Il meteo secondo le calende

Non abbiamo certo la pretesa e l'intenzione di sostituirci al bravo meteorologo del Giornale Sergio Del Ponte, ma quest'anno abbiamo voluto iniziare la verifica di un'antica usanza contadina, non solo ligure, che ricava dall'andamento climatico dei primi dodici giorni di gennaio, popolarmente chiamati «calende», una previsione per l'anno iniziato. Il termine «calende», in realtà, era usato dai Romani per indicare il primo giorno di ogni mese e deriverebbe dal sanscrito «Kala», tempo e «Anta», limite. Non lo usavano invece i Greci dal che nacque il detto latino «ad graecas calendas» per indicare una cosa che non sarebbe mai avvenuta. Ma tornando invece alla nostra popolare tradizione, quest'anno abbiamo diligentemente segnato sul calendario di cucina le caratteristiche climatiche di ogni giorno, dall'1 al 12 gennaio.
Così il giorno di Capodanno è stato caratterizzato da pioggia continua, mentre sabato 2 era una bellissima giornata di sole contrassegnata però da una violentissima mareggiata. Dal che dovremmo cominciare a dedurre che mentre gennaio sarà prevalentemente piovoso (e lo stiamo verificando) il mese di febbraio potrà regalarci belle giornate di sole, seppur ventose. Domenica 3 il tempo è stato variabile per tutto il giorno, alternando nubi e schiarite, con temperature leggermente più alte, ma il 4 ed il 5 pioggia e freddo l'hanno fatta da padroni. Ne consegue pertanto che avremo un marzo "pazzerello" come nella tradizione, ma aprile e maggio non ci promettono certamente una primavera secondo le regole. Il giorno della Befana abbiamo registrato un tempo bello pur se variabile, (potremmo programmarci le ferie per giugno) mentre giovedì 7 dopo una promettente mattinata di sole il cielo si è coperto e la pioggia è caduta anche per tutto il giorno successivo. Dobbiamo pertanto aspettarci solo un buon inizio d'estate, ma poi rassegnarci al brutto tempo, anche a settembre perché sabato 9 è piovuto continuamente. Tempo grigio anche in ottobre con mare agitato come domenica 10 gennaio. Qualche schiarita con un timido sole l'abbiamo vista il giorno 11, il che promette un mese di novembre discreto ma a dicembre grandi piogge per tutto il mese come succede oggi 12 dicembre mentre scriviamo.
Tirando le somme non ci aspetta un bel 2010 dal punto di vista climatico: tanta pioggia, vento e mareggiate, temperature più basse della media. Naturalmente ora l'appuntamento è per fine anno: prometto che annoterò scrupolosamente le condizioni climatiche che il 2010 ci offrirà e il 31 dicembre faremo una verifica: chissà se anche in questo caso potremo dire che i vecchi contadini avevano ragione.