avete pensato bene di levarcelo di torno!

Marzia Italiana

Gio, 27/03/2014 - 13:06

Non mi pare che Napolitano si sia ancora reso conto che siamo arrivati alla fine del capolinea, che non si cava sangue da una rapa e che il popolo sta morendo di fame, chiuso com'e' nella sua dimora dorata. Se lo avesse realizzato, non avrebbe fatto Monti senatore a vita ancora prima di cominciare, e non avrebbe nominato altri 4 senatori a vita per creare una forte corrente anti-Berlusconi! Napolitano, non mettere becco o ti faremo interdire e rinchiudere in una cella dorata!

claudio faleri

Gio, 27/03/2014 - 13:09

uno stato vecchio indietro con la vita attuale, uno stato che non vuole rinunciare ai privilegi rubati in 50 anni

claudio faleri

Gio, 27/03/2014 - 13:10

anche renzi ha fatto la figura dello schiavetto obbediente

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 27/03/2014 - 13:25

Egregio giornalista Signor Signorini, non so se spetta a Lei moderare i commenti, ma mi permetto inviare, per la quarta volta il mio, che evidentemente non è stato ricevuto oppure è stato escluso. In quest'ultimo caso, gradirei, se possibile, conoscerne le cause. ""Questo nuovo modello di satrapo va defenestrato, mandato via, purtroppo a godersi un'immeritata pensione. Mancherebbe ora che fermasse, o rifiutasse di firmare, la legge sull'abolizione delle province. E' poca cosa per la verità, ma ogni maratona comincia con un passo. Ci vuole una repubblica presidenziale, dove capo del governo e capo dello stato, eletti e con mandato a termine, non modificabile, non prolungabile più di una volta, sono la stessa persona. diminuiremmo le uscite, la burocrazia, i conflitti di interesse e di opinione, taglieremmo anche una delle più balorde imposizioni di una Costituzione anacronistica secondo i tempi correnti.""

Mechwarrior

Gio, 27/03/2014 - 13:36

Vi ricordo che per il delitto di "lesa maestà" si viene appesi ;-P

gesmund@

Gio, 27/03/2014 - 13:42

E dove lo mandiamo ad abitare, il Presidente della Repubblica, in un pollaio? A parte che finirebbe per costare una fortuna anche il pollaio. E poi il turismo del Quirinale dipende anche dal fascino che il palazzo è la residenza del Presidente.

frabelli1

Gio, 27/03/2014 - 14:03

Bell'esempio ci viene dall'alto. Da questi privilegiati comunisti che proteggono i loro privilegi e lasciano il popolo in sofferenza. I loro appannaggi i loro privilegi non si devono tagliare, i magistrati si fanno le loro regole e quindi i loro appannaggi e privilegi diventano intoccabili. Poi vanno da chi produce lavoro e gli dicono cosa devono fare e che loro devono rinunciare a qualcosa, magari alla loro ditta. Si vergognino, il fascismo non derubava nessuno e gli unici torti furono quelli di allearsi ai tedeschi entrando in guerra e creando le leggi razziali.

Ritratto di scandalo

scandalo

Gio, 27/03/2014 - 14:04

Sono andato dal medico per descrivergli i miei sintomi : quando lo vedo o leggo ciò che dice ho le convulsioni , l'orticaria , diarrea e vomito !! il medico mi ha diagnosticato la NAPOLITANONITE !! un nuovo virus che si sta diffondendo rapidamente al nord , esclusivamente a chi un puro dna padano , pare che i terroni per via della razza siano indenni !! il medico ha aggiunto che l'unico rimedio è ignorarlo io ho proposto una soluzione piu radicale lui però mi ha avvertito "guardi che la maggioranza dei magistrati e caramba sono meridionali " !!

timoty martin

Gio, 27/03/2014 - 14:05

Ecco, interviene il komunista doc e tutte le buone risoluzioni vanno in fumo. Quando manderemo a casa questa mummia che non fa l'interesse degli Italiano ma soltanto quelli del partito komunista.

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Gio, 27/03/2014 - 14:08

«il passaggio da tagli che abbiamo conosciuto assolutamente immotivati....>> Chi stabilisce i tagli motivati? Lui naturalmente. Lui e la sua corte di alti, costosi, incapaci e laidi alti burocrati. Cominci a tagliare il suo mostruoso staff. Quando ci togliamo dalle palle questo tardo (in tutti i sensi) ex comunista, diventato borghese, a spese nostre, fin dal più profondo delle midolla!.

giovannibid

Gio, 27/03/2014 - 14:26

è ora di eliminare, cartolariamente e in breve tempo, la figura del presidente "non di tutti" dalla Carta Costituzionale oltre che, per risparmiare, anche per avere meno BUROCRATI che fanno danni e NON PAGANO

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Gio, 27/03/2014 - 14:31

Tutto il mondo ha presidenti giovani, in Italia se non hanno meno di 80anni non li vogliamo. La costituzione va rifatta dalla A alla Z. Come è possibile governare con una carta che non è allineata ai tempi. E' come andare in autostrada con il monopattino.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Gio, 27/03/2014 - 14:37

bobirons Gio, 27/03/2014 - 13:24: CONCORDO pienamente! Anche due miei commenti non sono stati pubblicati...chissà xke!!

AlbertMissinger

Gio, 27/03/2014 - 14:37

Solo cambiando gli uomini si possono avere azioni nuove.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Gio, 27/03/2014 - 14:38

Il motto di questo personaggio è: Quello che è mio è mio, quello che è tuo è mio. Questo per confermare cosa sono i Kompagnosky

giottin

Gio, 27/03/2014 - 14:56

Ecco svelato chi veramente comanda: un novantenne komunista. PUAH! Schifoso delinquente.

giottin

Gio, 27/03/2014 - 14:58

Il famigerato matteo messina denaro confronto a quello che c'è nella foto accompagnato dal suo degno servo è una candida mammoletta!!!!!

Libertà75

Gio, 27/03/2014 - 15:02

intanto pure gli 85 euro al mese sembrano pian piano venire meno nelle disponibilità... staremo a vedere, comunque fino al 30 maggio concederò il beneficio del dubbio a questo governo

atlantide23

Gio, 27/03/2014 - 15:44

Sempre le solite chiacchiere. Ora basta. Il '68, in Italia, e' stato mooolto aiutato dai giornali, l'Unita' in primis. E quindi, di cosa stiamo parlando !

pastello

Gio, 27/03/2014 - 15:44

Lo sceriffo di Nottingham.

pastello

Gio, 27/03/2014 - 15:46

Ma cosa applaudi cretino.

pastello

Gio, 27/03/2014 - 15:55

Per favore smettetela di chiamarlo comunista. Il giusto appellativo è fasciocomunista. Grazie.

ilbarzo

Gio, 27/03/2014 - 17:19

Renzi,il garzone e leccaculo del vecchio comunista Re Giorgio, Presidente della Repubblica Italiana.Naturalmente non il mio presidente,nel quale non mi sono mai riconoscito,aantomeno adesso che occupa due poltrone:Quella di Presidente della Repubblica e quella del presidente del Consiglio.Renzi e'come si suol dire e' l'uomo di paglia.

paci.augusto

Gio, 27/03/2014 - 18:25

Singolare e assordante il silenzio di tutta l'ottusa truppa degli utili idioti trinariciuti, sempre pronti all'intervento demenziale contro gli 'odiati nemici' politici!! Evidentemente, il compagno Napolitano non ha scuse NEPPURE per loro!!!!