Solo nella vita di coppia lo spread è un vantaggio

Da Demi Moore a Placido alla Martines: il "differenziale" fra gli anni di lui e di lei funziona nei sentimenti (e soprattutto sotto le lenzuola)

I bookmaker, gli stessi che davano per certa la fine del matrimonio con il baby marito Ashton Kutcher, non avrebbero scommesso una cicca sulla sua resurrezione. Demi Moore maltrattata dagli eventi, sciupata da una dieta a base di bibitoni e aria, e poi frullata ben bene nel tritacarne del gossip, sembrava votata a una irrimediabile infelicità. Ma la vita a volte fa strani giri la cui traiettoria sfugge persino alla logica dei bookmaker, oltre che a quella delle riviste rosa.
Due giorni dopo la paparazzata del suo ex con l'attrice Mila Kunis, è arrivata la rivincita: i rotocalchi la volevano «devastata» dalla foto dell'ex in compagnia della nuova fiamma - mora e magra come lei, ma con meno rughe sul viso e meno anni sulle spalle - lei invece si è fatta vedere in giro leggiadra e sorridente col suo nuovo amico, Martin Henderson, attore trentottenne con dodici anni in meno.
Se la vita privata è burrascosa, mai come in questa estate lo spread anagrafico della coppia è un rifugio sicuro.
Prendete Alessandra Martines. Ha quasi 49 anni e alle spalle un matrimonio tormentato con il regista Claude Lelouch, naufragato sulle secche dei tradimenti di lui e delle accuse di lei. «Un uomo egoista, e senza morale» era stato l'epitaffio con cui l'attrice aveva liquidato un amore lungo 16 anni. Adesso a quasi 49 anni aspetta un figlio dal compagno 29enne Cyril Descours e dalle pagine di Vanity Fair cinguetta: «Ogni giorno mi misuro la pancia: è l'unico momento, nella vita di una donna, in cui siamo contente di avere un metro di girovita». Per poi lanciarsi in un affondo da fiorettista consumata: «Era da un anno che lo aspettavamo (il figlio ndr), l'abbiamo passato facendo molto l'amore». E così in un colpo solo si è liberata del fantasma dell'ex 75enne - magari fascinoso, ma di certo meno aitante - e ha tolto la sete con un prosciutto molto salato a tutti quelli che sogghignavano per la differenza d'età col nuovo compagno. A dimostrazione del fatto che se lo spread ci rovina l'estate, quello delle coppie non è mai stato così propizio.
Hugh Jackman ha una moglie che di nome fa Deborra Lee Furness e di anni ne ha quasi sessanta, sedici più di lui. Non particolarmente amata dalla stampa e nemmeno dalle fan del marito, l'aggettivo più gentile che le indirizzano è cougar, «cacciatrice», per alludere alla sua capacità di prendere al lazzo uomini più giovani. Mentre il suo peso, la sua età e le tendenze sessuali del consorte vengono passati sotto una lente d'ingrandimento, la Furness tende a farsi i fatti suoi, non rilascia dichiarazioni e tutt'al più presenzia alle anteprime. Ma a difenderla ci pensa il marito, che ai giornalisti la racconta come una benedizione: donna d'esperienza - quando Jackman l'ha conosciuta lei aveva già girato 25 film - compagna solida e solidale, oltre che madre perfetta e amorevole. Magari Jackman esagera, ma quando lo spread della coppia si impenna, si innalzano anche muraglie cinesi pur di difenderla dai pettegolezzi.
E anche i maligni che da dieci anni non mancano di sottolineare la differenza di età tra Michele Placido e la futura moglie Federica Vincenti quest'estate sono serviti: divisi da trentotto anni di differenza e uniti da una relazione che dura da un lustro e da un figlio, i due hanno annunciato le nozze per il prossimo 14 agosto. Lui ha 66 anni, lei 28 cioè meno di sua figlia Violante Placido ma l'amore non ha badato all'anagrafe.
Federica Vincenti ha raccontato di aver conosciuto Placido quando aveva solo 18 anni e di essersi trovata coinvolta in una storia che le era sembrata ingestibile visti quei 37 anni di differenza. Eppure dopo dieci anni la coppia è a un passo dall'altare, per celebrare l'unico caso in cui lo spread unisce invece di dividere.

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Sab, 28/07/2012 - 14:56

Ridicoli i paragoni di questo personaggio nome placido.Non credo ad un amore con differenza di eta. Lei giovane , ma non bella, lui forse solo possidente.Un figlio non e una garanzia.Mi domando , d estate bisogna riempire il giornale , ma non ci sono abbastanza casi di italiani disastrati da poter commentare?

Ritratto di KATYN1943

KATYN1943

Sab, 28/07/2012 - 15:46

Non mi pongo il problema disastri si disastri no, solo una deduzione: se questi esseri privilegiati fossero solo dei poveri metalmeccanici della Fiat o donne delle pulizie a mezzo servizio, i risultati sarebbero stati gli stessi? E gli ovuli proliferano solo in corpi decadenti di signore benestanti? Ma ci facciano il piacere!!! Ci facciano.

idleproc

Dom, 29/07/2012 - 15:17

Mah? Vista da un punto di vista maschile sai già a priori che se sono instabili (mignotte) non puoi pensare che cambiano per cui non c'è motivo di prendersela. Delle altre sai che non mollano un rapporto se non ne hanno un altro sottomano per cui sono potenzialmente instabili (mignotte) e siamo arrivati al 90%. Resta circa un 10%, quelle sono donne che sono anche capaci di stare da sole e che se sei fortunato di trovarne una, qualsiasi problema è possibile affrontarlo, risolverlo e di solito non si tradiscono e non tradiscono. Se va male è solo perché il rapporto si è esaurito e ci si lascia senza trauma da trofeo pluriramificato.