Superenalotto, jackpot da 123 milioni di euro. È il più ricco del mondo

Il jackpot del Superenalotto raggiunge una cifra monstre: è la quarta più alta di sempre. Ultima vincita a luglio 2015 ad Acireale

Centoventitre milioni e settecento mila euro. È la cifra che porterà a casa il fortunato che indovinerà i sei numeri del Superenalotto che verranno estratti questa sera. Il jackpot è il quarto più alto nella storia del concorso che non trova un vincitore da ormai più di un anno. Era il 16 luglio 2015 quando ad Acireale, in provincia di Catania, fu centrata la combinazione vincente dal valore di 22 milioni di euro. La formula del Superenalotto è stata rinnovata lo scorso giugno e adesso si può giocare anche con solo un euro.

Sabato scorso qualcuno a Massa ha sfiorato il colpaccio, ma si è fermato al 5+, portando a casa "solo" 736 mila euro. La sestina vincente continua il ritardo che dura da 169 concorsi e questo fa sì che il jackpot mantenga il primato di vincita più alta al mondo, superiore anche alle lotterie multistatali statunitensi: il Powerball - ricorda l’agenzia Agimeg - domani metterà sul piatto 94 milioni di dollari, mentre il MegaMillions stasera si presenta con 52 milioni. Ma il Superenalotto non ha rivali neanche in Europa, visto che l’Euromillions vale 45 milioni di euro e l’Eurojackpot 22 milioni. Il 6 sfugge dal 16 luglio 2015, quando ad Acireale (Catania) fu centrato un premio da quasi 22 milioni.

La cifra messa in palio stasera è la quarta vincita più alta di sempre nella storia del concorso di casa Sisal. Nel 2010 due giocatori di Parma e Pistoia si spartirono quella che è ad oggi il terzo jackpot più alto di sempre, valeva 139 milioni di euro. Più fortunato chi nel 2009 a Bagnone, in provincia di Massa e Carrara, vinse i 147 milioni di euro in palio. Il jackpot più alto di sempre fu di 177 milioni di euro e venne vinto il 30 ottobre 2010 in varie città italiane grazie a un sistema da 70 quote giocato in tutto il paese. Chi giocò il sistema incassò alla fine "solo" due milioni e mezzo di euro.