Il mattone supera la crisi Il volano dei prezzi

I costi al metro quadro restano congelati e gli italiani accelerano sulle compravendite (+4,9%)

Angelo D'Angelo

La casa resta al primo posto nella lista dei desideri delle famiglie italiane. Secondo i dati elaborati dall'Osservatorio dell'Agenzia delle Entrate in collaborazione con l'Associazione bancaria italiana (Abi), il 2017 ha segnato il superamento pressoché definitivo della crisi del mercato immobiliare: il numero di mutui e di compravendite ha registrato un'incoraggiante crescita. In particolare, le transazioni sono state 542.480, con un incremento del 4,9% rispetto all'anno precedente, mentre la spesa per l'acquisto di immobili si è attestata a 89,6 miliardi di euro, 500 milioni in più del 2016. La superficie media di acquisto è risultata pari a 106 metri quadrati.

Analizzando nel dettaglio le varie regioni italiane, gli aumenti hanno interessato soprattutto il Sud (+5,8% annuo), seguito dall'area settentrionale della penisola (+5,3%), dove si concentrano oltre un terzo delle vendite globali del paese. È cresciuto a un ritmo più basso il Centro Italia (+3,5%). La regione che ha registrato i dati migliori di crescita è la Campania, con l'8%, seguita da Calabria, Toscana e Sardegna. A livello provinciale, in testa si trova Milano (+8,1%), seguita da Palermo (+7,9%), Firenze (+7,8%), Napoli (+7,4%) e Torino (+4,9%).

I prezzi di vendita nel 2017 hanno segnato un'altra flessione (-0,4%), ma di entità molto più contenuta rispetto agli anni precedenti. Il decremento è la media ponderata tra il calo dello 0,6% annuo per le abitazioni esistenti e la crescita tendenziale dello 0,1% per quelle nuove. Questo trend è risultato determinante nell'invogliare gli italiani all'acquisto di abitazioni. Infine, dall'ultimo sondaggio sul mercato delle abitazioni disponibile, svolto a gennaio di quest'anno, sono emersi giudizi nel complesso positivi degli agenti sia circa la situazione a fine 2017 sia in prospettiva. Infatti, le prospettive sia a breve sia a medio termine sono rimaste favorevoli. Inoltre, si sono consolidati i segnali di rafforzamento della domanda e il saldo sui prezzi attesi per inizio 2018 è ulteriormente aumentato.

Guardando alle caratteristiche strutturali del mercato, nel 2017 si sono venduti soprattutto immobili di medie dimensioni, di categoria civile/signorile, parzialmente da ristrutturare e di classe energetica bassa.