Marin tra Fede, amore e Olimpiadi:«Per vincere resto single»

Il nuotatore ripercorre in un'intervista Tv le tappe del suo tormentato rapporto con la Pellegrini. «A Shangai ho visto lei e Magnini baciarsi sotto i miei occhi. Ma sono d'accordo con fede sul caso del portabandiera a Londra». E ora inaugura una nuova strategia per vincere in vasca, dopo tante sconfitte

Ancora quei due. Focherelli non fuochi. Federica(Pellegrini) e Luca(Marin)nell'eterna disfida d'amore. Stavolta parla Luca, sono parole di amore e di definitivo distacco personale. Con la promessa di restare single almeno fino ai Giochi di Londra 2012: infatti essendo nuotatore i suoi buchi nell'acqua cominciano ad essere tanti. «Non nego di essere stato innamorato di Federica e di aver creduto nella nostra storia. La vita è breve ed io continuo a credere nell'amore». Così il campione del nuoto parla per la prima volta in tv della fine della sua storia d'amore con la Pellegrini, in un'intervista a 'Verissimo' in onda domani su Canale 5. «Non ho vissuto una bella esperienza - ha aggiunto - ma sono cose che succedono. Fortunatamente oggi sono sereno. Ultimamente ho anche incontrato Federica e Filippo e ci siamo salutati e parlati. In fondo siamo tutti nuotatori, andiamo in Nazionale insieme. Il saluto non bisogna toglierlo a nessuno».
A Silvia Toffanin, conduttrice del programma, il nuotatore ha confidato: «Probabilmente qualcosa si era già rotto ma io non me ne sono accorto. Nell'ultimo periodo litigavamo spesso, ma tutte le volte io pensavo che la cosa si fosse risolta. Invece, da parte sua, forse l'incomprensione non era superata».
Dimagrito sette chili per amore, a causa di questa sofferenza ha detto di non aver affrontato col piglio giusto i Mondiali di Shanghai: «Il tradimento di un amico fa più male di un tradimento in amore. Anche se con Filippo Magnini ci eravamo già un po' allontanati, il suo comportamento mi ha ferito. Il famoso bacio tra Federica e Filippo a Shanghai l'ho visto con i miei occhi».
Riguardo ai dubbi espressi in queste settimane da Federica Pellegrini sull'accettare o meno di essere la portabandiera durante la cerimonia d'inaugurazione delle prossime Olimpiadi di Londra: «Sono d'accordo con Federica. Abbiamo fatto due Olimpiadi e non abbiamo mai partecipato alla cerimonia di apertura, anche se forse è il momento più bello delle Olimpiadi. Ma ha ragione. Non può stare in piedi tante ore quando il giorno dopo deve gareggiare. Magari, se il nuoto fosse stato in programma il quarto o il quinto giorno, allora ci si poteva pensare».
Infine, sempre in tema di Olimpiadi, viste le ripercussioni negative che le sue tormentate storie d'amore hanno avuto sul rendimento sportivo, Marin ci ha scherzato, ma non troppo: «Alle Olimpiadi di Londra arrivo single!».