Tornano gli yacht? Macché, i porti restano vuoti per le tasse

Le imposte introdotte da Monti hanno ucciso un intero settore Guardate queste foto di Portofino prima e dopo la caccia al ricco

Milano - Ormeggi vuoti, bitte che aspettano da tempo una cima che si avvolga loro attorno. È la desolazione dei porti turistici italiani dopo il «massacro» di tasse perpetrato dal governo Monti nei confronti della nautica da diporto. Un paio di giorni fa il Corriere della Sera ha salutato con enfasi in prima pagina i primi albori di un'inversione di tendenza, segnalati dall'Osservatorio nautico nazionale: sarebbero tornate verso il Bel Paese, durante la stagione estiva, circa 700-1.000 imbarcazioni, un miglioramento del 2-3% rispetto alla tabula rasa che i Professori avevano lasciato.

La realtà, però, è profondamente diversa (come si vede dalle foto in pagina). I porti italiani sono ancora in crisi e, molto probabilmente, se per la stagione estiva non fossero state approntate alcune nuove strutture come quella di Marina del Gargano, in Puglia, i confronti con il passato sarebbero ugualmente impietosi.

Le ragioni della débâcle stanno tutte nell'autolesionismo italico. Da una parte, prevale l'ideologismo secondo cui la nautica è «roba da ricchi» e quindi va punita. Dall'altro lato, la scarsa lungimiranza di alcune amministrazioni locali tende a scaricare su questo settore applicandogli prezzi non competitivi l'extradeficit prodotto altrove. Lo ha testimoniato di recente il Giornale dove si comparavano i costi di attracco di alcune località francesi e dei più bei porti italiani. Cannes costa 50 euro al giorno, Saint Tropez 65 euro, mentre Porto Cervo e Capri sono «avvicinabili» solo pagando rispettivamente 500 e 600 euro a notte. Ammesso e non concesso che i diportisti siano tutti «paperoni», chi non si farebbe due conti in tasca e orienterebbe, di conseguenza, la prua verso altri lidi? Soprattutto se si considera che, in molti casi, l'Italia offre meno servizi a terra rispetto alla concorrenza transalpina. Senza contare che un cittadino italiano rischia sempre quei «simpatici» blitz della Finanza che, in base alle direttive dell'Agenzia delle entrate, vuol controllare se sia tutto in regola fino all'ultima virgola.

D'altronde, basta leggere quegli stessi dati dell'Osservatorio nazionale della nautica per rendersi conto che il trend declinante sarà difficile da contrastare. Il 34,4% del campione intervistato ha dichiarato che intende usare la barca per meno giorni rispetto al 2012, mentre il 41% vuole contenere al minimo le spese a terra. Non sono le migliori premesse per una stagione di ripresa.

I perché sono presto spiegati. Lo choc ha un nome e un cognome: Mario Monti. Il decreto salva-Italia di fine 2011, in primo luogo, prevedeva una tassa di stazionamento per le imbarcazioni. Il possesso di un natante, inoltre, è diventato un elemento da «allarme rosso» all'interno del famigerato redditometro. La correzione della tassa di stazionamento in tassa di possesso (che non si applica ai natanti esteri) è giunta alla fine della scorsa legislatura. Il decreto del Fare, inoltre, ha apportato correttivi al ribasso per la gabella e introdotto qualche piccolo sgravio per il settore. Ma ormai il danno era fatto. «Il diportista straniero teme di dover pagare la tassa di stazionamento e in Italia non viene più», ha dichiarato il presidente di Ucina (la Confindustria nautica), Anton Francesco Albertoni.

Gli italiani, invece, sulle vacanze in barca ci hanno già messo una croce sopra. I dati del 2012, infatti, sono la fotografia di un crollo: -26% gli ormeggi annuali, -34% gli ormeggi in transito, -56% la spesa complessiva sul territorio. Che tradotto in cifre fa 36mila posti-barca vuoti e 10mila occupati in meno. Ovviamente, anche per i costruttori di imbarcazioni sono anni di vacche magre. Il fatturato del comparto nautico l'anno scorso è sceso a 2,49 miliardi di euro, più o meni gli stessi valori del 2000. Le immatricolazioni sono andate giù in picchiata ed eccellenze italiane come Azimut e Ferretti (ora cinese) sono alle prese con uno slalom quotidiano tra mille difficoltà.

Vedere i porti pieni sarebbe naturale per una penisola come l'Italia. Ma il mare ha bisogno anche di essere amato, soprattutto dalla politica.

Commenti

timoty martin

Dom, 11/08/2013 - 08:58

Che ringrazino tutti monti, che con le tasse percepite ha "ingrassato" le banche amiche

franco@Trier -DE

Dom, 11/08/2013 - 09:37

Chissà se anche Berlusconi non va più a mangiare al suo ristorantino situato in piazza a Portofino

el cachivache

Dom, 11/08/2013 - 09:53

Siamo un paese in procedura fallimentare: i curatori stanno raschiando il fondo del barile, ma a forza di raschiare, il fondo si è rotto ed anche quel poco che c'era rimasto è andato così perso. Le origini del disastro sono lontane, partono dagli anni settanta con la creazione di quel MOSTRUOSO apparato statale spacciato per "stato sociale", quando invece era solo una fabbrica di clientele e ruberie. Cattolici e comunisti insieme hanno creato i presupposti per il nostro fallimento, quello sciagurato di Prodi con l'euro e la libertà di invasione concessa alla Cina ha fatto il resto. Ma si sa, la colpa di tutto è di Berlusconi! la colpa è "anche" di Berlusconi, che non ha fatto niente di quello che avrebbe potuto e dovuto fare per salvare il paese dalla morte certa. Quel poco che ha fatto ne ha solo prolungato l'agonia.

mariopalloni

Dom, 11/08/2013 - 10:16

ma cosa c'entra Berlusconi con questo articolo? ma avete problemi seri.....

kihaad

Dom, 11/08/2013 - 10:19

Restano vuoti perché il 90% delle barche sono di evasori che si cacano sotto a farsi vedere nei porti col rischio di essere sottoposti a qualche controllino. Le barche costano milioni di euro e non è certo qualche migliaio di euro a spaventare questi parassiti.

Max56

Dom, 11/08/2013 - 10:19

...perché quello che MM ha fatto al settore aeronautico privato/sportivo ed a tutte le aziende italiane del settore sono state solo teneri baci e languide carezze ?

Tower

Dom, 11/08/2013 - 10:41

La miopia politica intrisa di stupide retoriche ideologiche ha fatto danni in Italia da diversi decenni, ma purtroppo alcune cose sono passate inosservate mentre la nautica da diporto oggi fa notizia. Pensate che in Italia c'era anche un'eccellenza aeronautica con nomi come Piaggio, Aermacchi e Partenavia, ma poiché anche il volo è roba da ricchi il settore è stato condannato a morte. Oggi l'aviazione generale in Italia in sostanza non esiste, o perlomeno non regge il confronto con Francia, Germania e Inghilterra che oltre ad un gran numero di aeroporti ed aviosuperfici registrano complessivamente oltre duecentimila velivoli privati mentre in italia non arriviamo a millecinquecento. Ai nostri benpensanti moralizzatori sinistri importa solo che questi vizi da ricchi vengano impediti, che poi magari si siano persi anche decine di migliaia di posti di lavoro e sostanziose entrate per l'erario non gli entra certo nella loro testolina bocconiana.....

Italian Cappuccino

Dom, 11/08/2013 - 11:19

Io il problema lo risolto. Ho spostato la mia piccola azienda al estero. Ho scoperto che ho fatto la cosa più intelligente del mondo. Pagavo due stipendi in Italia adesso posso pagare anche il mio di stipendio. Il profitto e aumentato del 2000% in un anno senza cambiare la cifra d'affari. 2000% .... in italia pagate le tasse son rimasto con 1000 euro adesso ho 20000. come e possibile ??? semplicemente iniziamo dal affitto con spese per 50 m2 arrivavo a 12000 annui. adesso pago 7200, caparra in Italia per affitto 3000 euro qui 400, commercialista in Italia 4000 euro qui 2500, Adesso viene il bello ..... qui multa 20Km sopra il limite 30 euro in Italia quanto? Abbonamento gsm illimitato per telefonate nazionali e internazionali su telefono fisso 45/mese euro iva inclusa. in Italia 250 al bimestre...... . Qualcuno vuole che continuo? Benzina non la prendo in calcolo. ma anche li.... . L'Italia ha una grandissima fortuna. La maggioranza dei italiani non e poliglotta (escludo i dialetti) perciò sono costretti a rimanere in regime di semi libertà in Italia.

terzino

Dom, 11/08/2013 - 11:42

Ricordo un cartellone elettorale con la scritta"anche i ricchi piangano" e sullo sfondo c'era uno yacth di quelli che solo qualche multimiliardario si sarebbe potuto permettere mentre in primo piano aleggiava la figura di baffino, guarda caso comproprietario di una barca a vela di un certo valore poi venduta. Ottomila km di coste, un popolo di santi poeti e navigatori ridotto ad andare col pattino perchè la nautica, la cantieristica, ideologicamente valutata come sinonimo di ricchezza o evasione, sono stati distrutti da politicanti molto miopi. La Corsica, la Croazia e la Grecia ringraziano.

Ritratto di Ubidoc

Anonimo (non verificato)

Ritratto di stegalas

stegalas

Dom, 11/08/2013 - 11:55

Gli evasori cerchiamoli e perseguiamoli TUTTI... Il commercio dei clandestini, venditori abusivi di merce contraffatta fornita dalle mafie, vale 7 miliardi l'anno solo in Toscana... Ma questi evasori totali all'itagliota medio non interessano, anche perché il sistema giudiziario non li persegue ed i media non ne parlano, tanto "Libera" e Saviano di questi miliardi che vanno alle mafie sotto gli occhi di tutti non si interessano...

a.zoin

Dom, 11/08/2013 - 12:36

C`è da chiedersi, che dopo tutti i danni causati da Monti con le sue TASSE o (PURGHE),che ha dato al ceto medio,(arricchendo di più i ricchi), COME HÀ FATTO MONTI AD ARRICCHIRSI ??? Tutto il PD e la MAGISTRATURA, ce l`ha a MORTE CON BERLUSCONI!!! Ma i capoccioni del PD e della Magistratura, che hanno stipendi da NABABBO e conti in banca molto consistenti come hanno fatto ad arricchirsi ??? PAGANO ANCHE LORO LE TASSE ,COME I COMUNI MORTALI, PERCHÈ I GIORNALISTI NON FANNO RICERCHE IN RIGUARDO E DANNO POI I RISULTATI ALLA STAMPA ??? COSÌ POI SI VEDRÀ CHI SONO I VERI E V A S O R I .!!!

robylella

Dom, 11/08/2013 - 13:10

In Cina MM sarebbe già stato giustiziato!

franco@Trier -DE

Dom, 11/08/2013 - 13:41

mariopalloni chiavica c'entra c'entra lui era ed è un affezionato e conosciuto a Portofino.Capuccino in che paese sei? Nel paese dove legano i cani con le salcicce?Poi non hai scritto quanto costa un espresso e un capuccino lì.

Ritratto di randel

randel

Dom, 11/08/2013 - 13:53

@kihaad..........come darle torto.

jakc67

Dom, 11/08/2013 - 13:57

il problema non sono le tasse, ma la berlina alla quale sono sottoposti i naviganti ogni volta che approdano in italia... berlina atta a soddisfare palati fini tipo kihaad@@. questi bei tomi godono a sbeffeggiare chi nella vita per meriti o nascita è ricco e visto che voglia di lavorare non ne hanno se ne sbattono di quelli che dal diporto guadagnano da vivere: loro sono sussidiati, dipendenti pubblici o sindacalisti... al massimo centrosocialisti sostenuti dai vari pisapippa o "no-qualcosa" sostenuti da potenze interessate... i poveri pirla sonpo quelli che votano a sinistra...

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Dom, 11/08/2013 - 14:27

Più che ricchi questi son dei barboni. Ricordano un po' quelli che comprano il macchinone e poi non hanno i soldi per la benza, ridicoli

Ritratto di scriba

scriba

Dom, 11/08/2013 - 14:37

BARCHE E IMU. L' incubo dei comunisti ripuliti (da redditi capitalistici) del calibro di Bertinotti, Camusso, Epifani e codazzo vario, sono i ricchi, cioè coloro che lavorando e creando posti di lavoro si sono potuti fare la barca e la villa. I ricchi non li fanno dormire, e poco importa che un tal D'Alema sia stato per decenni armatore di una barchetta sulla quale si prosciugavano litri di champagne, e che il predetto Bertinotti si sia fatto una villa (ovviamente in caschemire) con parco e piscina. Il tutto senza aver mai timbrato un cartellino o creato uno straccio di posto di lavoro. Loro e tanti altri figli di stalin però non sono ricchi, sono solo diversamente poveri e diversamente proletari. Poverini. Un lituano venuto in Italia mi raccontava di suo nonno finito in Siberia perchè con tre maiali voleva impostare un allevamento ai tempi di lenin. Comunisti, basta la parola.

trevisan110lode

Dom, 11/08/2013 - 15:17

Che articolo commovente soprattutto nel finale "Ma il mare ha bisogno anche di essere amato.." Non riesco proprio a piangere di fronte la scomparsa di qualche yacht (a proposito se avvistate un operaio o semplice impiegato a bordo di un yacht avvisatemi!) Capisco cmq la questione della convenienza economica, probabilmente un boomerang il provvedimento di Monti. Tuttavia a me dispiace che non si usi qualche (altra e ben più incisiva) mannaia sui ricchi per abbassare le tasse ai poveri!! Questo sì genererebbe un ritorno economico non indifferente. Ciò non è stato fatto nè da Monti nè tanto meno dal presunto liberale sign. Berlusconi. "Avanti un altro" e speriamo sia meno incapace.

'gnurante

Dom, 11/08/2013 - 15:23

è un argomento che mi interessa? macché.

Ritratto di il port@borse

il port@borse

Dom, 11/08/2013 - 15:33

persino uno studentello ai primi anni di economia a patto che non provenga dalla bocconi avrebbe capito che tali tasse non solo avrebbero portato ad un abbassamento del gettito complessivo ma anche danneggiato l'indotto...il pdpdl è il responsabile diretto di questo provvedimento avendolo votato in parlamento

bruna.amorosi

Dom, 11/08/2013 - 15:34

aspettate che vince la sinistra con i grillini insieme ,,ne riparleremo .fortuna che gli ITALIANI non sono scemi .

Ritratto di nestore55

nestore55

Dom, 11/08/2013 - 15:37

kihaad...E' proprio una verità assodata:essere comunisti o di sinistra è antitetico ad essere intelligenti...Lei, nel più classico degli esternamenti da odiatore di classe, da invidioso verso chi è più fortunato ( o semplicemente ha rischiato di duo nella vita), sostiene che chi possiede una barca è un evasore...Balle....Sostengo invece che chi la pensa come lei è un cretino perseguitato dalla rogna della insoddisfazione, vive in mezzo agli spettri del "anch'io avrei potuto" etc....Sfogare l'amarezza di una vita fallita contro chi ha di più e vive meglio non serve a nulla:lei non migliorerà la sua pessima situazione e il proprietario dell'imbarcazione continuerà ad ormeggiare nei porti francesi o sloveni perchè molto meglio serviti e clamorosamente più economici...L'odio di classe ha portato l'Italia alla soglia del fallimento,grazie anche a personaggi come lei....E.A.

Ritratto di nestore55

nestore55

Dom, 11/08/2013 - 15:43

Dubito molto del 110 e lode...Mi sa tanto da 6 politico, rosso ovviamente..E.A.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Dom, 11/08/2013 - 15:48

Meglio evadere le tasse o non pagare il posto barca a Portofino ?

peter46

Dom, 11/08/2013 - 16:28

x trevisan110lode...uso il computer e il nik del mio datore di lavoro(così mi paro il ...se si accorge che ho commentato),sicuro che il 110 e lode non lo ha preso in Albania anche Lei.Io insieme ad altri 3(mansioni diverse,ma sempre "non proprietari"),faccio l'operaio sullo yacht di un imprenditore(normalmente,al 99%,i proprietari non sono capaci di 'manovrare'...poi la manutenzione ecc ecc).Quei tre che sono con me mi incaricano di(e quando mai non devo associarmi,non esiste)...mandarla ....affanculo.NB.Mi dicono che anche se eventualmente Lei volesse assumerli di andare ancora ...'affanculo'.Altro che non ci sono operai che con la nautica non lavorano.

Ritratto di GABRIELE FOGLIETTA

GABRIELE FOGLIETTA

Dom, 11/08/2013 - 16:29

caro Franco Trier, scusa un povero Italiano che si fa venire un dubbio sulle sue capacità di comprendonio. Mi spieghi che centra il ristorantino dove andrebbe Berlusconi, con la tassa ammazza turismo voluta e messa dai professori di Monti? Guarda che un bravo psichiatra te la può curare la tua ossessione.

-cavecanem-

Dom, 11/08/2013 - 16:32

Un'altra industria distrutta dal nostro governo.

polonio210

Dom, 11/08/2013 - 17:00

CURVA DI LAFFER...leggetevela e capirete molto della situazione economica italiana.Per gli "UTILI IDIOTI" (frase non mia ma del Compagno Vladimir Lenin)che sostengono politiche basate sulla AUSTERITY continua o che bisogna tassare ulteriormente gli italiani,cito solo una frase di Abraham Lincoln: SI POSSONO INGANNARE POCHE PERSONE PER MOLTO TEMPO O MOLTE PERSONE PER POCO TEMPO.MA NON SI POSSONO INGANNARE MOLTE PERSONE PER MOLTO TEMPO.Il tempo sta scadendo:o ci si impegna diminuendo drasticamente le tasse o si precipiterà in un buco nero (economico e sociale)dal quale nessuno si salverà.

Ritratto di randel

randel

Dom, 11/08/2013 - 17:03

@bruna.amorosi.......ha ragione, sopratutto quei 6 milioni di italiani che hanno smesso di essere bananas....

AH1A

Dom, 11/08/2013 - 17:12

Riprovo ad inviare il commento....ma l'anomalia qual'è quella che io debbo pagare le tasse e costoro no?....oppure che dobbiamo solo giustificare gli evasori...?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Dom, 11/08/2013 - 17:30

E ci si meraviglia? I comunisti stanno ancora dando la caccia ai kulaki. Per i comunisti ci saranno sempre dei kulaki parassiti affamatori del popolo.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Dom, 11/08/2013 - 17:30

E ci si meraviglia? I comunisti stanno ancora dando la caccia ai kulaki. Per i comunisti ci saranno sempre dei kulaki parassiti affamatori del popolo.

Anonimo (non verificato)

bruna.amorosi

Dom, 11/08/2013 - 17:49

RANDEL non ti agitare le elezioni sono vicine . sai come? noi quando una cosa non ci soddisfa non andiamo a votare .che vuoi farci non siamo di bocca buona come voi che assoldate gli zingari per vincere . a proposito avete vinto ieri ??????!!!!!!!!!!!!!!!!!riuscite a perdere anche quando barate giocando da soli buffoni .

jakc67

Dom, 11/08/2013 - 19:02

ubidoc@@@ pagando le tasse, in italia, si mantengono frotte di magistrati politicizzati intoccabili anche dal punto di vista economico, come si è visto, oltre a parassiti vari, con il posto barca a portofino e relativo indotto si da reddito a fior di lavoratori, artigiani, professionisti e dipendenti che da decenni danno lustro all industria turistica italiana. anche dando per scontato il parere dei coglioni par suo che una cosa esclude l altra (ribadisco: parere solo suo e dei suoi ammaestratori), la scelta apparrebbe scontata anche vista da sinistra... no??

jakc67

Dom, 11/08/2013 - 19:28

AH1A@@@ l anomalia è pensare che chi è più ricco di lei sia evasore a prescindere, mentre seguendo i suoi ragionamenti io sono propenso a pensare che probabilmente sia lei che per poca che sia, viste le sue qualità cognitive, logiche e intelletive, goda di una ricchezza immeritata... i miei rispetti...

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Dom, 11/08/2013 - 21:54

@jakc67 Il suo modo di esprimersi la dice lunga sul suo grado di civiltà ed istruzione. Le auguro di vivere felice in un paese dove nessuno paga le tasse ma costruisce barche . Per le offese via internet senta il suo avvocato.