Si sbriciola il Grande centro che sognava di guidare l'Italia

Tra feste separate e minacce di scissione ormai Udc e Scelta civica sono ai ferri corti. E intanto l'ex premier Monti punta i piedi: "Patto di coalizione o lasciamo il governo"

Roma - No, il Grande Centro no. Per favore, pietà. Non costringeteci a utilizzare l'eufemismo del ragionier Fantozzi durante il dibattito sulla Corazzata Potemkin. Ci impegneremo a non dichiarare solennemente che «è una cag. pazzesca» solo a patto che quella pizza di film fatto girare centinaia di volte da Casini non venga sottoposto all'ennesima visione degli italiani. Per rispetto delle persone e della loro intelligenza, anche qualora essa venga presunta della stessa consistenza del «Grande Centro». Appunto, nulla.

È l'idea più slabbrata e stantia che la politica conserva nell'armadietto della nonna. Come quei biscotti alla naftalina tirati fuori nelle serate di paranoia, quando la tivù è rotta, la corrente andata via, la famiglia langue attorno a un tavolo spoglio e a un frigorifero vuoto. Quando non si ha più nemmeno voglia dell'ultima rivincita a carte e ci si guarda negli occhi languidi e mesti, fino a che la zia spudoratamente finge rianimazione, apre il cassettino con aria furba e ammicca: «Un Grande Centro?». Ma chi lo vuole? Chi ha ancora la forza di parlarne, chi il coraggio?

Succede a Chianciano, festa dell'Udc neo-divorziato da Scelta civica (che difatti si tormenta a Caorle, 446 chilometri più in su), e che incredibilmente si dichiara già pronto a nuovi abbracci, altri abboccamenti, al «grande progetto». Sì, certo. Eccome: il Grande Centro, «che non ci vede protagonisti solitari, ma il lievito per una cosa più grande. Il nostro destino è di essere protagonisti di una grande idea che si afferma. Grande la sfida e grande il destino». E «grande» pure il centro (stima generosa: 4 per cento). Ma grande, grandissimo soprattutto Pierfurby Casini, bentornato.

Incurante che alla prima riunione organizzativa del mattino pare mancasse persino Lorenzo Cesa (il segretario); indifferente all'ala del partito che si dice già essersi riunita attorno a Mario Tassone, e del tutto refrattaria all'ennesima avventura di neutrini in corsa sotto il Gran Sasso dell'irrilevanza. Eppure, con devozione degna del Cern, Casini sperimenta ancora la scissione di masse considerevoli (Pdl e Pd), rafforzate da altre appena staccatesi (Monti), per effetto della forza attrattiva di buchi neri o nuclei privi di materia che siano (Udc). Prospettiva nondimeno affascinante per la scienza, ma che pure nel passato non ha sortito - pura casualità - gli esiti attesi. Impressionante la serie di tentativi consegnati alla storia. Dalla cosiddetta «provetta Ccd» ('94) al «buttiglione Ccd-Cdu» ('96). Dalla «Costituente democratica» all'Udr (con inspiegabile espulsione dello stesso Casini, '97-98). Dal «Ccd-Cdu-Udeur» ai reagenti «Ccd-Cdu-Democrazia europea» (2001). Riapertura dei cantieri con Mastella (2005 e poi di nuovo nel 2007: «In un anno io e Casini ricostruiremo il Grande centro»), quindi l'arrivo del più collaudato distillato chimico buono per tutte le stagioni, il Rutelli ('09). Ancora, nel maggio 2010: l'annuncio che turba il mondo scientifico: «Non è un'operazione di marketing, Pd e Pdl sono finiti» (Casini). Pezzotta: «Nulla sarà come prima». Due anni di incomprensibili cautele e, aprile 2012, l'arrivo di menti Fini e la dissoluzione dell'Udc nel Partito della Nazione. L'orizzonte non è esaurito, si arriva alla scommessa più grande: dissolversi tra i Monti. Ma, incredibilmente, fallisce anche la dissolvenza. Tanto che Monti ricatta: «Patto di coalizione o usciamo dalla maggioranza». Così ora si torna al «Partito popolare». «Non c'è tempo da perdere, abbiamo le idee chiare». Crediateci o no, sempre Casini.

Commenti

paolonardi

Lun, 16/09/2013 - 09:06

Le grandi e, non e' solo coincidenza, antiche democrazie si fondano su un numero ridotto di partiti (2 o 3) che si affrontano col maggioritario, scelta fatta anche dagli italiani con un referendum vanificato con un legge elettorale approvata in fretta e furia. Quando si capirà che per far funzionare il nostro paese occorre votare con un maggioritario secco con la meta' di collegi e quindi parlamentari? Si vuol tornare invece al proporzionale, con preferenze, appena camuffato in modo da formare maggioranze variabili che non rispettino il desiderio dei cittadini.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/09/2013 - 09:20

Un "fantasma" come Monti e un relitto della DC come Casini? Non hanno avvenire politico. Il primo ha solo la poltrona a vita su cui è stato avvitato dal Colle. Il secondo si è autodistrutto in odio a Berlusconi, come già fece il suo amico-nemico Fini, del quale ha condiviso la cecità politica. Perché cambi il vento e la destra possa esprimere un volto nuovo purtroppo saranno necessari molti anni e soprattutto che da destra si affaccino sul disastrato panorama politico italiano persone nuove e più affidabili.

Beaufou

Lun, 16/09/2013 - 09:30

A Casini piacciono le parole roboanti, tanto non costano nulla. Ma quel che gli interessa è un posto in Parlamento, una sedia, uno strapuntino, uno sgabello. E se ci pensate, è una gran cosa che Casini sia rimasto là dentro per tanto tempo, senza mai aver fatto nulla che ne giustificasse la presenza. Qualcuno di voi ricorda un provvedimento, una proposta, perfino un tema avanzato dal Nostro? Io no. Il nulla assoluto, sempre a rimorchio di qualcuno ma orgogliosamente indipendente a parole. Danni grossi, eccettuato lo sperpero inutile di danaro pubblico per le sue prebende, non ne ha fatti, proprio perché non ha mai fatto nulla. Al massimo correo, mai reo. Ma sarebbe ora che la smettesse e si levasse di torno.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/09/2013 - 09:35

Di recente ho intravisto Casini in TV prima di affrettarmi a cambiare canale. Che ora aspiri ad un accordo con la destra, dopo aver fatto tutto per far cadere Berlusconi, mi sembra addirittura vomitevole. Deve scomparire dal panorama politico del bel paese. Non lo voglio né vedere né sentire.

vittoriomazzucato

Lun, 16/09/2013 - 09:39

Sono Luca. A guardarvi fate ribrezzo. Non pensate sia ora di vergognarsi. GRAZIE.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/09/2013 - 09:42

Il bel Casini si sentiva tanto importante quando pontificava in TV a braccetto con Bersanov e AlfaNO. Il trio ABC: il fato vuole che i tre siano destinati a scomparire progressivamente dal panorama politico italiano, se non fosse altro per manifesta incapacità. Tutti.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Lun, 16/09/2013 - 09:58

Aspettiamo ancora qualche mese e si sbriciola anche il PDL

Ritratto di ...zzTop.

...zzTop.

Lun, 16/09/2013 - 10:10

certa gente dovrebbe darsi all'agricoltura, almeno i sicuri danni sarebbero circoscritti

alberto.rossattini

Lun, 16/09/2013 - 10:23

Casini??? Personaggio vomitevole!!!

Ritratto di ...zzTop.

...zzTop.

Lun, 16/09/2013 - 10:37

grande centro quelli li? vadano piuttosto a giocare a boccette in qualche centro ricreativo per pensionati che almeno fanno meno danni

Beaufou

Lun, 16/09/2013 - 11:20

@ Goldglimmer: Non ne sarei tanto sicuro, se fossi in lei. Più probabile che si sbricioli il PD, che non sa ancora se allestire macchine da guerra, smacchiare i giaguari o darsi all'asfaltatura. Ma ognuno insegue i sogni suoi, e buon pro gli faccia.

peroperi

Lun, 16/09/2013 - 11:21

Casini non si smentisce mai. Quando Berlusconi ha dato il colpo di reni recuperando voti ha cercato di riallearsi, adesso che Berlusconi perde e vuole sciogliere il Governo lo minaccia di non appoggiarlo. Verme strisciante.

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Lun, 16/09/2013 - 11:55

vedere due esseri inutili, se non dannosi per la Nazione, ed un redattore che gli da spazio, pure, nel periodo del tutti contro uno, è proprio quella ciliegina che mancava.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 16/09/2013 - 12:26

pierfurby credeva chissà cosa, ed è finito punito al voto. monti invece continua a prenderle, e neanche si accorge.... ma come fate a votare questa gente? :-)

mezzalunapiena

Lun, 16/09/2013 - 12:33

buchi neri privi di materia è sufficiente andare al senato e/o alla camera e abbiamo una varietà infinita non di buchi ma di materia grigia.l'esempio più ecclatante è quello di casini e monti e quello che mi domando,non credo di essere il solo,è come napolitano abbia potuto eleggere monti prima senatore a vita poi presidente del consiglio, vorrei che qualcuno me lo spiegasse.

giottin

Lun, 16/09/2013 - 12:45

@Beaufou. Che strano, mister Bean se la prende con bersnev perché parlava di smacchiare i giaguari e lui vuole asfaltare il pdl, mi sa che tra i due non ci sia alcuna differenza, solo eloquio più affabulatore da parte del primo e questo è ciò che gli farà pescare più boccaloni!

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 16/09/2013 - 12:51

Aspettaimo ancora qualche settimana e si sbriciola il PD.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 16/09/2013 - 12:52

Monti e Casini erano due con molte idee, ma tutte di brevissima durata.

demoral

Lun, 16/09/2013 - 14:24

quanto tempo occorre a Casini x rendersi conto che non se lo fila più nessuno,e quindi togliersi dalle p..le?

unosolo

Lun, 16/09/2013 - 15:48

Casini farà bene a rientrare con Berlusconi , si è lasciato trasportare dal Fini ed ora se non rientra nel CDX rimarrà con poche possibilità di non sparire .

gioch

Lun, 16/09/2013 - 16:42

Potrebbe essere una bella lezione per i Demo-Socialisti-Cristiani del PDL.Ma solo se la capissero.La vedo dura.

Ritratto di Zione

Zione

Lun, 16/09/2013 - 21:25

Zione dice che le Scellerate sentenze dei Tribunali Speciali NON vanno Rispettate, perchè sono l'abbietto frutto di ignobili, Vili e Blasfeme TRAME; che si svolgono attraverso il Tradimento delle Sacre Istituzioni da parte di Turpi personaggi del Giudiciume POLITICO che nei loro strumentali e iniqui Processi, invece di cercare la Verità la soffocano con Coartazioni, Minacce e Calunnie per farla rinascere come serve al loro Laido INTERESSE e come da vecchia consuetudine della (fu ?) "Alta scuola di Torino" (quella dell'infame Patto di Mandrogne); questo succede perchè certi Egregi figli di Satana hanno per unico scopo la PERSECUZIONE Giudiziaria di qualsiasi Persona che ostacola il loro piano di Sovvertimento dello Stato; per tale nefasto motivo e a furor di Popolo, certe Vigliacche "Sentenze" di comodo Devono essere riviste, Rilette e RISCRITTE secondo la Legge e la Coscienza di seri e Onesti MAGISTRATI. ----- Boja fauss; ma chissà perchè mai si ricordano soltanto adesso i più agitati ed Emeriti CIALTRONI di varie "Parrocchie", con tanto tempo che hanno avuto inutilmente prima, ora si affetentiscono assai perchè si prevede una imminente votazione SEGRETA al Senato per cercare di far decadere dalla carica di senatore il Cavaliere del LAVORO Silvio Berlusconi; forse molto mal Consigliati (dai Felloni ?) Vorrebbero cambiare le regole del gioco quando già ci sono le carte in tavola, ma dopo aver visto di non avere nessun Jolly in mano e neanche un asso da calare a terra per vincere la partita, credono Stupidamente di poter BARARE senza pagare Pegno; ma i tanti Poveri Cristi già Macellati da questi Fetenti, vigilano e reagiscono anche in Rete; con tutto il Mortale Rischio che questo comporta, quando si ha a che fare con gli Eccellenti Felloni, sempre in simbiosi e ben serviti da qualche feroce Caporale, di Brigantesca Sbirraglia.