Napolitano: "La sentenza è definitiva ma la crisi sarebbe fatale"

A una settimana dalla condanna di Berlusconi, l'intervento del presidente della Repubblica blinda l'esecutivo e fa luce sul futuro politico del Paese

La preoccupazione fondamentale, comune alla stragrande maggioranza degli italiani, è lo sviluppo di un'azione di governo che, con l'attivo e qualificato sostegno del Parlamento, guidi il paese sulla via di un deciso rilancio dell'economia e dell'occupazione. In questo senso hanno operato le Camere fino ai giorni scorsi, definendo importanti provvedimenti; ed essenziale è procedere con decisione lungo la strada intrapresa, anche sul terreno delle riforme istituzionali e della rapida (nei suoi aspetti più urgenti) revisione della legge elettorale. Solo così si può accrescere la fiducia nell'Italia e nella sua capacità di progresso. Fatale sarebbe invece una crisi del governo faticosamente formatosi da poco più di 100 giorni; il ricadere del paese nell'instabilità e nell'incertezza ci impedirebbe di cogliere e consolidare le possibilità di ripresa economica finalmente delineatesi, peraltro in un contesto nazionale ed europeo tuttora critico e complesso.
Ho perciò apprezzato vivamente la riaffermazione - da parte di tutte le forze di maggioranza - del sostegno al governo Letta e al suo programma, al di là di polemiche politiche a volte sterili e dannose, e di divergenze specifiche peraltro superabili.
Non mi nascondo, naturalmente, i rischi che possono nascere dalle tensioni politiche insorte a seguito della sentenza definitiva di condanna pronunciata dalla Corte di Cassazione nei confronti di Silvio Berlusconi. Mi riferisco, in particolare, alla tendenza ad agitare, in contrapposizione a quella sentenza, ipotesi arbitrarie e impraticabili di scioglimento delle Camere.
Di qualsiasi sentenza definitiva, e del conseguente obbligo di applicarla, non può che prendersi atto. Ciò vale dunque nel caso oggi al centro dell'attenzione pubblica come in ogni altro.
In questo momento è legittimo che si manifestino riserve e dissensi rispetto alle conclusioni cui è giunta la Corte di Cassazione nella scia delle valutazioni già prevalse nei due precedenti gradi di giudizio; ed è comprensibile che emergano - soprattutto nell'area del PdL - turbamento e preoccupazione per la condanna a una pena detentiva di personalità che ha guidato il governo ( fatto peraltro già accaduto in un non lontano passato ) e che è per di più rimasto leader incontrastato di una formazione politica di innegabile importanza. Ma nell'esercizio della libertà di opinione e del diritto di critica, non deve mai violarsi il limite del riconoscimento del principio della divisione dei poteri e della funzione essenziale di controllo della legalità che spetta alla magistratura nella sua indipendenza. Né è accettabile che vengano ventilate forme di ritorsione ai danni del funzionamento delle istituzioni democratiche.
Intervengo oggi - benché ancora manchino alcuni adempimenti conseguenti alla decisione della Cassazione - in quanto sono stato, da parecchi giorni, chiamato in causa, come Presidente della Repubblica, e in modo spesso pressante e animoso, per risposte o «soluzioni» che dovrei e potrei dare a garanzia di un normale svolgimento, nel prossimo futuro, della dialettica democratica e della competizione politica.
A proposito della sentenza passata in giudicato, va innanzi tutto ribadito che la normativa vigente esclude che Silvio Berlusconi debba espiare in carcere la pena detentiva irrogatagli e sancisce precise alternative, che possono essere modulate tenendo conto delle esigenze del caso concreto.
In quanto ad attese alimentate nei miei confronti, va chiarito che nessuna domanda mi è stata indirizzata cui dovessi dare risposta.
L'articolo 681 del Codice di Procedura Penale, volto a regolare i provvedimenti di clemenza che ai sensi della Costituzione il Presidente della Repubblica può concedere, indica le modalità di presentazione della relativa domanda. La grazia o la commutazione della pena può essere concessa dal Presidente della Repubblica anche in assenza di domanda. Ma nell'esercizio di quel potere, di cui la Corte costituzionale con sentenza del 2006 gli ha confermato l'esclusiva titolarità, il Capo dello Stato non può prescindere da specifiche norme di legge, né dalla giurisprudenza e dalle consuetudini costituzionali nonché dalla prassi seguita in precedenza. E negli ultimi anni, nel considerare, accogliere o lasciar cadere sollecitazioni per provvedimenti di grazia, si è sempre ritenuta essenziale la presentazione di una domanda quale prevista dal già citato articolo del C.p.p.. Ad ogni domanda in tal senso, tocca al Presidente della Repubblica far corrispondere un esame obbiettivo e rigoroso - sulla base dell'istruttoria condotta dal Ministro della Giustizia - per verificare se emergano valutazioni e sussistano condizioni che senza toccare la sostanza e la legittimità della sentenza passata in giudicato, possono motivare un eventuale atto di clemenza individuale che incida sull'esecuzione della pena principale.
Essenziale è che si possa procedere in un clima di comune consapevolezza degli imperativi della giustizia e delle esigenze complessive del Paese.
E mentre toccherà a Silvio Berlusconi e al suo partito decidere circa l'ulteriore svolgimento - nei modi che risulteranno legittimamente possibili - della funzione di guida finora a lui attribuita, preminente per tutti dovrà essere la considerazione della prospettiva di cui l'Italia ha bisogno. Una prospettiva di serenità e di coesione, per poter affrontare problemi di fondo dello Stato e della società, compresi quelli di riforma della giustizia da tempo all'ordine del giorno. Tutte le forze politiche dovrebbero concorrere allo sviluppo di una competizione per l'alternanza nella guida del paese che superi le distorsioni da tempo riconosciute di uno scontro distruttivo, e faciliti quell'ascolto reciproco e quelle possibilità di convergenza che l'interesse generale del Paese richiede.
Ogni gesto di rispetto dei doveri da osservare in uno Stato di diritto, ogni realistica presa d'atto di esigenze più che mature di distensione e di rinnovamento nei rapporti politici, sarà importante per superare l'attuale difficile momento.

Commenti
Ritratto di Chichi

Chichi

Mer, 14/08/2013 - 10:32

Grazie di aver pubblicato il testo originale del capolavoro di ipocrisia e di ambiguità di Giorgio Napolitano sulla sorte del SENATORE Silvio Berlusconi e del partito che ha osato porsi, con la guida del SENATORE Silvio Berlusconi, come alternativa alla parte politica di Giorgio Napolitano. Ci deve essere qualche dannata anima bolscevica, che ha suggerito ai costituenti PCI tutti i trabocchetti e le ambiguità della costituzione italiana. Ed è chiaro che dal profondo dell’inferno questo bolscevico non cessa di assistere con la sua ispirazione Giorgio Napolitano, da quando i suoi compagni lo hanno eletto a Caro leader e Presidente Eterno. In questo sproloquio sussiegoso, la sua ispirazione ha toccato il massimo. Nemmeno il padre di ogni menzogna avrebbe potuto fare meglio. NOTARE: per Giorgio Napolitano, il SENATORE Silvio Berlusconi è già decaduto e gli ha già revocato anche il titolo di cavaliere de lavoro. Omaggio all’invocata concordia da ritrovare!!!

Ritratto di Chichi

Chichi

Mer, 14/08/2013 - 11:29

“ed essenziale è procedere con decisione lungo la strada intrapresa, anche sul terreno delle riforme istituzionali e della rapida (nei suoi aspetti più urgenti) revisione della legge elettorale.” FUORI DAL LINGUAGGIO BIFORCUTO: La strada delle riforme istituzionali c’è: possiamo continuare a passeggiarci per secoli. Urgente è trasformare le legge elettorale, in modo che assicuri alla mia parte politica, quale detentrice del brevetto della democrazia, maggioranze bulgare.

cast49

Mer, 14/08/2013 - 11:41

IL BUON NAPOLITANO NON SI CHIEDE SE LA SENTENZA E' GIUSTA O I GIUDICI HANNO SBAGLIATO O GLIELA STANNO FACENDO PAGARE AL SENATORE BERLUSCONI (INNOCENTE), COME DIRE: "CHI SE NE FOTTE"...

precisino54

Mer, 14/08/2013 - 14:54

Per gli illustri costituzionalisti del piffero che sproloquiavano in merito alla necessità di una esplicita richiesta di grazia riporto: “... La grazia o la commutazione della pena può essere concessa dal Presidente della Repubblica anche in assenza di domanda …”! Aggiungo pure, riportando sempre le parole del PdR: “... leader incontrastato di una formazione politica di innegabile importanza ...”, ma come non eravamo impresentabili? Sicuro che stiamo parlando degli stessi soggetti e dello stesso partito? Non è che per caso qualcuno deve fare marcia indietro e porgere le proprie scuse? Una questione non mi è chiarissima: avevo studiato il principio della gerarchia delle fonti, in cui dalla Costituzione si arriva sino agli usi passando per le varie tipologie di leggi, in essa la consuetudine viene dopo la legge scritta, come la mettiamo con il passaggio: “negli ultimi anni, …, si è sempre ritenuta essenziale la presentazione di una domanda"?

opinione-critica

Mer, 14/08/2013 - 15:25

Ha ragione Napolitano. La sentenza è definitiva. Anche se è stata esplicitata da un giudice animanto da faziosità nei confronti di Berlusconi. Per Napolitano e i "sinistri" in genere le sentenze non si discutono si applicano, anche se sbagliate. Il Motivo? La sentenza di un giudice di cassazione, seppure in malafede, vale più della morale e della fede religiosa. La fede religiosa in confronto a una sentenza della cassazione è ragione allo stato puro. La vera fede è nell'operato della cassazione e nei suoi giudici...

patrenius

Mer, 14/08/2013 - 17:46

Obiettivamente, tutta questa apertura io non la vedo. Richiedere la grazia è ammissione implicita di colpevolezza, con tutte la conseguenze che immancabilmente ne seguiranno. D'altra parte se concedere la grazia è possibile ma solo contrario alla prassi, quante volte Napolitano ha già sconvolto la prassi? Quindi volendo, una volta di più non sarebbe la fine del mondo. Mapperò mapperò volendolo. Appunto, volendolo.

giuliana

Mer, 14/08/2013 - 20:46

Vuol forse dire che da domani riaprono le imprese e ci sarà lavoro a volontà per gli italiani? Se la risposta è no, significa che dietro il fumo continua ad esserci altro fumo. Per l'arrosto...beh...quello che c'è è riservato ai politici.

ABU NAWAS

Mer, 14/08/2013 - 22:11

SULLA TERRA DI DEFINITIVA C'E' SOLO LA MORTE!!! LE SENTENZE DELLA CASSAZIONE NON SONO NE' IL VANGELO, NE' IL CORANO, NE' LA BIBBIA, E QUELLA INGIUSTA CHE HA COLPITO BERLUSCONI DOVREBBE ESSERE ANNULLATA SUBITO, A MENO DI NON VOLERE COPRIRE L'ESPOSITO I CUI COMPORTAMENTI HANNO SUSCITATO INQUIETANTI INTERROGATIVI CHE ,A QUANTO PARE NON HANNO ANCORA GODUTO DELLE RIFLESSIONI DEL PRES. NAPOLITANO. AUGURIAMOCI CHE IL PRES. NAPOLITANO SI DECIDA AD ANNULLARE LA SENTENZA, PER EVITARE LA CRISI CHE SARA' SI' TRAUMATICA PER DECINE DI MILIONI DI ITALIANI, CHE CERTAMENTE CASTIGHERANNO LA SINISTRA ALLE PROSSIME ELEZIONI!!!

ABU NAWAS

Mer, 14/08/2013 - 23:07

SENTENZA DEFINITIVA??? SULLA TERRA DI DEFINITIVA C'E' SOLO LA MORTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ESISTONO INVECE SENTENZE INGIUSTE, CHE VANNO ANNULLATE, SPECIALMENTE SE EMESSE DA UN GIUDICE SCHIERATO E CHIACCHERATO COME L'ESPOSITO, I CUI COMPORTAMENTI HANNO SUSCITATO INQUIETANTI INTERROGATIVI CHE AVREBBERO DOVUTO ATTIRARE LE RIFLESSIONI DEL PRES. NAPOLITANO. DECINE DI MILIONI DI ITALIANI SI CHIEDONO COME MAI QUESTO NON SIA AVVENUTO??????????????