Il maggio più caldo da 60 anni

Il mese di maggio è stato bivalente: dal giorno uno al 27 la temperatura è stata elevata, al di sopra dei livelli normali e più simile a quella di giugno; le massime sono oscillate tra i 21 ed i 30 gradi; questa temperatura così poco primaverile e che si era verificata anche nel maggio del 2005 segna, nell’ultimo sessantennio, un primato assoluto.
Ma, come dicevano i nostri vecchi, «nè de masu nè de masun non te levà u pelissun». Il giorno 28 è venuto il freddo poiché è intervenuta una perturbazione nord-atlantica che ha investito con violenza l’Italia del nord e quella centrale: a Genova ha imperversato un vento fortissimo da sud-est e con poca pioggia; ma alla sera il vento ha cambiato direzione ed è girato a nord; la temperatura è bruscamente scesa a 14 gradi (cinque di meno rispetto al giorno precedente).
Tuttavia questo brusco e repentino cambiamento è stato così breve (nel pomeriggio del 30 la temperatura era già salita a 22 gradi e il 31 a 24) che non impediva al maggio 2007 di essere, con la sua media di 20,3 il più caldo in assoluto negli ultimi sessant’anni, preceduto, a stretto giro di ruota, dai 20,2 del 2005. I giorni in cui le massime hanno superato i 20 gradi sono stati ben ventisei.
Ben diverse sono state le temperature di maggio negli anni ’80, con periodi di freddo e temperatura invernali (nel 1984 la minima scese a 3 gradi) tanto che qualcuno pensò ad una nuova piccola glaciazione.
Per quanto riguarda le precipitazioni, sono caduti in tutto 46 millimetri di pioggia mentre la media normale è di 68 mm. e quindi il periodo della siccità (a prescindere da sporadici temporali) è sempre in agguato.
Da gennaio al 31 maggio sono caduti solamente 176 mm., una quantità più che minima se pensiamo che la media annua è di 1200 mm. e che ci stiamo avviando verso una stagione che è molto asciutta.