Università migliori al mondo, 4 italiane nelle prime 200

Calo degli atenei britannici e americani che perdono posizioni a favore delle università di Australia, Cina e India. Migliora l'Italia, che continua però a pagare una scarsa competitività in termini di internazionalizzazione e rapporto tra professori e studenti

Le quattro migliori Università del mondo sono americane. Gli atenei anglosassoni continuano a spadroneggiare, ma le università dell'estremo Oriente sono in crescita e anche l'Italia dimostra di avere una maggiore competitività rispetto al passato, pur continuando a scontare alcune storiche inefficienze. È quanto si legge nella lista pubblicata in questi giorni dal sito topuniversities.com, considerato il più affidabile nella classificazione dei migliori atenei del mondo in base a una serie di parametri relativi a offerta formativa, ricerca e servizi proposti.

Ai primi quattro posti ci sono altrettante Università statunitensi, Mit, Stanford, Harvard e Caltech (California Institute of Technology). È un record: non era mai successo. Un risultato che viene consolidato dalla presenza nella top 20 di 11 atenei americani, tra i quali spiccano in ordine di importanza Chicago, Princeton, Yale e Columbia. L'università di Cambridge è la più importante tra quelle del vecchio continente, collocandosi al quinto posto, seguita dai "rivali" di Oxford e da due atenei di Londra: Ucl e Imperial College. Primo degli atenei non anglosassoni il Politecnico Federale di Zurigo. Tra le prime 20 anche il Politecnico Federale di Losanna, anche se la vera sorpresa è rappresentata dal 12° posto dell Nanyang Techological University di Singapore.

Proprio la città-Stato asiatica ha compiuto il più importante "balzo in avanti", collocando nella top 20 anche la National University, una delle più giovani al mondo essendo stata fondata nel 1991. Ma è tutto l'estremo Oriente a crescere. Tra le altre Università asiatiche, la cinese Tsinghua si colloca al 25° posto, seguita in classifica dall'Università di Hong Kong e quella di Tokyo.

Per quanto riguarda l'Italia, rispetto all'anno scorso si registrano alcuni miglioramenti significativi. Per la prima volta nella storia di questa classifica, il nostro Paese riesce a piazzare quattro Università nelle prime 100: Politecnico di Milano (170°), Alma Mater di Bologna (188° posto) e al 192° posto a pari merito Scuola Normale e Scuola Sant'Anna di Pisa. Più indietro - ma in crescita di qualche posizione - La Sapienza di Roma (da 223 a 215), le Università di Padova (da 338 a 296) e Milano (da 370 e 325) e infine il Politecnico di Torino (salito al 307° posto). Gli atenei italiani sono cresciuti nelle performance scientifiche e nella ricerca, non abbastanza invece nel numero di docenti internazionali e nella proporzione tra professori e studenti.

Commenti

jenab

Gio, 08/06/2017 - 13:58

se guardiamo la classifica delle prime 50000 ne troviamo di più di italiane..

giottin

Gio, 08/06/2017 - 14:11

Non vedo università da Firenze in giù, sarà un caso???

cobru

Gio, 08/06/2017 - 16:21

Quanti funzionari al MIUR sanno che cosa sia il MIT? Quanti ne hanno rispetto?

Tergestinus.

Gio, 08/06/2017 - 16:46

Che classifica del cavolo! Che cosa c'entrano la Scuola Normale e la Scuola Sant'Anna di Pisa, che non sono università ma, appunto, scuole universitarie di eccellenza? E poi queste classifiche lasciano il tempo che trovano. Già la marcata preponderanza di università anglosassoni rivela che è una pseudo-classifica fatta dai vincitori della guerra per dirsi quanto sono bravi e quanto è giusto che abbiano vinto la guerra.

Gianca59

Gio, 08/06/2017 - 16:53

Non c' è da essrene fieri, anche se qualcosa è migliorato: siamo un paese del G7, G8, G20, ma abbiamo le università più vicine al 200 che al 100.....perfino Tsinghua, mai sentit nominare, ha un università molto più avanti delle nostre.....

greg

Gio, 08/06/2017 - 17:00

il 10% è mezza verità. Il 90% è chi più paga più sale la classifica

jaguar

Gio, 08/06/2017 - 17:11

Facciano una classifica, stato per stato, dei laureati che riescono in tempi brevi a trovare lavoro e risulterà che l'Italia come sempre è ultima.

swiller

Gio, 08/06/2017 - 17:15

Sarebbero la 197. 198. 199. 200

cobru

Gio, 08/06/2017 - 19:37

Tsinghua e' l'universita' piu' prestigiosa della Cina e ben nota(forse non al MIUR).

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 09/06/2017 - 01:12

Viene da ridere. Le prime due universitá del mondo sono nate in Italia: Bologna e Padova. Poi sono venute le altre. E' veramente vergognoso vedere quanto siamo scesi in basso. Ahi serva Italia di dolore ostello...... E' c'é ancora qualcuno che si culla su questi ricordi. Gli stessi che affermano di avere la piú bella.....hahahahaha....costituzione del mondo. Boccaloni !!!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 09/06/2017 - 07:44

Se il Politecnico di Milano è 170°, si fa fatica a farlo entrare nelle prime 100 posizioni...cos'è che tocca?

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 09/06/2017 - 07:48

Per il mio commento di prima, mi sono fidato di quello che c'era scritto nell'articolo e non del titolo...chiedo scusa.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 09/06/2017 - 07:49

Dopo la cura sessantottina, le nostre università dovrebbero essere tutte ai primi posti...ex aequo!

baronemanfredri...

Ven, 09/06/2017 - 08:35

CALABRIA E SICILIA?

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 09/06/2017 - 08:52

le università da firenze in giù , non possono acquistare una "buona" classifica , i fondi sono pochi , e poi a che serve pagare per diventare penultimi ?