In Liguria 1500 ragazzi per pulire il mondo

«Non aspettate che lo facciano gli altri: puliamo il mondo!». Questo il motto dell'edizione italiana di «Clean Up the World», il più grande appuntamento mondiale di volontariato ambientale. Dal 1993 Legambiente organizza «Puliamo il Mondo» in Italia: nel 2006 hanno aderito 1800 comuni italiani e più di 700mila volontari che hanno raccolto in piazze, strade, boschi e spiagge un quantitativo di 2.000 tonnellate di rifiuti. Nella nostra regione parteciperanno 31 comuni. «Si conferma una buona partecipazione dei comuni liguri alla manifestazione - commenta Franco Zunino, Assessore all'Ambiente della Regione Liguria -. Questo è un importante segnale visto che riteniamo, nelle politiche ambientali regionali, la questione della raccolta differenziata centrale e prioritaria». Santo Grammatico, Coordinatore generale di Legambiente Liguria, sostiene però che sia fondamentale «richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica e delle amministrazioni locali sullo stato di abbandono e degrado in cui versano molte zone delle nostre città dove rimane presente il fenomeno delle discariche abusive. Inoltre bisogna insistere, visti i deludenti risultati della nostra Regione, sulla raccolta differenziata dei rifiuti».
Un importante momento di sensibilizzazione ed educazione che quest'anno coinvolgerà in modo più massiccio le scuole: in Liguria parteciperanno alla raccolta di rifiuti 1500 alunni delle elementari e medie. A Genova saranno impegnati, domani presso villa Rosazza, 200 studenti. Per partecipare a «Puliamo il Mondo» basta recarsi sul luogo dell'appuntamento, iscriversi, ritirare il materiale utile per la pulizia e mettersi «in azione». Tutti gli appuntamenti sono reperibili sul sito www.puliamoilmondo.it.