Milan, Pioli riparte da Piatek e dal 4-3-3

Il nuovo Milan targato Stefano Pioli ripartirà dal modulo 4-3-3; primo obiettivo quello di rivitalizzare Piatek per tornare a fare punti velocemente

Giampaolo ha chiuso la sua esperienza con il Milan e, adesso, la palla passa a Stefano Pioli che avrà il compito di riportare in alto la squadra. Il nuovo allenatore ripartirà sicuramente dal 4-3-3 che è il modulo attualmente più adatto per la rosa di giocatori che avrà a disposizione. L'attacco potrebbe essere quindi affidato a Leao e Suso che dovrebbero fare da spalla a Piatek. E riportare ai suoi massimi livelli proprio l'attaccante del Milan e della nazionale polacca sarà probabilmente il primo obiettivo del nuovo tecnico rossonero. Il Milan, infatti, ha necessità di fare punti in fretta e se l'attacco funziona, riuscire a fare punti diventa molto più semplice, soprattutto visto che la difesa funziona bene.

Altro giocatore determinante nel nuovo Milan targato Pioli sarà probabilmente Leao in quanto porta imprevedibilità, fantasia e velocità alla manovra offensiva. Il nuovo tecnico potrà sfruttare anche le qualità di Theo Hernandez che spinge molto sulla fascia sinistra.

Altra "arma" che Pioli potrebbe sfruttare nel suo nuovo Milan è Jack Bonaventura che sino ad ora è stato utilizzato poco causa infortunio. Questo giocatore potrà essere utilizzato per equilibrare un po' tutta la manovra da un punto di vista tattico. Una squadra, dunque, accorta in difesa ma che si proponga maggiormente in attacco per riuscire con maggiore frequenza a tirare in porta. Difficile comunque pensare che questo possa bastare per rilanciare la squadra. Sicuramente il nuovo allenatore dovrà tentare altre strade e nuovi moduli di gioco. Ma solo il campo di gioco permetterà di capire se la strada che intende percorrere Pioli sarà quella giusta o no.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?