Vacanze 2019: ecco le regole del galateo digitale

Lo smartphone è il fedele compagno dei millennials anche in vacanza. Per godersi però in pieno relax l’estate e rispettare chi viaggia con noi ecco le regole del galateo digitale

In vacanza lo smartphone diventa un compagno di viaggio solo con il rispetto di regole essenziali e vitali.

Durante l’estate si continua a rimanere connessi anche sotto l’ombrellone per postare sui social foto e selfie in spiaggia o nei luoghi di villeggiatura. Stando sempre connessi però ci si chiede se si riesce davvero a godersi il relax delle tanto amate vacanze.

Secondo il Trend Radar di Samsung che ha intervistato 1.500 giovani sia maschi che femmine compresi tra i 25 e i 35 anni, lo smartphone è utilizzato in vacanza per scattare foto e video (65%) e per restare in contatto con i familiari (59%). La maggior parte degli utenti lo utilizza per consultare i social network (85%), per fare telefonate (77%) e ascoltare la musica (58%). Un Millennial su tre, lo utilizza da 5 a 6 ore al giorno. Il 25% arriva fino a 8 ore. In vacanza si dovrebbe limitare l’uso delle nuove tecnologie per rilassarsi e rispettare chi viaggia con noi.

Ecco secondo i millennials le regole del galateo digitale da rispettare in spiaggia e durante le vacanze:

1 - No alla suoneria alta: essa infastidisce i vicini di ombrellone, così come il segnale degli sms continui e gli squilli che avvisano l’arrivo di notifiche dei social;

2 - Stop al vivavoce: si all’utilizzo degli auricolari. Sono ritenuti l’accessorio di tendenza, utilizzato al mare ;

3 - No a video e musica a tutto volume: canzoni in spiaggia sì, ma solo al tramonto con dj set o musica dal vivo; 4 - Stop gli occhi fissi sul telefono: per rilassarsi in spiaggia meglio leggere un libro o godersi il paesaggio o relazionarsi con amici e vicini di ombrellone;

5 – Assoluto rispetto della privacy : evitare le videochiamate. Con esse si rischia di filmare inavvertitamente il vicino di ombrellone.