Cargolux Italia, un nuovo Boeing 747 per Malpensa

Si chiama "Monte Rosa" l'ultimo gigante di cieli entrato a far parte della flotta di Cargolux Italia a inizio luglio, presentato ieri a Milano Malpensa, aeroporto che ha nella Cargo City uno dei suoi punti di forza e rappresenta un elemento essenziale nella logistica ha al servizio dell'economia e del sistema Paese. La compagnia italiana in quattro anni è cresciuta aprendo nuove rotte, l'ultima è quella per Chicago a cui si aggiungerà Città del Messico

Si chiama "Monte Rosa" l'ultimo gigante di cieli entrato a far parte della flotta di Cargolux Italia a inizio luglio che è stato presentato ieri a Milano Malpensa, aeroporto che ha nella Cargo City uno dei suoi punti di forza e rappresenta un elemento essenziale nella logistica ha al servizio dell'economia e del sistema Paese. Per questo l'evento ha riscosso un grande interesse.

Il Boeing 747-400 è uno degli aeromobili più versatili nel mondo del trasporto aereo cargo e insieme al nuovo Boeing 747-8 trasporta più della metà delle merci che si muovono nel mondo per via aerea. Pierandrea Galli, ad e accountable manager di Cargolux Italia, ha ribadito il ruolo fondamentale che la compagnia e il Gruppo Cargolux rappresentano per Malpensa e per l’intero settore del cargo aereo in Italia, perché Cargolux Italia l’unico vettore all cargo con bandiera italiana a servire destinazioni intercontinentali.

"Poter parlare di crescita e di andamenti positivi riguardo le performance di Cargolux Italia a Malpensa è un’ottima occasione per celebrare l’arrivo nel nostro aeroporto di quest’ultimo modello di aeromobile entrato di recente a far parte della loro flotta - ha detto Giulio De Metrio, chifel operating officer di Sea -. Nel 2012 il Gruppo Cargolux ha trasportato il 9% in più di tonnellate di merce rispetto all’anno precedente, incremento che ha proseguito il suo trend di crescita anche nel primo semestre del 2013 dove si è già registrato +8% in confronto allo stesso periodo del 2012. Un segnale positivo che ci fa ben sperare sull’andamento dell'intero comparto Cargo di Malpensa. Questi dati sono un segnale di fiducia in linea con le ultime previsioni Iata. E ne è un’evidenza anche la crescita a doppia cifra dei movimenti che Cargolux e Cargolux Italia hanno operato da Malpensa nel 2012, ben 1.241, con un incremento del 24% sul 2011. Movimenti che anche nei primi 6 mesi del 2013 continuano a crescere del 6% passando a 646".

Cargolux Italia ha iniziato a operare nel 2009 e anche in questi anni di crisi ha continuato a investire sul mercato aprendo nuove rotte e garantendo occupazione non solo per i 39 membri dello staff, tutti assunti a tempo indeterminato con contratto italiano, ma anche per l'importante indotto generato. Nei quattro anni di operatività la compagnia ha ampliato il suo network servendo destinazioni importanti come Hong Kong, Osaka, Baku, Almaty e San Paolo. Di recente, per soddisfare la domanda sugli Stati Uniti, ha aperto due collegamenti con Chicago, un via New York e un altro in prosecuzione per Los Angeles.

Cargolux Italia opera sullo scalo di Malpensa con 11 collegamenti settimanali e Cargolux con 3 voli compreso un servizio praticamente giornaliero con Lussemburgo. Nei prossimi mesi verrà poi aggiunta la destinazione Messico con un volo settimanale da Malpensa a Città del Messico in prosecuzione per Dallas negli Stati Uniti. Nel 2012 sono state più di 70.000 le tonnellate trasportate con oltre 600 voli effettuati sullo scalo di Malpensa.

Commenti

Cuciapinocasemi...

Mer, 24/07/2013 - 14:04

Questa del trasporto merci è un'attività che avrebbe dovuto gestire Alidaglia, se fosse un'impresa efficiente e non il solito bidone sdadal-romano.