Tempi della giustizia: Italia maglia nera

Cifre allarmanti nel nuovo rapporto della Commissione europea sui sistemi giudiziari: da noi alcuni processi durano oltre tre anni, molto più che negli altri Paesi membri

Cause civili che in Appello durano sempre di più e superano i tre anni e che in Cassazione sono lunghe in media 1.230 giorni. Procedimenti pendenti in primo grado che, pur in calo, sono più di 4 milioni, per una durata media ancora di molto superiore a quella degli altri Paesi europei. Che il nostro sistema giudiziario non goda di buona salute non è una novità, ma i numeri aiutano ad avere un quadro più preciso. Sono i dati del rapporto 2012 della Commissione europea per l’efficacia della giustizia, realizzata con il contributo dell’Istituto di ricerca sui sistemi giudiziari del Cnr.

Il nuovo bilancio (riferito al 2010) è stato presentato lo scorso 25 ottobre in occasione della Giornata europea per una giustizia civile più vicina ai cittadini. Il rapporto della Cepej-CoE (Commissione europea per l’efficienza della giustizia del Consiglio d’Europa) valuta i sistemi giudiziari di 46 dei 47 stati membri del Consiglio, mettendo a confronto budget, organizzazione della giurisdizione, flussi e durata dei procedimenti, patrocini gratuiti a spese dello Stato. “Per l’Italia, si confermano i gravi problemi dovuti all’eccessiva durata dei procedimenti, ma si individuano anche segnali di miglioramento”, spiega Marco Velicogna dell’Irsig-Cnr.

“Rispetto alla rilevazione del 2008 – aggiunge l’esperto – si registra un lieve calo (-3%) dei procedimenti pendenti, che rimangono però intorno all’imponente cifra di 4 milioni. Sempre in primo grado, migliora anche la durata media dei contenziosi civili, da 532 a 492 giorni: certamente ancora troppi, se paragonati ai 289 della Spagna, 279 della Francia e 184 della Germania, ma si tratta finalmente di una tendenza positiva”. La situazione delle corti d’Appello rimane critica. Continua Velicogna: “Il settore penale registra un costante aumento nella durata dei procedimenti, con 998 giorni: 194 in più dal 2008 e ben 213 dal 2006. Peggiore ancora la situazione del civile dove le cause di secondo grado durano in media 1.267 giorni, oltre 3 anni”.

Anche la capacità dei tribunali di smaltire gli arretrati è peggiorata. Né migliorano le cose presso le sezioni civili della corte di Cassazione: “Occorrono mediamente 1.230 giorni per concludere un procedimento: 169 in più dal 2008 – conclude il ricercatore –. I casi pendenti, però, calano del 3%. Va meglio nelle sezioni penali, con una durata sui 240 giorni”. Qualche speranza, sostengono gli esperti del settore, arriva dalla graduale diffusione del processo civile telematico.

Annunci Google
Commenti

cast49

Mer, 31/10/2012 - 18:44

non abbiamo bisogno dei numeri della commissione europea, li sapevamo già, ma la nostra magistratura non sente da un orecchio, dice che mancano i magistrati, che manca la carta igienica, che vogliono più soldi e che non si stancheranno mai di giudicare BERLUSCONI perchè lo amano...