Istat, ecco come cambia il paniere Entrano gli apparecchi digitali

L'Istat ha aggiornato i prodotti che compongono il paniere sul quale si calcola l'inflazione. Addio alla pellicola e alla macchina fotografica, alla videocassetta e alla sveglia a pile. Spazio a dvd e fotocamere digitali, a sughi pronti e assicurazioni sugli infortuni

Roma - Addio alle vecchie attrezzature analogiche e alla pellicola fotografica. Entrano le nuove tecnologie digitali. Sono queste alcune delle variazioni che l'Istat ha effettuato sul proprio paniere per il calcolo dei prezzi al consumo nell'anno 2007. In particolare, rende noto l'Istituto, dal paniere escono l'ormai obsoleta macchina fotografica, la videocassetta, la pellicola fotografica a colori ed il suo sviluppo e la sveglia a pile. Al loro posto entrano la scheda di memoria per macchine fotografiche digitali, la stampa da foto digitale e la multipresa elettrica che va a sostituire il cavo elettrico. Fra le altre uscite l'Istat segnala la torta gelato sostituita di più comodi multipack, le pantofole da donna al cui posto entrano i sandali, e la coperta ormai sostituita dal più comodo piumino da letto. Esce dal paniere rappresentativo dell'inflazione anche la tariffa dell'Ordine degli avvocati a seguito del provvedimento emanato dal governo sulle liberalizzazioni delle tariffe di categoria. Altre voci che invece fanno il loro primo ingresso nel cestino utilizzato dall'Istat sono i sughi pronti, il costo di riparazione della moto, la visita al monumento storico, il costo per le scuole private per l'infanzia, il filo interdentale, i sedili portabambini per le automobili e le assicurazioni sugli infortuni.
Intanto l'Istat comunica che l'inflazione a gennaio è scesa all'1,7% dall'1,9% di dicembre. Su base mensile i prezzi sono saliti dello 0,1%. Si tratta del livello più basso dall'agosto del '99, quando la crescita tendenziale fu pari all'1,7%.