Meridiana lancia da Malpensa i voli per New York e Miami

La compagnia si rafforza nell'aeroporto milanese gestito da Sea dall'estate 2018. Previsti anche cinque collegamenti nazionali in connessione con le due rotte intercontinentali. Inizia il rinnovamento della flotta con i nuovi Boeing 737-Max e Airbus A330

Meridiana rafforza la sua presenza a Milano Malpensa con il nuovo network estivo 2018 che sarà operativo a partire dal prossimo primo giugno. Decisione attesa e declinata con sette nuovi collegamenti dall’aeroporto gestito da Sea. Due di questi sono intercontinentali per gli Stati Uniti: New York con frequenza giornaliera e Miami quattro volte alla settimana. Voli long courier che saranno supportati da maggio - come spiega la compagnia aerea - da cinque nuovi collegamenti nazionali fra Milano Malpensa, Roma, Napoli, Palermo, Catania e Lamezia Terme. Voli con orari e tariffe studiati per rendere convenienti le connessioni, via Malpensa, con tutte le destinazioni internazionali di Meridiana: oltre a New York e Miami, anche Russia (Mosca), Cina (Shenzhen), Cuba (L’Avana) e Africa (Zanzibar, Mombasa, Cairo, Dakar, Lagos, Accra). Sempre su Milano, dove è operativo tutto l’anno il collegamento con Linate, dalla prossima primavera partiranno anche i voli per Malpensa.

“Questa crescita si inserisce nel contesto di una strategia progressiva di espansione, che vede l’introduzione di due importanti voli per New York e Miami da Milano Malpensa e connessioni di meno di due ore da cinque città del centro e sud Italia, oltre al mantenimento dei collegamenti annuali e stagionali verso Olbia Costa Smeralda - dice Marco Rigotti, vice presidente di Meridiana annunciando anche l’altra importante novità che riguarda gli aerei. “Grazie ai nuovi Boeing 737-Max e Airbus A330 gradualmente verrà rinnovata la nostra flotta a tutto vantaggio del comfort, della qualità del servizio che intendiamo offrire ai nostri clienti e della redditività della compagnia”. Programmazione che anticipa le prossime mosse della compagnia che si conosceranno a fine gennaio, quando sarà presentato il piano industriale.

Per i nuovi collegamenti intercontinentali fra Milano e gli Stati Uniti saranno impiegati gli Airbus 330-200, mentre sui voli di corto-medio raggio entreranno in linea i nuovissimi Boeing 737 Max 8 e Meridiana sarà il primo vettore italiano ad avere in flotta questo aeromobile che presenta una serie di innovazioni tecnologiche e di design che si migliorano livello qualitativo percepito dai passeggeri, consumi di carburante, livello di emissioni ambientali. E primo passo, dopo l’uscita degli Md80 avvenuto lo scorso 31 ottobre, verso il completo rinnovamento dei velivoli previsto nei prossimi anni.
Boeing e Airbus saranno configurati in doppia classe, business ed economy e sarà offerto un nuovo servizio di bordo concepito sia in classe economica che in business per raggiungere il miglior rapporto di qualità - prezzo. La cabina avrà sedili con uno spazio ampio e confortevole, la dotazione tecnologica è adeguata ai migliori standard dell’industria, in particolare con riguardo al wi-fi e all’intrattenimento sui voli di lungo raggio.
Tutte le informazioni su tariffe e promozioni su: www.meridiana.it

Commenti

afafdert

Ven, 15/12/2017 - 10:28

Bene il mini hub di Meridiana su Malpensa.Per mandarlo a regime bisogna spostare da Malpensa a Linate i voli(Napoli, Palermo, Catania e Lamezia Terme)in concorrenza di Ryanair e Easyjet.Bene i collegamenti sulla Sardegna che deve sfruttare questa occasione dove Malpensa è il perno,l'hub,da cui far arrivare dall'Europa(con l'alleanza oneworld e interline vari)e dal mondo(voli dalla cina, stati uniti,russia e area euroasiatica)i turisti benestanti che ora vanno in Spagna e Grecia.Bisogna fare squadra tra Linate e Malpensa e l'area della via della seta Milano-Genova-Olbia.Meridiana per crescere a Malpensa deve fare pressioni per far trasferire a Linate tutti i voli che le fanno concorrenza a Malpensa.Inutile dire che quelli che non vogliono un hub a Malpensa(cioè il mondo) faranno di tutto per impedire lo spostamento di quei voli a Linate e lasciarli a Malpensa in modo da far fallire l'hub di Meridiana.

Enricolatalpa

Sab, 16/12/2017 - 16:22

Meridiana ha finalmente trovato un serio supporto finanziario ed industriale in Qatar Airways. A questo punto presenterà un piano industriale di sviluppo che la porterà rapidamente ad essere la prima compagnia aerea italiana. Sapendo che Alitalia non sarà mai in grado di liberarsi del tutto dalla morsa velenosa di Roma, Meridiana si approprierà del mercato ricco della pianura padana creando il suo hub a MXP. I suoi voli dalle principali città italiane saranno prevalentemente di “feederaggio”, ma ciò non le impedirà di accordarsi con EasyJet per usufruire del network inglese in Italia. In poche parole, Meridiana farà quello che avrebbe dovuto fare Alitalia 10 anni fa, invece di suicidarsi mollando MXP a favore di FCO. A noi utenti va bene così: aumenteranno i collegamenti intercontinentali diretti a beneficio di tutti!