Sei stressato? Metti a tavola lenticchie, limoni e noci

Gli esperti spiegano gli effetti degli alimenti su concentrazione e umore. Il calcio riduce l'ansia e le mandorle la prevengono

Respiro affannoso, batticuore, mani sudate. E poi irritabilità verso i colleghi, decisioni impulsive, nervosismo nelle discussioni. Quando accusate questi sintomi fermatevi e tirate un sospiro di sollievo. Non è in arrivo un infarto, siete semplicemente stressati. E la causa è sempre la stessa: il lavoro.
Sembra una cosa ovvia ma se ce lo dice una ricerca dell'Ordine nazionale degli psicologi non abbiamo scampo. Proprio in azienda, infatti, un italiano su quattro è vittima dello stress che poi significa, malattia, malessere, scarsa capacità di concentrazione e dunque scarso rendimento.
E gli italiani non sono delle mosche bianche. In tutta Europa, più della metà delle ore di lavoro perse sono causate dallo stress e il costo annuo stimato si aggira sui 25 miliardi di euro.
Paradossalmente, per arginare questa piaga, ogni azienda dovrebbe assumere un nutrizionista. È proprio lui che potrebbe alleviare chi sta male indicando diete appropriate. Infatti, lo stile di vita alimentare influisce pesantemente sugli ormoni che litigano tra di loro nel nostro organismo: il cortisolo, cattivo, che causa stress, la serotonina, buona, che scatena il buon umore. Ma in mancanza di un medico a portata di mano, si può seguire qualche consiglio suggerito da esperti internazionali. Che innanzitutto promuovono il vituperato cioccolato.
Cioccolato. Chi mangia fondente, dicono, produce meno cortisolo. E uno studio americano rivela che i livelli dell'ormone cattivo si riducono mangiando 40 grammi di cioccolato al giorno utile anche a ridurre l'ipertensione.
Dall'università di Madrid ci dicono anche che il vino rosso (bevuto moderatamente) previene depressioni, ansie e stress perché ha un'azione anti-radicalica, antinfiammatoria, migliora la circolazione sanguigna e abbassa la pressione arteriosa.
Calcio. Anche il calcio è associato a una riduzione dello stress, quindi, oltre al latte, sono ottimi tutti i cibi che lo contengono: grana e parmigiano, fagioli di soia, tarassaco. Lo yogurt, invece, mentre rigenera la flora intestinale, favorisce la produzione della serotonina.
Frutta secca. E poi non fatevi mancare mai frutta secca. Sempre una ricerca americana dimostra che un paio di noci al giorno aiutano il nostro corpo a contrastare lo stress. I pistacchi invece riducono la pressione arteriosa e tengono sotto controllo il colesterolo. Pure le mandorle, ad alto contenuto di vitamina B2, zinco, magnesio e vitamina, prevengono il malumore e calmano il sistema nervoso.
Limoni. I limoni contengono grandi quantità di antiossidanti, come la vitamina C e gli antocianosidi, capaci di depurare e proteggere le cellule del fegato, favorendone la rigenerazione.
Lenticchie. Le lenticchie contengono fibre che stimolano il senso di sazietà, magnesio che ha un effetto rilassante e calcio, che riduce l'ansia. Disintossicano ed eliminano le tossine causate dallo stress.
Verdure viola. Tutti i frutti e i vegetali viola proteggono contro le malattie cardiovascolari, migliorano la chiarezza mentale, neutralizzano lo stress ossidativo.
Tè verde e tisane. Il tè verde e quello nero sono ricchi di sostanze che favoriscono il rilassamento. Bene anche la camomilla, valeriana, fiori d'arancio, tiglio, melissa, verbena e malva.