FederlegnoArredo celebra la creatività con gli "abbracci urbani"

Installazione di Stefano Boeri, musica di violoncello e una mostra sul legno: così l'associazione ha aperto al pubblico le porte delle sede di Foro Buonaparte

Un doppio abbraccio, fra musica e giochi di luce che illuminavano alternativamente di rosso (il colore simbolo del Salone del Mobile.Milano) e verde - bianco-rosso (il colore della nostra bandiera, simbolo del made in Italy), nella sede di FaderlegnoArredo in foro Buonaparte, l’altra sera. Evento davvero speciale con il presidente dell’associazione Emanuele Orsini e del presidente del Salone del Mobile Claudio Luti con l’architetto Stefano Boeri che ha un forte valore simbolico.

Il primo abbraccio è quello con la città (“FederlegnoArredo ha aperto le porte della sua sede al pubblico per la prima volta dopo 57 anni”, ha detto Orsini) per condividere la storia straordinaria del design made in Italy che ha il suo cuore a Milano, durante il Salone del Mobile e la Design Week che portano centinaia di migliaia di visitatori di tutto il mondo in Fiera e in città. Legame storico ma saldamento proiettato nel futuro ed espresso quest’anno dal Manifesto del Salone del Mobile voluto da Claudio Luti.

Il secondo abbraccio è quello che si può fare all’interno dell’installazione Urban Hugs realizzata da Stefano Boeri Architetti che si proietta dal cortile verso il cielo che si punteggia di stelle accompagnati dalla musica di violoncello firmata da Piero Salvatori. Un abbraccio liberatorio, come è stato definito, per lasciarsi alle spalle per un attimo la solitudine metropolitana, ma anche un invito a guardare avanti come solo la capitale mondiale della creatività riesce a fare puntando su nuovi traguardi e sulla forza della condivisione e della partecipazione.

Oltre all’installazione sarà possibile visitare la mostra #Legno, Bosco, Architettura. Dalla materia prima alle costruzioni: è dedicata all’eco-sostenibilità, al rapporto dell’uomo con la natura attraverso il legno, preziosa materia prima. Il percorso guidato in 30 immagini, racconta le potenzialità di questo materiale: naturale, sostenibile, elastico, duttile, dove nulla va sprecato e dove il paesaggio e l’ambiente sono rispettati e valorizzati.

L’appuntamento in orario serale è dalle 18.30 alle 21.30 fino a sabato 21 aprile.