L'Expo scommette sul turismo, da marzo biglietti in vendita

Tour operator stranieri al Tourism Summit. Sala: "Obiettivo 4-5 milioni di ticket in prevendita. Un progetto per gli italiani nel mondo". Maroni: "Con Explora lavoriamo per attrarre visitatori dal mondo". Sangalli: "Sistema di turismo integrato al servizio delle imprese". E alla Bit 2014 il nuovo workshop BuyExpo per commercializzare i pacchetti

La grande macchina di Expo 2015 gira a pieno ritmo in una settimana importante con due eventi in primo piano: l'Expo Tourism Summit a Milano e l'International Participants Meeting a Torino dove le delegazioni di oltre cento Paesi sono protagoniste della tradizionale due giorni dedicata all’Esposizione Universale che prevede anche un giornata nel capoluogo lombardo. Ed è partito da Fabriano Parte da Fabriano il tour per la progettazione dei contenuti del Padiglione Italia con la formula dei tour partecipati per ascoltare il territorio.

Il focus sul turismo è la novità più rilevante perché proprio su questo fronte, in particolare sull'incoming, sui turisti che arriveranno a Milano da tutto il mondo durante i sei mesi di Expo, si gioca una carta decisiva, legata agli oltre 20 milioni di visitatori attesi e alle ricadute economiche su Milano, la Lombardia e l'Italia con una serie di iniziative che coinvolgono, oltre ad Expo, Regione Lombardia, Camera di Commercio e Comune di Milano, Fiera Milano con la Borsa internazionale del turismo e l'Enit.

Fare gioco di squadra per il successo della manifestazione è la parola d'ordine, come si è visto al Tourism Summit, frutto della partnership tra Expo e Bit che ha portato a Milano 50 tour operator "top" selezionati, provenienti da mercati tradizionali ed emergenti come Argentina, Austria, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Germania, Giapppone, Israele, Russia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Turchia, Ucraina, regno Unito, Stati Uniti. Non solo, nell'edizione 2014 di Bit ci sarà un importante workshop, il Bit BuyExpo, incontro fra domanda e offerta dei pacchetti turistici legati all'Expo, che si affiancherà al Buyitaly (dedicato al prodotto Italia) e a Bit Buy Club (legato al turismo associativo), momenti operativi e di affari.

Al centro dell'Expo Tourism Summit anche Explora, la nuova società che unisce Camera di commercio di Milano e Unioncamere, Regione Lombardia ed Expo che la missione di organizzare l'offerta sul territorio, a partire dalle piccole realtà e promuoverla ai grandi tour operator internazionali "costruendo" pacchetti integrati cultura, arte, bellezze naturalistiche in visione più ampia, che va oltre la durata di Expo.

"Il successo di Expo - spiega Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio di Milano- sarà determinato soprattutto dai nuovi flussi turistici che il sistema Milano-Italia saprà attrarre. Per ottenere questo risultato, è necessario un sistema integrato del turismo che è alla base della creazione di Explora. Significa anche creare nuovi percorsi rispetto alle classiche mete e servizi nell’offerta turistica proponendo una nuova modalità di visitare il nostro territorio. Questo pacchetto turismo per Milano e la Lombardia, che allargheremo all’Italia, può rappresentare un importante indotto economico e culturale e sarà una delle principali eredità dell’Esposizione universale. Explora non si sostituirà ad altri, ma rappresenta una valore aggiunto per gli operatori del settore, è un modo nuovo di fare sistema per valorizzare il territorio, la cultura, il saper fare, le imprese. Mai come oggi serve unità d'intenti per ottenere i risultati". Sangalli non ha dubbi sulla necessità di vincere la sfida del turismo e in fondo, lui che è anche presidente di Confcommercio ricorda la nascita della Bit, felice intuizione proprio dell'Unione del Commercio che ha fatto diventare la città capitale del turismo mondiale e fu proprio lui, da sottosegretario, a inaugurare la prima edizione della Bit.

"Il Touism Summit è importante perché consente un cambio di passo e mette al centro di Expo il binomio soddisfazione del visitatore - qualità dell'offerta" dice il commissario unico di Expo Giuseppe Sala che, a proposito della crisi di governo e delle ricadute che potrebbe avere sulla manifestazione ha aggiunto: "Ormai siamo talmente avanti nel lavoro che un colpo di coda è praticamente impossibile. Non siano preoccupati per la questione finanziaria, la prova provata è che i fondi Expo non sono mai stati toccati. La preoccupazione nasce dal fatto che l’offerta di Expo non basta, ma serve un'offerta Paese,soprattutto in un Paese come l'Italia. La stabilità di governo è importante, per le proposte dei grandi tour. Certo - ha aggiunto - c'è il problema delle relazioni personali: con il governo Letta anche per queste si è lavorato molto bene. Vediamo cosa succederà".

Sala ha anche annunciato che partiranno il primo marzo 2014 le vendite dei biglietti d'ingresso a Expo 2015. Una prevendita che avrà un prezzo scontato e una stima di 4 o 5 milioni di ticket venduti. Le tariffe saranno rese note a dicembre e il costo medio del biglietto giornaliero sarà di 22 euro, ma l'offerta verrà modulata pensando anche a ingressi mattutini, pomeridiani, serali. Si terrà conto anche di acquisti cartacei e web e delle categorie di acquirenti come ad esempio bambini, gruppi, scuole, anziani. Ma che comunque l'offerta qualittiva sarà uguale da primo all'ultimo giorno per evitare svendite. Si pensa anche una forma di vendita attraverso la grande distribuzione, considerando che Coop e partner di Expo. Verrà anche lanciato un progetto su misura rivolto agli italiani nel mondo, con l'obiettivo di far tornare nel nostro Paese almeno un milione di visitatori di origine italiana. "L'Expo Tourism Summit e l'alleanza strategica con Fiera - prosegue Giuseppe Sala - sono importanti perché con Bit e con il Buy Italy ci porta una conoscenza profonda del mercato turistico mondiale. Fiera Milano è nostro partner e l'idea è nata un paio di mesi fa con l'ad Enrico Pazzali". "Con questa iniziativa - aggiunge Marco Serioli, direttoe Exhibitions di Fiera Milano - la Bit ha messo a disposizione di Expo trent'anni di esperienza nel coinvolgere ai massimi livelli le più importanti realtà del turismo mondiale".

"Nei sei mesi di Expo 2015 una grande Milano accoglierà i milioni divisitatori e turisti attesi. Una Milano più attrattiva e competitiva - dice tra l'altro il sindaco Giuliano Pisapia - si aprirà al mondo e il mondo arriverà per vivere non solo l’esperienza unica di Expo ma anche i tantissimi eventi culturali,scientifici e sportivi cheriempiranno di giorno e di notte la vita dellacittà e del suo territorio. Ai tour operator internazionali abbiamo illustrato cosa Milano e l’Italia hanno in cantiere per il 2015".

"IlGoverno - ha riconosciuto il governatore della Lombardia, Roberto Maroni -, per quanto riguarda Expo, halavorato bene, il presidente Letta e il sottosegretario Martina si sono impegnati molto. Il ruolo del governo è fondamentale, sono sicuro che qualunque esecutivo ci sarà, continuerà l'azione di leale collaborazione fra istituzioni, per fare di Expo un successo e di Milano la capitale d’Europa". L'evento 2015 deve tradursi anche in una grande opportunità di attrazione turistica ha spiegato Maroni, "è un fattore strategico di crescita economica, il nostro territorio ha un enorme patrimonio da valorizzare: la cultura, l’enogastronomia, i paesaggi, le bellezze naturali. Per fare ciò, dobbiamo completare alcune delle azioni già avviate, come il completamento delle infrastrutture, il coordinamento della mobilità, ma soprattutto la promozione dei territori, della Lombardia e non solo".

Per raggiungere quest’ultimo, obiettivo, Regione Lombardia ha contribuito alla nascita di Explora, che non si ferma alla Lombardia, ma guarda alle altre Regioni. "Iniziamo subito, a La Spezia, con un grande e suggestivo evento a bordo dell’Amerigo Vespucci, il più belveliero al mondo con la firma di un accordo di collaborazione con la Regione Liguria in materia di turismo. Proseguiremo con le altre Regioni che confinano con la Lombardia e anche la Conferenza delle Regioni, che ha già costituito un coordinamento ad hoc, collaborerà con Explora per fornire proposte diturismo mirato a quel numero straordinario di visitatori che attendiamo nel2015". Maroni ha anche ricordato che, dal novembre di quest’anno a tutto il 2014, la Lombardia sarà impegnata con il World Expo tour: "Gireremo tutti i Paesi che hanno aderito a Expo, per presentare l’esposizione, per valorizzarla e per aiutarea potenziare l’attrattività della manifestazione e dei territori della Lombardia". Per l'assessore regionale Alberto Cavalli, "Il turismo in Lombardia batte la crisi e può compiere, grazie ad Expo, un passaggio decisivo diventando, come il settore manifatturiero, la finanza, l'agroalimentare e il commercio, un settore prioritario del sistema economico".

Annunci Google