Mentana lascia Mediaset Sospeso Matrix: è bufera

Il gruppo accoglie l'addio del direttore editoriale: &quot;Rotto il rapporto di fiducia&quot;. Al suo posto il <em>Gf9</em>. Mentana: &quot;Nessuna offerta da altri&quot;

Milano - Mediaset "accetta le dimissioni presentate dal direttore Enrico Mentana e respinge tutte le sue motivazioni, nella convinzione di avere svolto come sempre il proprio ruolo di editore in modo tempestivo e completo". È quanto si legge in una nota del gruppo di Cologno Monzese dopo che il giornalista aveva annunciato le proprie dimissioni a causa della scelta di lasciare in prima serata su Canale 5 Il Grande Fratello senza modifiche al palinsesto, dopo la notizia della morte di Eluana Englaro. "Il programma Matrix è sospeso fino a nuova comunicazione". La notizia è stata comunicata ai giornalisti del programma di approfondimento di Canale 5 dal responsabile di Videonews, Claudio Brachino.

La solidarietà del Tg5 Il comitato di redazione del Tg5 esprime "la propria convinta solidarietà a Enrico Mentana". Il cdr chiede un "incontro urgente" ai vertici dell’azienda per chiarire il ruolo dell’informazione. "Mentre Raiuno stravolgeva il palinsesto per uno speciale di Porta a porta sugli schermi di Canale 5 le uniche lacrime che venivano versate erano quelle di Federica, nella casa del Grande Fratello. Un’immagine a dir poco imbarazzante, non degna di una grande rete generalista quale è Canale 5, che ha il dovere di informare i propri telespettatori, pur nel rispetto delle logiche della tv commerciale. Una scelta che ancora una volta, di fronte a un dramma che ha scosso il paese, segue in modo cieco le logiche dell’audience e toglie credibilità alla programmazione anche di una rete che vive di pubblicità. Di fronte alla scelta di non modificare i programmi della rete ammiraglia, impedendo di fatto a Matrix e al Tg5 di andare in onda nonostante fossero pronti a farlo - continua il cdr - Mentana ha deciso di lasciare. Sconcerta la decisione dell’azienda di accettare su due piedi le dimissioni di uno dei più autorevoli giornalisti italiani, patrimonio di Mediaset, fondatore del Tg5 e di Matrix, autore di successi che hanno dato lustro, credibilità e anima alla nostra televisione. La decisione poi di non mandare in onda Matrix neanche a mezzanotte come previsto, appare come una vera e propria ritorsione. Noi giornalisti del Tg5 chiediamo ai vertici aziendali Piersilvio Berlusconi e Fedele Confalonieri, un incontro urgente per chiarire se abbiamo ancora un ruolo e se l’informazione è ancora una delle priorità dell’azienda per la quale lavoriamo".

Mediaset: "Ha rotto il rapporto di fiducia" Mediaset "non ha cacciato nessuno", è Enrico Mentana che "si è messo fuori dall’azienda rompendo pubblicamente e platealmente il rapporto fiduciario". Mauro Crippa, direttore generale informazione di Mediaset, fa sapere che l’azienda valuterà "le modalità di prosecuzione dell’esperienza di Matrix". "Con Mentana - spiega Crippa - non c’erano dissapori, tanto che la sua trasmissione aveva avuto una puntata in più dal mese di gennaio, passando da tre a quattro. Mediaset non ha cacciato nessuno ma ha preso atto, accettandole, delle dimissioni che sono giunte a mezzo stampa su una questione cruciale come la linea editoriale. Le scelte di palinsesto - sottolinea il direttore generale dell’informazione del Biscione - sono sempre discutibili, ovviamente, ma quelle che abbiamo fatto ieri sera, peraltro dedicando al caso Englaro uno spazio tv che non ha riscontri in altre emittenti, c’erano parse e ci paiono giuste".

Sciopero dell'informazione  I giornalisti del Tg5 e di Videonews, la testata alla quale fa capo Matrix, hanno deciso all’unanimità di proclamare da subito lo stato di agitazione e una giornata di sciopero per martedì 17 febbraio, dopo un’assemblea alla quale hanno partecipato anche colleghi del Tg4, Studio aperto, Sport Mediaset e TgCom. Nel documento approvato dall’assemblea, i giornalisti del Tg5 e di Videonews "respingono con forza la decisione dell’azienda di sospendere il programma Matrix, realizzata in modi e tempi inaccettabili" e si impegnano "a non occupare gli spazi di Matrix finchè il programma resterà sospeso".

Il Gf vince la gara degli ascolti La puntata di ieri sera del Grande Fratello fa il record stagionale e vince gli ascolti battendo gli speciali dedicati alla morte di Eluana Englaro: il reality su Canale 5 ha avuto infatti il 31.78% di share pari a 7 milioni 920mila spettatori. Su Raiuno invece l’edizione straordinaria di Porta a Porta tutta incentrata sulla vicenda Eluana ha totalizzato il 17.31% di share con 4 milioni 302 mila telespettatori. Su Retequattro lo speciale di Emilio Fede sullo stesso tema è stato visto da 1 milione 325 mila spettatori pari al 4.58% di share. Su Raidue XFactor ha registrato il 12,25% di share con 2 milioni 921 mila spettatori.

Mentana: "Nessuna offerta da altri"  Il giornalista non ha avuto nè contatti nè offerte da Sky o da altri editori televisivi. Lo dice lui stesso. Il giorno dopo la rottura con Mediaset, Mentana decide di "sgombrare il campo da ogni alibi e strumentalizzazione" e precisa: "Voglio chiarire di non aver mai avuto in questi giorni, in queste settimane, in questi mesi alcuna offerta o contatti o abboccamenti, con Sky o con altri editori televisivi e non".