L’eleganza in bianco e nero è anche una questione di pelle Dai soggiorni agli specchi, il mix vincente che sta diventando di moda Ecco tutti i suggerimenti per ottenere ottimi risultati senza spese eccessive

Il volume che tocca questo argomento, pubblicato da Electa per la collana «Ad Esempio», illustra una selezione molto rigida delle ville realizzate negli ultimi cinquant'anni in Italia. A ognuna è dedicata una singola scheda, nella quale compaiono i vari studi di progetto e le fotografie dell'epoca, integrate da riprese fatte in tempi più recenti o addirittura oggi. La tipologia della villa costituisce uno dei campi di esercizio tradizionalmente privilegiato dell'architetto. I maestri dell'architettura contemporanea hanno infatti confermato tale vocazione, rendendola addirittura banco di prova delle sperimentazioni più ardite. Le vicende dell'immediato dopoguerra; la crisi eclatante dell'ortodossia modernista; la ricerca di una continuità con la tradizione del Paese, variamente interpretata, piuttosto che la scelta di un linguaggio assolutamente nuovo, sono tutti elementi che si possono ripercorrere o anticipare nella costruzione delle ville.
Queste, realizzate in Italia alle soglie degli anni settanta, occupano per ricchezza di stimoli culturali e qualità della produzione, un ruolo propositivo e originale, non certo di semplice rielaborazione di sollecitazioni acquisite. E, a ben considerare, ci si accorge che tale posizione è confermata dall'ascendenza che negli anni continuerà a maturare, non solo sulla produzione italiana, ma ben oltre i confini nazionali, vale a dire soprattutto negli USA. Architetti come Ignazio Gardella, Luigi Moretti, i Bbpr e Carlo Scarpa, sono i veri protagonisti di questo volume e lo sono anche quando vogliamo fare un dibattito sull'epoca. Ad essi si affiancano i lavori di altri progettisti, quali Mario De Renzi, Ugo Luccichenti, Leonardo Ricci, Bruno Morassutti, e il notissimo Luigi Vietti, che fu uno davvero tra gli architetti più prolifici nel campo delle ville improntate ad un gusto ricco e tradizionale. Testimonianza ne sono soprattutto le sue opere che sorgono sulla Costa Smeralda. Anche in questi ultimi anni le ville realizzate in Italia da Jacques Herzog e Pierre Meuron, Mario Botta, Werner Tscholl, Tadao Ando e Steven Holl contribuiscono per la loro diversità, che non necessita di un giudizio di gusto, ad alimentare l'esercizio della comprensione progettuale.
Il volume è di Roberto Dulio, le pagine sono 252, il prezzo è di 60 euro.