Fiera Milano, utile a 24,1 milioni ed Ebitda in rialzo. Nuove acquisizioni, bene i congressi

Approvata la relazione finanziaria al 30 giugno. Tutte le aree di business in crescita rispetto al 2017. Fabrizio Curci: "Tutti questi fattori e la forte performance attesa nel quarto trimestre, ci permettono di rivedere al rialzo il target di Ebitda per il 2019”

Aree business in crescita e nuove acquisizioni per Fiera Milano Spa nel primo semestre 2019 che vede i ricavi a quota 153,9 milioni con l'Ebitda in crescita (62,4 milioni) con previsione di rialzo nell'anno e range stimato fra 96 e 100 milioni. Sono i dati che emergono dall'approvazione della Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno approvata dal cda presieduto da Lorenzo Caprio.

“Nel primo semestre le aree di business sono tutte in crescita rispetto al 2017, periodo comparabile per calendario fieristico. Migliora la performance commerciale come dimostrato anche dall’ultima edizione di Tuttofood - commenta Fabrizio Curci, amministratore delegato e direttore generale di Fiera Milano -. Questi elementi, uniti a una maggior penetrazione dei servizi e ad un’ottima performance del business congressuale, hanno contribuito ad una forte generazione di cassa, leva fondamentale per le recenti acquisizioni di MADE Eventi, organizzatrice di MADE expo, e il marchio Cartoomics. Tutti questi fattori, unitamente a una forte performance attesa nel quarto trimestre, ci permettono di rivedere al rialzo il target di Ebitda per il 2019”.

I ricavi delle vendite e prestazioni ammontano a 153,9 milioni di euro rispetto a 157,7 milioni del primo semestre del precedente esercizio, principalmente per effetto del diverso calendario fieristico in Italia, che includeva nel 2018 The Innovation Alliance e Mostra Convegno Expocomfort, in buona parte compensato dalla presenza della mostra biennale Tuttofood e dal generale positivo andamento del business fieristico e congressuale.
Infatti nel primo semestre 2017, periodo comparabile per calendario fieristico, i ricavi sono stati pari a 133,9 milioni di euro. L’Ebitda è pari a 62,4 milioni di euro rispetto a 46,1 milioni registrati nel primo semestre 2018. Al netto dell’effetto derivante dall’applicazione del principio contabile Ifrs 16, pari a 24,2 milioni di euro, "la variazione tiene conto del positivo andamento della performance commerciale che ha compensato sensibilmente i citati effetti del calendario fieristico".

Nel primo semestre 2017 l’Ebitda è stato pari a 11,9 milioni di euro. L’Ebit è 39,6 milioni di euro rispetto a 43,1 milioni del primo semestre 2018 e riflette l’impatto derivante dalI’IFRS 16 (4,0 milioni di euro) e l’andamento dell’Ebitda. Nel primo semestre 2017 l’Ebit è stato pari a 8,4 milioni di euro. Il risultato netto ammonta a 24,1 milioni di euro, di cui -2,2 milioni relativi all’impatto Ifrs 16, rispetto a 31,7 milioni del primo semestre 2018 e 5,6 milioni di euro nel primo semestre 2017.

Nel primo semestre 2019 si sono svolte nei quartieri fieristici di fieramilano e fieramilanocity 26 manifestazioni, due manifestazione fuori quartiere e 23 eventi congressuali con area espositiva, per un totale di 864.345 metri quadrati netti espositivi, rispetto a 995.345 dello stesso periodo del 2018. Il numero degli espositori è passato da 17.550 nel primo semestre 2018 a 15.465 nel primo semestre 2019.

All’estero si sono tenute 13 manifestazioni (12 nel primo semestre 2018), per un totale di 171.225 metri quadrati netti espositivi (148.955 metri quadrati nel primo semestre 2018) e 4.615 espositori (3.075 nel primo semestre 2018). I ricavi di vendite e prestazioni, ante elisioni per scambi tra settori, ammontano a 159,3 milioni di euro rispetto a 163,0 milioni del primo semestre 2018.

Il settore attività fieristiche Italia registra ricavi pari a 129,2 milioni di euro (138,6 milioni nel primo semestre 2018). L’Ebitda è pari a 52,3 milioni di euro (43,0 milioni nel primo semestre 2018) e beneficia dell’impatto relativo al principio contabile Ifrs 16, pari a 22,2 milioni di euro. L’Ebit si attesta a 32,2 milioni di euro (41,1 milioni nel primo semestre 2018).

Il settore attività fieristiche Estero registra Ricavi per 3,1 milioni di euro, in crescita rispetto a 2,7 milioni nel primo semestre 2018 principalmente per la presenza della manifestazione biennale Reatech in Brasile. L’Ebitda è pari a 2,5 milioni di euro (1,8 milioni nel primo semestre 2018) e beneficia dei migliori risultati della joint venture cinese. L’Ebit è pari a 2,3 milioni di euro (1,6 milioni nel primo semestre 2018).

Il settore Media registra ricavi per 5,8 milioni di euro rispetto a 6,2 milioni del primo semestre 2018 in relazione a minori ricavi da affissioni per l’assenza di Mostra Convegno Expocomfort. L’Ebitda è a quota 0,8 milioni di euro rispetto a 0,7 milioni nel primo semestre 2018 grazie ad azioni di ottimizzazione dei costi di produzione delle testate. L’Ebit è pari a 0,7 milioni di euro (0,5 milioni nel primo semestre 2018).

Il settore Congressi registra ricavi per 21,2 milioni di euro, in crescita rispetto a 15,5 milioni del primo semestre 2018 grazie alla presenza di importanti congressi internazionali come il Congresso Mondiale di Dermatologia e il Congresso sulla Radioterapia. L’Ebitda è pari a 6,8 milioni di euro (0,6 milioni nel primo semestre 2018) e beneficia anche dell’impatto relativo al principio contabile IFRS 16, pari a 1,9 milione di euro. L’Ebit è pari a 4,4 milioni di euro (-0,1 milioni nel primo semestre 2018).

La posizione finanziaria netta al 30 giugno 2019, ante effetti IFRS 16, presenta una disponibilità finanziaria netta di 58,0 milioni di euro rispetto a 23,7 milioni di euro al 31 dicembre 2018. "Tale miglioramento è conseguente al cash flow positivo generato dall’attività operativa del semestre e dagli acconti incassati per le manifestazioni previste nei mesi successivi, parzialmente compensato dalla distribuzione dei dividendi".

L’indebitamento finanziario netto comprensivo della lease liability Ifrs 16 ammonta a 431,3 milioni di euro.
Il 29 maggio 2019 Fiera Milano ha sottoscritto con la controllante Ente Autonomo Fiera Internazionale di Milano – partecipazione pari al 63,821% del capitale sociale – un accordo recante "modifiche al contratto di locazione in essere tra le medesime parti, rispettivamente in qualità di conduttore e locatore, avente a oggetto il quartiere fieristico di Milano (fieramilanocity). L’accordo modificativo prevede, con efficacia a partire dal 1° giugno 2019, una riduzione per un importo di 1,5 milioni di euro all’anno del canone originario di locazione che era pari a 2,9 milioni di euro all’anno; l’esclusione di talune aree del polo fieristico di Milano principalmente adibite a parcheggio.

Nell’ambito del piano di razionalizzazione della struttura societaria di Gruppo, il 6 giugno 2019 è stato stipulato l’atto di fusione per incorporazione inversa della controllata brasiliana Eurofairs International Consultoria e Participações Ltda nella propria controllata al 100% Cipa Fiera Milano Publicações e Eventos Ltda.

Il 17 luglio 2019 Fiera Milano ha sottoscritto un contratto preliminare vincolante per l’acquisizione del 60% della società MADE Eventi che organizza, nel quartiere fieristico di Rho di Fiera Milano, MADE expo, fiera biennale internazionale dell’architettura e delle costruzioni dedicata a progettisti, imprese, buyer e operatori specializzati. Il prezzo di acquisto concordato per il 60% della società MADE eventi è fissato in 1,86 milioni di euro. Il prezzo prevede l'assenza di debiti finanziari della società acquisita. La sottoscrizione dell’accordo di compravendita è prevista entro la fine del mese di ottobre 2019. Il 9 luglio è stato acquisito il marchio di manifestazione Cartoomics nel settore del fumetto, gaming ed entertainment. Il prezzo di acquisto è stato pari a 320mila euro.

I risultati della gestione del primo semestre, in particolare del secondo trimestre, sono stati superiori alle aspettative. Con riferimento alla seconda parte dell’anno, si ricorda che il terzo trimestre sarà caratterizzato dalla consueta sospensione delle manifestazioni nei mesi estivi, tipica del settore di riferimento, e dal posticipo di una importante manifestazione semestrale al mese di ottobre. Si stima un andamento del quarto trimestre molto positivo, anche grazie alla presenza della manifestazione biennale direttamente organizzata, Host, che si prevede possa raggiungere una nuova edizione record.