Le tre donne (speriamo sagge) di Berlusconi

l processo Ruby affidato a un tribunale "rosa". Negli Usa si preoccuperebbero, noi confidiamo nel diritto

Domani un tribunale composto di sole donne, tre giudici professionali che hanno vinto il concorso e sono normalmente in carriera, decide in prima istanza del caso Ruby. Negli Stati Uniti sarà una giuria popolare esclusivamente femminile, sei cittadine selezionate alla bisogna con tutti i crismi della legge, a decidere di un caso ben più grave, e sensato, «se il poliziotto George Zimmerman abbia agito in stato di legittima difesa quando ha abbattuto a colpi di pistola Trayvon Martin», un ragazzo. Una giuria popolare come quella di Sanford è diversa da un tribunale ambrosiano composto di magistrati in toga, e in Florida, lo stato in cui si esamina giudiziariamente il caso Zimmerman-Martin, fino al 1975 le donne erano escluse dalle nomine nelle giurie, adesso è arrivata la sorpresa di una selezione che ha portato a una corte popolare di un solo genere sessuale. Gli americani, senza distinzioni partigiane tra destra e sinistra, si preoccupano un poco. La Corte suprema aveva infatti osservato: «La verità è che nessuno dei due sessi è fungibile; una comunità composta di uno solo di essi è differente da una composta di entrambi; il gioco sottile di influenza dell'un sesso sull'altro è tra gli elementi imponderabili». Può darsi che una corte monosessuale non implichi alcunché, «tuttavia un sapore, come qualità distintiva, va perduto quando uno dei due sessi sia escluso». È più difettosa ancora, dice la più importante Corte costituzionale del mondo nella sentenza Ballard vs. United States, una corte senza l'altro sesso che una corte senza le minoranze razziali o religiose rappresentate.

Si specula, al caldo sole della Florida. Nella rivista The Atlantic, di orientamento liberal, ci si domanda. «Le donne-giurato simpatizzeranno per qualcuno che afferma di essere stato in pericolo di vita? Due delle giurate sono portatrici di armi secondo il diritto costituzionale americano. Simpatizzeranno compassionevolmente per la tragica perdita della vita di un adolescente? Cinque di loro sono mamme». Quello americano ha molti difetti, ma è per certi versi un sistema di giustizia esemplare nel rispetto dei diritti del cittadino. Se la giustizia di New York ha abbandonato per l'insufficiente integrità della vittima-testimone la pretesa di giudicare penalmente Dominique Strauss-Kahn, l'ex direttore del Fondo monetario internazionale sulla soglia dell'Eliseo, che era oggetto di una pesante accusa di stupro, figuriamoci che cosa avrebbe fatto dell'istruttoria guidata dal pm Ilda Boccassini. Si sarebbero domandati, il district attorney Vance e i suoi collaboratori: con quale faccia affrontiamo un dibattimento in cui non esiste una parte offesa, non esiste altra circostanza d'accusa che un invito a cena e abitudini grotesque, una banale raccomandazione viene spacciata per concussione a sua insaputa di un funzionario pubblico correttissimo? Ma la bella figura non è una preoccupazione della nostra cara dottoressa Boccassini, c'è sempre la «furbizia orientale» della signora El Mahroug da mettere in piazza, insieme a intercettazioni che nessun giornale di un paese civile avrebbe mai pubblicato in flagrante violazione della privacy dei conversanti, del buon gusto e della buona creanza (lasciamo perdere, negletto com'è, il diritto).

Ma torniamo al tribunale di sole donne insediato a Milano per giudicare, domani mattina, Berlusconi. Non abbiamo alcun elemento per dire, come pensano alcuni molti italiani, che sarà un tribunale del pregiudizio, che andrà appresso alle castronerie antifemministe di quelle migliaia di donne de sinistra che hanno manifestato contro il simbolo della giustizia sommaria antimaschile, il Berlusconi galante e qualche volta un po' greve in fatti di sessolalìa. Fosse il giudizio o pregiudizio espresso «per fatto culturale», potrebbe anche essere favorevole all'imputato, visto che alla fine le donne del loro corpo e della loro identità fanno l'uso che vogliono, e sono finiti i tempi in cui la Loren era perseguitata perché bigama e furoreggiava il codicillo di una vecchia Italia autoritaria e stupida inneggiante al «comune senso del pudore». Dobbiamo invece pensare, e lo facciamo volentieri superando i nostri, di pregiudizi, che i tre giudici-donna decideranno in punto di diritto, e basta. Se parlassero solo come «bocca della legge», ch'è il precetto liberale massimo, sarebbe un gran giorno per la giustizia italiana. In caso contrario, lo sapete intuitivamente tutti, cari lettori, si rinsalderebbe l'idea, già così popolare, che un'armata di moralisti e bacchettoni senza principi di rispetto del diritto personale s'è impadronita dei nostri tribunali e ne abusa per scopi politici. Spero che tre donne coraggiose si dimostrino una giudice a Berlino.

Commenti

hansdejaco

Dom, 23/06/2013 - 09:33

Giuliano Ferrara, queste tre giudici non giudicheranno secondo legge ma come la maggior parte della magistratura solo in base all'odio a Berlusconi. Lodevole il Suo auguri, ma non ci credo che in questo caso ci sarà giustizia.

LAMBRO

Dom, 23/06/2013 - 10:27

Non ci sono prove, non ci sono reati, non ci sono collusi, non ci sono vittime ...... per essere condannati basta chiamarsi Berlusconi? O la Sana Giustizia farà il Miracolo?

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Dom, 23/06/2013 - 11:08

...Un tribunale di sole donne non è certo un caso.

gigggi

Dom, 23/06/2013 - 11:12

Io propenderei per qualche giudice gay...vuoi mettere???Bello,giovane,alto,biondo e ricco come lui vuoi che un gay non si innamori????????

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Dom, 23/06/2013 - 11:33

Chi di speranza vive di speranza muore.

piserik

Dom, 23/06/2013 - 12:18

Berlusconi è senza ombra di dubbio il principale artefice di questo sfascio e di questo declino. Per questo è colpevole, senza se e senza ma. Per questo deve essere punito: basta che si tolga di torno e che smetta di promettere miracoli che non mantiene e di condizionare drammaticamente la democrazia, le dinamiche parlamentari, la vita quotidiana e, di conseguenza, la storia degli italiani. Basta non votarlo più!

Ritratto di nestore55

nestore55

Dom, 23/06/2013 - 15:23

piserik....Lei è,senza ombra di dubbio, un marziano sotto mentite spoglie umane, altrimenti non avrebbe mai potuto scrivere così tante cretinate in così poche righe. E.A.

pansave

Dom, 23/06/2013 - 15:28

QUOTA AZZURRA NELLA MAGISTRATURA!!!

bruna.amorosi

Dom, 23/06/2013 - 15:34

beh!!!!vogliamo mettere ? affidare questo caso a 3 donne .è l'unica cosa che si potesse fare .oggi non va di moda PROTEGGERE LE FEMMINE? donne è altra cosa . poi BERLUSCONI è amato e loro questo non lo sopportano ..non hanno avuto tante attenzioni nella vita quelle racchie ..e si sà quando una femmina odia è pericolosa ...

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 23/06/2013 - 15:36

Ma si parla sempre di quote.In questo caso il rosa comincia a pesare.Non esistono altri giudici al di fuori di queste oche starnazzanti, e di sicura parte politica.Perche qui si fa un processo politico, e uguale di come uno la pensi.

lucrus

Dom, 23/06/2013 - 15:55

È un peccato che Berlusconi venga spazzato via con il caso Ruby, perché è vero, nella sua vita privata ha diritto di fare quel che vuole. Avrei preferito vederlo dietro le sbarre per tutti gli altri reati non a sfondo sessuale per i quali si è fatto le leggi ad personam per salvarsi (concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione giudiziaria, falso in bilancio, etc...).

Paul Vara

Dom, 23/06/2013 - 16:15

Non bastava più il complotto comunista ora ci si mette con il complotto femminista... Ferrara: quanto la pagano per delegittimare le Istituzioni ?

bruna.amorosi

Dom, 23/06/2013 - 16:34

Paul Vara quanto dovrà pagare la tua ministra per aver fregato lo STATO ITALIANO che la paga per fare il suo lavoro ?????vedi io non parlo di complotto è talmente palese che è una EVASORE FISCALE OLTRE CHE ABUSIVISTA E ANCHE BUGGIARDA .???.di BERLUSCONI SONORICATTI DELLA MAGISTRATURA QUELLA HA FREGATO DI CERTO ..

Ritratto di LoZioTazio

LoZioTazio

Dom, 23/06/2013 - 16:43

caro ferrara, non s' illuda, per berlusconi non ci sará nessun giudice a berlino, la sentenza é giá scritta e il dititto é giá morto, tutto quello che é successo e succederá non é altro che la cronaca di una condanna annunciata

volp

Dom, 23/06/2013 - 16:51

In America uno come Berlusconi politicamente non esisterebbe proprio. Ma questo Ferrara, Sallusti e Feltri si guardano bene dal dirlo ai loro lettori. Per fortuna esistono i Giudici ed i Tribunali incorruttibili, peccato che esista chi è' liberale e tollerante a giorni alterni.

astice2009

Dom, 23/06/2013 - 16:58

bruna.amorosi : eppure il suo avvocato le ha detto certamente che rischia di perdere tutto se qualcuno la denuncia per diffamazione. Ma forse lei ha i soldi in Svizzera e ufficialmente qui in Italia e' una povera zingara nullatenente. Per questo insulta e diffama senza prove. Ma la giustizia sta arrivando a colpirla...

pansave

Dom, 23/06/2013 - 16:58

Siete proprio sicuri che in Burundi tre pigmei assolvono un watusso o in Ruanda tre tutsi fanno i saggi con un pastore hutu?

Ritratto di semovente

semovente

Dom, 23/06/2013 - 17:03

Se non fosse per i dubbi che sorgono al cospetto di un così congegnato tribunale, ci sarebbe da dire: Beato fra le donne.

Ritratto di semovente

semovente

Dom, 23/06/2013 - 17:09

@piserik. certo lei come giudice avrebbe un gran successo. Lei si che se ne intende. Ma per piacereeeeeeeeeeeeeeeeeee

G M

Dom, 23/06/2013 - 17:29

Giuliano Ferrara non ti preoccupare: le tre donne saranno estremamente sagge. Infatti la sentenza è scontata! Naturalmente per le persone di buon senso e che ragionano con la loro testa, in maniera onesta...

gian paolo cardelli

Dom, 23/06/2013 - 17:34

Volp, in America e' un partito come .il PD E PREDECESSORI (soprattutto...) a non poter esistere , cosi come un Di Pietro sia in magistratura che in politica , da cui la non necessita di dover votare per il Berlusconi Di turno , ma questo banale concetto voi "di sinistra " non potrete mai capirlo ne, sorattutto, riconoscerlo.

benny.manocchia

Dom, 23/06/2013 - 17:36

E' scioccante assistere al trapasso di un mondo dal Purgatorio (non e' mai stato Paradiso)alla bolgia infernale rossa. E' altresi' scioccante accorgersi che i diavoli rossi (da Napolitano in giu') siano convinti che milioni di italiani resteranno tutti con le mani in mano.Ve ne accorgerete! Un italiano in USA

benny.manocchia

Dom, 23/06/2013 - 17:50

State ricevendo i miei commenti? Un italiano in USA

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Dom, 23/06/2013 - 17:56

piserik non è altri che il noto Piso, che barba che noia...

fisis

Dom, 23/06/2013 - 17:59

Articolo molto fine e culturalmente raffinato. Ma la verità è molto più semplice e brutale: la giustizia italiana è sotto scacco di una fazione comunista. Sì proprio il comunismo, ovvero quell'ideologia che ha fatto milioni di morti e tuttora perseguita o affligge miliardi di individui. Finchè ci saranno giudici che credono in questa ideologia sanguinaria e che applicano e "interpretano" le leggi secondo quella weltanschaung, l'Italia non sarà mai nemmeno lontanamente una democrazia liberale.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 23/06/2013 - 18:14

xvolp.Non sono qui a difendere B, ma in america basta e avanza uno zulu che non essendo cittadino americano , li ha fatti fessi a tutti.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 23/06/2013 - 18:16

xastice2009-Quando la finisce di minacciare i lettoria lei contrari sara sempre tardi.I tipi come lei si ritrovano bene nelle fogne.

bruna.amorosi

Dom, 23/06/2013 - 18:26

ASTICE2009pensavo fossi finito dentro un bel piatto di linguine ma non preoccuparti per me tu preoccupati delle minacce che invii .hai ragione sono una zingara perciò di soldi e denti d'oro ne ho molti ed ho anche una ministra che mi difende . .attenzione a minacciare potresti rischiare grosso tu !!.c'è la polizia postale lo sai no?? io le notizie le leggo su i giornali TUTTI .anche il FATTO Q guarda un pò .

honhil

Dom, 23/06/2013 - 19:22

Il ridicolo di questo processo è che non si sarebbe dovuto fare. Eppure, senza prove alla mano, greve, e più rancido di un cannolo andato a male, domani darà i suoi frutti. Si spera per la Giustizia che non siano i frutti neri di un’ideologia che già ha fatto parecchi danni. Principalmente alla Bilancia della Signora bendata. Ma, a guardarsi attorno, non c’è molto da sperare. La sentenza sembra già scritta da tempo. Nel solco di quell’assalto finale che non prevede di fare prigionieri. E Firenze, e il via vai di puledre e di escort che c’era a Palazzo Vecchio, tanto per restare al caso in corso, è molto indicativo. E ancora una volta ha dimostrato che, in modo integrale e senza omissis alcuno, soltanto le intercettazioni di Berlusconi arrivano alla stampa. Con lui, che c’entri o meno, sempre al centro delle indagini. A Sinistra, invece, gli omologhi del Cav. al massimo vengono lambiti, senza mai arrivare in un’aula di tribunale. Anche quando, nei torvi avvenimenti, di qualsiasi natura siano, ci sguazzano dentro. Con prove alla mano. Del calibro: «Abbiamo una banca?». E’ anche vero che Colombo, con a Santa María, la Niña e la Pinta, attraverso l’Oceano Atlantico. Indenne. Correva, però, il 1492 e a Milano dettava legge Ludovico Maria Sforza detto il Moro e non la Procura.

Ritratto di Zione

Zione

Dom, 23/06/2013 - 23:06

C'è solo da sperare nelle fervide preghiere del buon FRANCESCO (il nostro Santo Padre; che il Cielo ce lo conservi a lungo ...) affinchè ci sia un mondo migliore già su questa infelice Terra. ----- Parlando della Assassinata Giustizia, domani il Fu Tribunale del Popolo emetterà la "Sentenza" di uno Scellerato processo, a conclusione dei propri deliranti sogni di Onnipotenza e comportanti Faraoniche "spese di Giustizia" a carico della povera Gente, già Appezzentita e DISSANGUATA da un'assortita manica di Fetenti; comunque, questo assurdo quanto Velenoso verdetto, molto prevedibilmente continuerà a confermare l'esistenza FUORILEGGE del tribunale SPECIALE dell'Italico GIUDICIUME, che in pronto e servile Ossequio al volere dei suoi tristi Associati (Compari e Briganti) scriverà così un'altra vile pagina di Infamie.

Ritratto di martinitt

martinitt

Dom, 23/06/2013 - 23:17

Mi preoccuperei di più se anziché una Giustizia rosa fosse una Giustizia rossa.

chicolatino

Lun, 24/06/2013 - 00:15

Caro piserik,elettroencefalogramma piatto...ha avuto pero' un sussulto finale, sul fatto che basta non votarlo piu'....appunto, il voto e' liberta' popolare,a cui tutti partecipano,anche i marziani e i campioni come lei...si rilegga il suo commento,con l'ultima frase sconfessa e contraddice quel che ha scritto prima...da camicia di forza....hasta la victoria siempre...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 24/06/2013 - 01:37

Queste tre magistrate hanno in mano il destino del nostro paese. Come dovremmo chiamarla una eventuale condanna di Berlusconi? UN ATTO DI GIUSTIZIA O UN COLPO DI STATO DELLA SINISTRA? Tutto sta nel sapere se fanno parte del club della Boccassini, di De Pasquale, di Woodcock e di Ingroia.

Ritratto di Situation

Situation

Lun, 24/06/2013 - 07:29

mi sembra che si stia perdendo il lume della ragione: che un Giudice sia donna oppure uomo non fa differenza, a condizione che faccia il Giudice. Poi se si vogliono trovare "50 sfumature di Toga" accomodateVi pure. Il fatto è che la stragrande parte della Magistratura itGLiota è di parte, astiosa, poco capace professionalmente e sopratutto "fa politica". Ho ben poche speranze che il Berlusca ne esca indenne

precisino54

Lun, 24/06/2013 - 14:47

Per commentare le parole di Ferrara bastano i commenti di -hansdejaco – 09:33; di – LAMBRO – 10:27; e nestore55 – 15:23, altro non serve. Per quanto riguarda poi l’esistenza di un giudice a Berlino avrei qualche perplessità.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 25/06/2013 - 00:11

Caro Ferrara le tre donne (speriamo sagge) si sono rivelate per quel che sono: TRE ARPIE ROSSE.