Trattativa Stato-mafia, rinviati a giudizio 12 indagati

Tra i rinviati a giudizio, Nicola Mancino, Mori, Massimo Ciancimino, Calogero Mannino. Il procuratore Messineo non ha firmato la richiesta dei pm

I pm di Palermo hanno firmato la richiesta di rinvio a giudizio dei 12 indagati per la presunta trattativa Stato-mafia. Tra i rinviati a giudizio ci sono l’ex presidente del Senato, Nicola Mancino, l’ex ministro Calogero Mannino, capi mafia, ufficiali dell’Arma e Massimo Ciancimino.

La richiesta di rinvio a giudizio firmata dal procuratore aggiunto Antonio Ingroia e dai pm Nino Di Matteo, Lia Sava e Francesco Del Bene è stata vistata ma non firmata dal procuratore Messineo, una sottigliezza tecnica che potrebbe celare una non totale condivisione delle conclusioni cui sono giunti i magistrati titolari del fascicolo.

Nel dettaglio, tra i rinviati a giudizio ci sono i capimafia Totò Riina, Giovanni Brusca, Nino Cinà, Leoluca Bagarella e Bernardo Provenzano; il figlio dell’ex sindaco Vito Ciancimino, Massimo; il generale dei carabinieri, Mario Mori; l’ex capitano dell’Arma, Giuseppe De Donno; l’ex capo del Ros, Antonio Subranni; Nicola Mancino; il senatore del Pdl, Marcello Dell’Utri e l’ex ministro Calogero Mannino.


Gli imputati sono accusati a vario titolo di violenza o minaccia a corpo politico dello Stato e concorso in associazione mafiosa. Mancino risponde di falsa testimonianza e Ciancimino, oltre che di concorso in associazione mafiosa, di calunnia. "Preferisco farmi giudicare da un giudice terzo. Dimostrerò la mia estraneità ai fatti addebitatimi e la mia fedeltà allo Stato", ha commentato Mancino.

Commenti

eloi

Mar, 24/07/2012 - 16:09

Se andasse avanti il processo a tali perrsonaggi, esso "il processo" si estingurebbe per la totale e quasi probabile estinzione degli accusati. Mi dispiace solo una cosa: non potrò fare le classiche quattro risate perchè sarò estinto anch'io.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mar, 24/07/2012 - 16:08

Per fortuna che Scalfaro è morto altrimenti non avremmo saputo nulla.

Massimo Bocci

Mar, 24/07/2012 - 16:26

Concorso in associazione mafiosa???.......Ha la costituente comunista Catto47, ma non era stata vistata anche da quel democratico di Stalin.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 24/07/2012 - 16:35

Cadranno tutti in prescrizione...

Ritratto di wtrading

wtrading

Mar, 24/07/2012 - 16:57

Oso dire che questi magistrati sono affetti da paranoia e sindrome di onnipotenza, il tutto sorretto da una grande dose di stupidità. Purtroppo anche questa è l'Italia di oggi.

Cosean

Mar, 24/07/2012 - 17:01

Toh! Nel dettaglio c'è anche Dell'Utri! Un dettaglio in fondo all'articolo! Sperando che passi inosservato.

a.zoin

Mar, 24/07/2012 - 17:14

E, tutta questa gente,percepisce ANCORA uno stipendio statale. Se cio`e`vero :VOTAZIONI ANTICIPATE, E TUTTI GLI SCADASEDIE AL SENATO E AL PARLAMENTO

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Mar, 24/07/2012 - 18:29

ma noi siamo tanto piccoli e lontani, no comment, sennò ce ne starebbeeeeee.....ro tanti .

Massimo Bocci

Mar, 24/07/2012 - 18:39

Ho qualcuno avverta il magister (filo partigiano) che si e' scordato il Bunga Bunga, ha menzionato solo il solito Dell'Utri quello che ha fatto tutti i concorsi (esterni) per entrare nella mafia, ma che deve essere duro non gli riesce entrare mai,...ma l'omissione del Bunga Bunga e' grave, da portelli della ginestra in poi non si può aprire un fascicolo se non c'e una parte per il Bunga di cosa parleranno i giornali di regime gli cala l'odiens.

mezzalunapiena

Mar, 24/07/2012 - 18:57

spiegare quali siano stati i rapporti tra stato e maffia non credo sia facile,specialmente in italia,ma sicuramente contatti ci sono stati.nicolo amato direttore delle carceri negli anni 92-93 spiega che dopo capaci fu lui a riaprire le carceri di pianosa e l'asinara per metterci i boss. perchè conso ha abrogato il 41bis senza informare ciampi e scalfaro,poco credibile.

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Mar, 24/07/2012 - 20:14

ma la Merkel dovrebbe finanziare pagare i debiti per questa gente....

Ritratto di manasse

manasse

Mar, 24/07/2012 - 21:39

fedelta allo stato e alle sue tasche

roberto zanella

Mar, 24/07/2012 - 22:49

ma Scalfaro? Conso? Ciampi? E perckè no Capriotti e perchè non hanno ascoltato Nicccolò Amato ?

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Mar, 24/07/2012 - 22:45

La figlia di Silvio Berlusconi, Marina, è stata ascoltata dai pm di Palermo che indagano il senatore Marcello Dell'Utri per estorsione ai danni dell'ex premier. Marina Berlusconi è stata sentita come persona informata dei fatti e parte offesa. Anche perché è cointestataria con il padre del conto dal quale sarebbero partiti due prestiti in favore del parlamentare.

Ritratto di Bartuldin

Bartuldin

Mer, 25/07/2012 - 01:33

Se c'é la manina di Ingroia allora é tutto un dire. Mi vien da ridere