Mare, sole e cultura: ecco la fuga d'inverno firmata MSC Musica

Dai grattacieli di Dubai alle isole di Abu Dhabi, fino alle suggestioni del sultanato Omanita

Elena LuraghiÈ cominciato in grande stile l'inverno crocieristico di Msc sotto il sole (vicino) degli Emirati. «Una destinazione sicura in un momento di grande confusione, che sta cambiando radicalmente la mappa delle destinazioni-vacanza nel mondo», ha precisato il Ceo Gianni Onorato alla cerimonia inaugurale, lo scorso dicembre, del nuovo terminal ad Abu Dhabi. L'apertura del Zayed Port, un vero e proprio home port tutto vetro e nervature hi-tech, ha il sapore della conferma: l'itinerario fra Dubai e Abu Dhabi, fino alle magiche coste dell'Oman, è fra i più gettonati per gli amanti della crociera a medio raggio. Che a bordo della Msc Musica, in navigazione in queste acque fino alla fine di marzo, trovano tutti gli ingredienti della vacanza perfetta: sole, temperature ottimali, servizi di prim'ordine uniti a un programma di intrattenimento che va dai concerti agli show in teatro, dalla degustazioni di vini al Casinò. «Oltretutto è una destinazione vicina», precisa sempre Onorato «con un'ottima accessibilità aerea e senza il trauma del jet-leg, che qui è di appena tre ore». Ma sono centottanta minuti che fanno la differenza. Sbarcati a Dubai, che ha ereditato da Milano le redini della prossima Esposizione Universale che si terrà nel 2020, la prima cosa che colpisce è la luce. Quella di un orizzonte senza confini, con il riverbero del sole sulla sabbia che illumina i grattacieli del distretto finanziario dove svetta la silhouette del Burj Khalifa, la torre di vetro e acciaio più alta del mondo. Nella città dei Guinness non si possono perdere una visita alla spiaggia di Jumeirah che si allunga fino all'iconica architettura a forma di vela dell'hotel a sette stelle Burj al Arab, la pista da sci all'interno del Mall of the Emirates e quella di pattinaggio fra le scintillanti boutique del Dubai Mall, famoso anche per il gigantesco acquario con 33mila specie acquatiche e la fontana danzante che spruzza acqua sulle note dei brani di Bocelli, Edith Piaf e Lionel Richie. Intanto la vicina Abu Dhabi, capitale dei sette Emirati Arabi, richiama turisti con meraviglie iconiche come la moschea di Sheikh Zayed, la terza più grande del pianeta dopo La Mecca e Medina, incantevole nel suo mix di cupole in marmo bianco, intarsi d'oro e mosaici preziosi. Mentre sull'isola di Yas si visitano l'edifico rosso fuoco a forma di onda del Ferrari World, parco tematico con attrazioni per adulti e bambini, su quella di Saadiyat, collegata da ponti a cinque corsie a Yas e Abu Dhabi City (l'emirato si estende su 200 isole naturali) sta per essere inaugurato il primo dei cinque musei del Cultural District, il Louvre progettato da Jean Nouvel.Poi arriveranno, al ritmo di un'inaugurazione all'anno, il Museo Nazionale Zayed dedicato alla cultura locale, il Guggenheim Abu Dhabi, l'Arts Centre per performance di musica-danza-teatro e il Museo Marittimo a forma di vela, tutti firmati dai più grandi architetti della scena internazionale.Dopo una sosta negli emirati di Fujairah e Sharja, per scoprire la moschea più antica e le spiagge più belle, la nave fa rotta verso Muscat. Arrivare alla capitale omanita via mare è una poesia. Questa città bianca abbracciata da montagne color ocra che sembra la perfetta incarnazione del sogno esotico, quando il sultanato era una potenza nella rotta dei commerci fra l'Africa e l'India, mescola suggestioni antiche e architetture contemporanee (ma sempre in stile arabeggiante) come la Grand Mosque in marmo bianco intagliato da arabeschi classici, voluta dal sultano Qaboos bin Said al Said come dono per il suo popolo. Il programma delle escursioni a terra prevede anche la visita al forte di Nakhal, splendido nella cornice dell'omonima oasi naturale dove sgorga una sorgente di acqua calda, oppure all'antica capitale religiosa di Nizwa. Manca ancora una sorpresa, l'attracco a Khasab, sempre in Oman, sulla rotta di ritorno per Dubai. Qui si scende dalla nave per salire sui dhow, le antiche imbarcazioni dei pescatori, e navigare fra fiordi belli come quelli scandinavi. Al posto dei boschi però ci sono ipnotiche lingue di roccia brulla, stormi di cormorani e branchi di delfini. La crociera di sette notti da Dubai ad Abu Dhabi, Khor al Fakkan, Muscat e Khasab, costa a partire da circa 649 euro incluso il volo. Info: Msc Crociere, tel. 848.242490, www.msccrociere.it .