Senza privatizzazioni la Capitale fallisca pure

Il regalo di Renzi per salvare Roma: 570 milioni di euro a Marino. Ma la terapia giusta è un'altra: si chiama fallimento

Detroit, la capitale storica dell'auto, è fallita, mentre per Roma capitale il governo Letta ha stabilito una gentile erogazione di 600 milioni, che il neo premier Renzi ha ritirato perché c'era l'ostruzionismo e non voleva porre la fiducia sul decreto, cominciando con una figuraccia. Ma ora Renzi non ha bisogno di regalarle 570 milioni (e subito, non a rate come Letta) del contribuente italiano. Se è davvero un innovatore dovrebbe stabilire che Roma capitale può fallire. Esiste una legge del 1993, trasfusa con qualche modifica nel testo unico della finanza locale del 2000 (governo Amato), che stabilisce che i comuni in stato pre fallimentare, come quello di Roma, il cui debito è di 800 milioni, devono essere commissariati, con una procedura simile a quella del fallimento del codice civile. Questo viene gestito da un Commissario, che riceve un eventuale contributo straordinario dallo Stato per attenuare la durezza del risanamento. I Comuni di Reggio Calabria e di Alessandria sono stati commissariati, dopo che la corte dei Conti li aveva invitati a proporre un risanamento plausibile, onde evitare la dichiarazione di dissesto e la nomina del Commissario. Poiché questi comuni, allora di centrodestra, hanno risposto con piani poco plausibili, la corte dei Conti ha dichiarato il dissesto.
Per Roma, invece, dal 2008, per rimediare ai disastri finanziari delle giunte Veltroni (Pd), è stato nominato un commissario che aiuta il sindaco nel risanamento, ma gli lascia tutti i poteri di gestione ordinaria. Alemanno (Pdl) non è riuscito a risanare il bilancio ed è stato eletto come sindaco Marino, del Pd, che è riuscito a strappare al governo-amico di Letta la promessa di 600 milioni, per continuare nel precedente andazzo, a cui ha aggiunto nuovi show e nuovi sprechi. Renzi ora, per evitare uno scippo agli italiani, dovrebbe lasciare che si applichi a Roma la procedura adottata per Alessandria, simile a quella di Detroit. Se all'ingiunzione della corte dei Conti di presentare un piano di risanamento per evitare il dissesto Marino risponde con un piano inconsistente, il Comune verrà commissariato. Ma Roma ha i mezzi finanziari per pagare gli 800 milioni di debiti accumulati in passato, vendendo beni, e Marino può evitare di fallire come Detroit, ad esempio, vendendo il 30% di Acea, la società dell'energia elettrica e dell'acqua di cui possiede il 51%. Il 30% di Acea, alle quotazioni attuali, vale 600 milioni. Chi ne acquistasse il pacchetto, ottenendo di far parte della maggioranza, potrebbe anche pagare qualcosa di più. Roma così incasserebbe 600 milioni, o qualcosa di più, e rimarrebbe in Acea con il 20%.
Ovviamente però il piano di risanamento per essere plausibile dovrebbe contenere anche misure strutturali. Sul Wall Street Journal si legge che la società comunale di trasporto Atac e quella di raccolta dei rifiuti hanno un assenteismo del 19% e che un passeggero su 4 non paga il biglietto. Io aggiungo, per esperienza, che sugli autobus non ci sono, se non in rarissimi casi, le macchinette per i biglietti. E questi sono spesso introvabili dai giornalai e nelle edicole. Non ci sono macchinette dei biglietti alle fermate, sicché è faticoso anche il reperimento dei biglietti, mentre gli scioperi dei servizi pubblici sono frequentissimi. E poiché le strade di Roma sono intasate da auto parcheggiate in modo illegittimo, senza che i vigili le controllino, il traffico è ingorgato. La città di Roma affitta 43mila alloggi ricavandone una media di 50 euro. Il Comune e le sue società hanno un eccesso di personale, anche a confronto con le altre maggiori città italiane. A Detroit hanno dovuto spegnere l'illuminazione pubblica per fare economia. A Roma basterebbe un po' di disciplina e di maggiore impegno. Ma il fatto che lo Stato sovvenzioni i Comuni, induce alla pigrizia. E ciò vale per Roma adesso. Ma vale anche per lo scandalo dei debiti pregressi di 70 miliardi degli enti locali e della sanità, che Renzi vorrebbe addossare al debito pubblico, senza curarsi di turare la falla che li genera. Per farlo, il rimedio è evidente: si chiama terapia Detroit.

Commenti

gpl_srl@yahoo.it

Sab, 01/03/2014 - 08:35

Ora ci pensa marino dato che tra i suoi studi c'è quello di un aumento indiscriminato di nomine e di costi.., tanto c'è alla fine chi paga: tutti gli italiani!

Villanaccio

Sab, 01/03/2014 - 11:26

Perchè "Il Giornale" che un tempo era un quotidiano serio e che primo compravo spesso ora è diventato illeggibile? Va bene essere all'opposizione ma non si può un giorno quasi osannare Renzi che ha "fatto fuori" più comunisti lui in 2 mesi che Belusconi in 20 anni e poi scrivere questi articoli frignaccia su Roma. Mi scusi sig. Forte, 2 domandine facili, facil1: la prima; i debiti di Roma sono stati fatti solo dalla recente amministrazione Marino o sono il frutto di decenni di malgoverno della città ? La seconda; prima di Marino non c'era un sindaco PDL che si chiamava Allemanno? E lui allora cosa aveva fatto ? Cerchiamo per favore di non essere settari poichè anche gli italiani di centro destra, non sono sprovveduti.

gian paolo cardelli

Sab, 01/03/2014 - 16:06

Villanaccio, rilegga l'articolo e trovera' la risposta a tutte le sue domande: devo indicarle in quali righe sono riportate o sa riuscirci da solo?

mariolino50

Sab, 01/03/2014 - 16:35

DAi documentari visti in tv la cura Detroit vuol dire il deserto, interi quartieri disabitati e in rovina, o in mano a bande di narcos di tutti i tipi, non mi pare una buona soluzione. Per i trsporti, e li conosco visto che ho vissuto un pò nella capitale, i soldi per l'inutile tav usarli per fare a Roma una metro come quella di Parigi, o almeno di Madrid, con più di dieci linee fatte in pochi anni, e non due fetenzie come a Roma, indegne di una grande capitale.

gisto

Sab, 01/03/2014 - 16:40

Adesso mettetevi in fila,Napoli,Torino e gli altri di sinistra,qui !davanti ,quelli di centrodx,aspettate in fondo!

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Sab, 01/03/2014 - 16:47

villanaccio se vuole un nome per il disastro di roma è facile, si chiama veltroni

Ritratto di greysmouth

greysmouth

Sab, 01/03/2014 - 16:55

Alla stregua di Alitalia: 500 milioni l'anno. Paese schizofrenico; cui prodest???

blues188

Sab, 01/03/2014 - 17:07

non pagano 'tutti gli italiani', ma come sempre solo il Nord!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 01/03/2014 - 17:27

E sai quanti municipi dovrebbero fallire...ma a PAGARE saremo sempre e comunque NOI, che le TASSE le abbiamo sempre PAGATE.

marvit

Sab, 01/03/2014 - 17:31

blues188. Ma la smetta. E' Peggio di un comunista.

mbotawy'

Sab, 01/03/2014 - 17:38

COME SI PUO'ELEGGERE UN TIPO COME QUESTO A SINDACO DI ROMA? Logico che si trovi impantanato nella amministrazione della citta'. Con le indegne elemosine non si risolve la conduzione, quando manca il vero conducente.

alberto_his

Sab, 01/03/2014 - 17:52

Lasciamo spazio al fallimento, smettiamola di salvare i creditori

Davidedream

Sab, 01/03/2014 - 17:56

E' giusto far fallire il Comune di Roma e ogni altro comune nella stessa situazione. Non farlo crea un precedente che porterà ad una valanga di casi di malgestione. Ognuno si regga in piedi con le proprie gambe, per cortesia, capitale o meno che sia. Da cittadino del Nord ho motivi doppi per chiederlo. Ma so che non succederà... Ci vediamo alla prossima puntata...

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 01/03/2014 - 17:56

Ho appreso che alcuni Romani, portatori di gravi handicap, sperano di incontrare questo Sindaco fancazzista mentre va in giro ad esibirsi per la Capitale con la sua bicicletta. Avendo accesso anche loro alle zone ZTL vogliono stenderlo al primo incrocio proprio per fargli abbandonare la bicicletta ed utilizzare anche Lui una'auto per disabili gravi!

leo_polemico

Sab, 01/03/2014 - 18:03

Eliminare gli sprechi e i soldi buttati per lavori inutili o rifatti più e più volte, naturalmente, non se ne parla MAI: bisogna aiutare gli "amici" e gli "amici degli amici". Intanto noi cittadini paghiamo.....

Ritratto di frank60

frank60

Sab, 01/03/2014 - 18:05

Ora ci pensa marino!!!!

marcoghin

Sab, 01/03/2014 - 18:07

Cane maledetto vigliacco, ricordati che, se faremo lo sciopero fiscale, il giorno dopo esploderete. W el leon!

pier47

Sab, 01/03/2014 - 18:10

BUONASERA, SOLO LA SECESSIONE PUO'SALVARE IL NORD MA PROPRIO I NORDISTI SONO I NEMICI PIU' PERICOLOSI,GUARDATEVI ALLO SPECCHIO E PENSATE AI VOSTRI FIGLI CHE NON HANNO FUTURO.Quindi al momento giusto ricordatevi di queste cose e barrate il segno giusto.Vedremo tra poco se l'avete capita.

gigetto50

Sab, 01/03/2014 - 18:15

......la colpa non é sua...é del governo centrale che non controlla bene dove e come finiscono i soldi... D'altra parte Roma, tra gli altri problemi, é anche piena zeppa di zingari, rifugiati politici, rifugiati e basta, migranti etc. e mantenerli non costa poco. E quindi nemmeno in questo caso la colpa é sua. Glieli ficcano e basta oppure se li trova. Vero anche che in alcuni casi li ha voluti accogliere lui ma tanto sul territori ci sono...o Roma o Milano o Torino o altre citta'..

gigetto50

Sab, 01/03/2014 - 18:15

......la colpa non é sua...é del governo centrale che non controlla bene dove e come finiscono i soldi... D'altra parte Roma, tra gli altri problemi, é anche piena zeppa di zingari, rifugiati politici, rifugiati e basta, migranti etc. e mantenerli non costa poco. E quindi nemmeno in questo caso la colpa é sua. Glieli ficcano e basta oppure se li trova. Vero anche che in alcuni casi li ha voluti accogliere lui ma tanto sul territori ci sono...o Roma o Milano o Torino o altre citta'..

gigetto50

Sab, 01/03/2014 - 18:15

......la colpa non é sua...é del governo centrale che non controlla bene dove e come finiscono i soldi... D'altra parte Roma, tra gli altri problemi, é anche piena zeppa di zingari, rifugiati politici, rifugiati e basta, migranti etc. e mantenerli non costa poco. E quindi nemmeno in questo caso la colpa é sua. Glieli ficcano e basta oppure se li trova. Vero anche che in alcuni casi li ha voluti accogliere lui ma tanto sul territori ci sono...o Roma o Milano o Torino o altre citta'..

marghera

Sab, 01/03/2014 - 18:32

Fin quando il debito era di Alemanno questo giornale non ne parlava. Ora diventa il fustigatore di un sindaco eletto da pochi mesi. Ma che porcheria di giornale è ? Sallusti ne è un degno direttore.

marghera

Sab, 01/03/2014 - 18:32

Fin quando il debito era di Alemanno questo giornale non ne parlava. Ora diventa il fustigatore di un sindaco eletto da pochi mesi. Ma che porcheria di giornale è ? Sallusti ne è un degno direttore.

Tuareg33

Sab, 01/03/2014 - 19:10

Prestategli pure i soldi, ma a condizione che presenti un piano di rientro. Negli ultimi sei mesi che tentativo ha fatto per ridurre il debito?

Ritratto di Blent

Blent

Sab, 01/03/2014 - 19:24

la cura è questa: basta soldi a questi sozzoni fancazzisti.

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 01/03/2014 - 19:42

Perchè devono essere sempre gli Italiani, ( la popolazione ), a pagare le colpe che questi DELINQUENTI fanno ??? Vengono stipendiati da NABABBI, perciò che si prendano le CONSEGUENZE e che PAGHINO I LORO SBAGLI PERSONALMENTE.

vince50

Sab, 01/03/2014 - 20:22

Quando fallisce un cittadino ci rimette personalmente e rimane abbandonato a se stesso,se invece fallisce la politica ci rimettiamo tutti.

marcoghin

Sab, 01/03/2014 - 22:15

BUONASERA, SOLO LA SECESSIONE PUO'SALVARE IL NORD MA PROPRIO I NORDISTI SONO I NEMICI PIU' PERICOLOSI, GUARDATEVI ALLO SPECCHIO E PENSATE AI VOSTRI FIGLI CHE NON HANNO FUTURO -si, mi guardo allo specchio e penso ai soldi che Roma fagocita senza che io possa utilizzarli per i miei figli, penso che fino ad Ottobre dovrò lavorare per pagare tasse, poi verranno i miei figli. - Quindi al momento giusto ricordatevi di queste cose e barrate il segno giusto.Vedremo tra poco se l'avete capita. - A momento giusto, quando scrivi, pensa a cosa scrivi e a chi stai scrivendo. Evidentemente non hai questi problemi, non sai e non capisci cosa scrivi! - Alemanno è uno dei tanti politici di carriera e quando è stato sindaco di Roma era completamente rincoglionito! Probabilmente Briatore ha ragione: a Roma tutti rincoglioniscono.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 02/03/2014 - 01:43

Renzi ha regalato ad un INCAPACE 570 milioni di euro per permettergli di CONTINUARE A FARE L'INCAPACE ALLA FACCIA DEI ROMANI. L'ennesima dimostrazione di come i trinariciuti non sanno governare. FANNO PAGARE AL PAESE LE LORO INCAPACITÀ.

Duka

Dom, 02/03/2014 - 07:27

Perchè dobbiamo mantenere la cafonaggine e l'incapacità? Il sindaco di Roma questo è. Un buffone che si fa ritrarre in bicicletta e che non capisce niente di economia e bilanci.

Holmert

Dom, 02/03/2014 - 07:35

Chissà perché la politica è passata nelle mani di gente senza il minimo senso civico ? Gente che vuole solo mantenere la propria poltrona ed il proprio clientelismo elettorale. Da anni ed anni , mancano veri uomini, veri servitori dello stato, vere persone oneste ed integerrime. Penso che trattasi di gente residuale, che nella vita di tutti i giorni non è stata capace di cavare un ragno dal buco. Nessuno vuole capire che mettere tasse per rincorrere una spesa folle, serve solo a finire di dissanguare la nazione e si vede, solo i ciechi ed i dementi non riescono a mettere a fuoco un concetto così elementare. Solo che per tagliare ci vuole coraggio e fegato, senza pensare di essere rieletto o meno. Lo stato italiano ha dato troppo a tutti. Si è messo sulle spalle di tutto. Ha sovvenzionato tutto nel pubblico e nel privato, accumulando una montagna di debito, con cui nessuna impresa potrebbe sopravvivere senza portare i registri in tribunale e dichiarare fallimento. Marino, il cui vero mestiere è quello di trapiantare fegati, si è messo a fare il sindaco in bicicletta. Anche lui come i tanti che lo hanno preceduto, chiede soldi per andare avanti, come se chiedesse legna per alimentare quell'incendio che distrugge e che andrebbe spento. Sopprimere tutto ciò che produce debito, meglio pagare gli impiegati senza fare niente, piuttosto che tenerli in quelle imprese che alimentano l'incendio. Centinaia di alloggi comunali affittati a 4 soldi. Meglio chiudere, la manutenzione vale molto di più, il comune ci rimette. Etc. Etc. Tagli Marino, lei che è esperto di bisturi, con il quale ha lavorato per anni. Se in sala operatoria non tagliava le carni infette il paziente moriva. Crede che amministrare sia diverso? Se non taglia il marcio il comune muore.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 02/03/2014 - 07:39

È proprio vero che questi KOMUNISTI, pensano anzitutto per le loro amicizzie,i loro famigliari e loro stessi, le BRICCIOLE, le danno alla popolazione. Che fallisca tutto ,MA, LE SPESE DEVE PAGARLE IL PARTITO DA LORO RAPRESENTATO.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 02/03/2014 - 20:06

voleva la poltrona da sindaco Roma? Ora la ha e che situazione è Roma?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 02/03/2014 - 20:12

gpl è colpa della Germania

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 04/03/2014 - 09:47

ma Marino è medico? Certo che se cura i suoi pazienti come cura la politica......