Donna lascia la moglie e scappa col padre biologico di sua figlia

Il caso tra Canada e Gran Bretagna spacca l'opinione pubblica: "Troppo politicamente corretto, non è caso sui diritti gay ma su cosa sia meglio per la piccola"

Madre lesbica lascia la moglie e scappa con il padre biologico della bimba. Sembra l’incipit di un romanzo rosa e invece è il caso che sta spaccando l’opinione pubblica inglese, sullo sfondo delle cocentissime polemiche sulla tematica delicatissima dei matrimoni e della genitorialità gay. Anche perché ora Lauren Etchells, la protagonista dei fatti, denuncia: “La bimba sta meglio con me e con suo padre, troppo politicamente corretto attorno a questa situazione”.

Ha rotto il silenzio, la Etchells insegnante che dal Canada che è scappata in Gran Bretagna per rifarsi una vita con l’uomo che ha donato lo sperma per far nascere la piccola, di soli due anni, che aveva avuto nell’ambito della relazione con Tasha Brown a cui s’era unita in matrimonio. La donna ha rivendicato, come riporta il Daily Mail citando la lettera che la Etchells ha inviato al Times, l’opportunità della sua decisione di portare via con sè la piccola: “Si sta montando il caso attorno ai diritti dei gay e non a ciò che possa essere meglio per la piccola. Mi dispiace ma occorre che si badi alla realtà dei fatti: la bimba sta meglio qui con me piuttosto che rimanere ciechi e intrappolati nel politicamente corretto e nelle maglie della burocrazia. Sgretolarle la famiglia davanti agli occhi, separarla dalla madre, dal fratello e dall’uomo che lei conosce come il padre significherebbe causarle danni psicologici pesantissimi che verrebbero fuori durante la crescita”.

È una storia, questa, che si sviluppa quasi completamente online. Sulle strade virtuali del web, la Etchells e la Brown si incontrano, si conoscono, si amano e decidono di sposarsi. Quindi, dopo il matrimonio, decidono di avere un figlio. Sarà la Etchells, più giovane, a farsi carico della gravidanza. Le due donne riprendono i sentieri di internet e si imbattono in un giovane, Marco van der Merwe che si dichiara disponibile a donare il suo seme. Tra i due nasce qualcosa di profondo. La Brown, temendo il peggio, chiede e ottiene un ordine che impedisca alla moglie e al ragazzo di lasciare il Canada con la bambina. I due, però, fuggono poco prima della notifica e nel frattempo mettono in cantiere un altro figlio, che sarà un maschietto.

Commenti

cgf

Mar, 04/10/2016 - 12:58

forse ha voluto ri-provare a rifare l'inseminazione in modo reale e gli è piaciuto di più, ora deve recuperare tutto il tempo perso.

chebarba

Mar, 04/10/2016 - 13:08

allora a me degli orientamenti sessuali del prossimo non me ne può importare di meno ... ma la vita è la vita, alcune scelte sessuali spesso son fatte per immaturità o "moda" financo per plagio, ma i figli son figli. questo è il concetto che chi si batte per la eterofiliazione non vuol capire...

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 04/10/2016 - 13:32

Dovreste fare più attenzione all'uso delle parole, perché assecondando la terminologia gender si va incontro a confusione totale. Solo qualche anno fa dire "la donna lascia la moglie" avrebbe fatto pensare ad effetti dovuti a droga, alcol o confusione mentale. Ora parlare di marito e moglie in una coppia gay o lesbica, sta diventando "normale", ma normale non è. Ed è strano che anche il Giornale si adegui alla terminologia gender, come se fosse il giornalino dell'Arcigay. Come ripeto da tempo, ormai l'informazione è completamente omologata al pensiero unico politicamente corretto. Non c'è più differenza tra stampa di sinistra e di destra (ammesso che ci sia mai stata); purtroppo.

Ritratto di mario_caio

mario_caio

Mar, 04/10/2016 - 13:41

Evidente caso di Reverse Coming Out. Finalmente a qualcuno è tornato un po' di sale in zucca.

giovauriem

Mar, 04/10/2016 - 14:20

e per che non gli piaceva la famiglia allargata ? questa/o sarà scomunicata dalla sinistra per che è andata contro tutti i canoni sessuali e morali della sacra promisquità comunista .

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 04/10/2016 - 15:06

cgf : condivido al 100%