Sinistra a rischio estinzione

Perfino nella roccaforte rossa di Cinisello il centrodestra oggi punta alla vittoria

Urne aperte oggi dalle 7 alle 23 per 217mila elettori. E subito dopo, spoglio delle schede. Sono nove i Comuni che vanno al ballottaggio in Lombardia per eleggere sindaco e Consiglio: Sondrio, cinque centri della Brianza (Seregno, Seveso, Nova milanese, Carate Brianza e Brugherio) e tre della Città metropolitana di Milano: Cinisello, Bareggio e Gorgonzola.

Tranne Seregno, arrivata al voto con un commissario prefettizio, i sindaci uscenti sono tutti del Pd, che dunque rischia grosso, soprattutto nelle due sfide politicamente centrali, il capoluogo Sondrio e il terzo Comune più popoloso del Milanese, Cinisello, ormai unica vera roccaforte rossa, essendo da sempre - cioè fin dal dopoguerra - in mano ad amministrazioni della sinistra.

A Cinisello il compito (non facile) di affrontare la sindaca uscente Siria Trezzi è toccato a Giacomo Ghilardi, classe 1985, cresciuto fra oratorio, salesiani e attività commerciali di famiglia, eletto in Comune nel 2013, leghista dal 2010. Al primo turno ha chiuso al 45,9%, con 5 punti di vantaggio. Una vera incognita, in tutti i casi, sarà l'affluenza al voto, in un appuntamento elettorale fissato alla fine di giugno, con le scuole abbondantemente chiuse. Più largo il distacco su cui può contare Marco Scaramellini (quasi 11 punti, 46,8% contro il 36% di Nicola Giugni), il candidato di un ampio fronte civico e di centrodestra a Sondrio, l'unico capoluogo di provincia al voto in Lombardia (visto che nell'altro, Brescia, la partita il Pd l'ha risolta a suo vantaggio al primo turno, con la larga conferma di Emilio Del Bono). Nel Milanese, a Bareggio si gioca un derby interno al centrodestra. Con l'eliminazione al primo turno di Giancarlo Lonati, sindaco uscente ricandidato da Pd e civici, il Comune (17mila abitanti) se lo contendono Linda Colombo, leghista candidata ufficiale dei partiti del centrodestra, ed Ermes Garavaglia, civico di centrodestra. Fra i due, al primo turno, c'erano circa 300 voti di scarto. A Gorgonzola (poco meno di 20mila abitanti) se la giocano Giuseppe Olivieri del centrodestra e Angelo Stucchi del centrosinistra, con 9 punti di vantaggio del primo il 10 giugno. In Brianza sfide apertissime a Nova Milanese (fra Eugenio Pizzigallo e Fabrizio Pagani) e a Seregno (fra Ilaria Cerqua e Alberto Rossi). A Seveso e Carate Brianza parte in vantaggio il centrodestra, a Brugherio il candidato del Pd.

Commenti

rise

Dom, 24/06/2018 - 09:38

Non è estinzione, ma trasformazione. Il concetto di destra e sinistra comincia ad essere superato dalle nuove classi sociali. Il novecento fu il secolo del fallimento dela borghesia liberale e della nascita delle dittature di derivazione socialista rivoluzionaria (leninismo, stalinismo, maoismo e fascismo, regime socialista con a capo Mussolini!!). regimi che furono sostenuti con il consenso delle masse operaie urbane e dalla borghesia ipocrita alla ricerca di compromessi.Intendiamoci con il termine socialismo assunto a sinonimo di democrazia, dai regimi più o meno mascheraticon forze provenienti da classi precedentemente escluse dal potere. Lega e M5S hanno base populista, perchè si rivolgono al popolo, operaio, di piccoli imprenditori, di classe media istruita che si vede precluso l'avvenire da caste consolidate (sindacati, lobby e raccomandati di ogni genere). Se si estingue la sinistra si estinguerà anche la destra, sostenuta dalla classem media moderata.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Dom, 24/06/2018 - 09:42

Dopo aver per decenni danneggiato gli italiani, favorendo solo i propri accoliti, negli ultimi anni i kompagni mascherati da demokratici hanno preso a fregare pure i loro, con l'invasione selvaggia, con il passaggio dalla parte di banchieri bancarottieri e finanzieri speculatori, con la svendita del paese agli stranieri. Ora anche certi trinariciuti l'hanno capita e gli voltano le spalle, alcuni si fanno tappare già la terza narice, per non respirare più i miasmi del mondialismo.

timoty martin

Dom, 24/06/2018 - 09:50

Vedremo i risultati dei ballottaggi di oggi

Vigar

Dom, 24/06/2018 - 10:05

Rischia?....E' bello che estinta!

Ritratto di niki 75

niki 75

Dom, 24/06/2018 - 10:07

Se continueranno, come stanno pervicacemente facendo, a insistere nel postare avanti una politica BUONISTA, che sta portando l'Italia all'autodistruzione, materiale e morale, non ci vorrà molto per diventare bestie rare.

ciruzzu

Dom, 24/06/2018 - 10:23

La sinistra esce con le ossa rotte ,demolita dalle ultime elezioni, ma dire estinta non direi.La flessione e la giornaliera fuga di consensi dai 5 stelle lo dimostra. Nei 5 stelle, partito con mille contraddizioni, mille non programmi, mille oggi si per dire domani no, hanno nel loro interno piu del50% di scontenti della sinistra, che torneranno nella sinistra se Salvini come sta facendo guidera' di fatto il governo e il Di Maio continuera' in maniera sconclusionata ,con iniziative deboli che da subito dimostrano falle enormi e insostenibili

giovanni951

Dom, 24/06/2018 - 11:04

speriamo.....certo che oggi votare per il pd o leu bisogna essere veramente fuori di testa

Mobius

Dom, 24/06/2018 - 11:38

La sinistra, in realtà, non ha ragione di essere, è una finzione, uno specchietto per allodole. La giustizia sociale non si applica stravolgendo le regole del vivere civile, ma prevenendo il malaffare e punendo i malfattori. Per esempio, se un imprenditore sfrutta i propri dipendenti, non va punito il bieco capitalismo, va punito duramente lo sfruttatore e messo in condizione di non nuocere oltre. Quando qualcuno viene sorpreso a barare al poker, non è che si debba cambiare gioco e mettersi a giocare a tressette; invece si prende il baro per la collottola e lo si butta nel fiume.

vince50

Dom, 24/06/2018 - 11:52

Se non fosse per quei quattro gatti spelacchiati e indottrinati si sarebbe già sciolta come neve al sole.Ecco la ragione per la quale devono coccolare i"nuovi arrivi",per i sinistrati rappresentano l'ultima speranza.Naturalmente per puro interesse personale,però a danno e spese di tutti.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 24/06/2018 - 12:51

---la sinistra per definizione non può estinguersi mai--anche perchè ciò significherebbe paradossalmente l'estinzione del suo omologo opposto--se per sinistra intendiamo fondamentalmente la difesa sempre e comunque della classe operaia--la difesa ad oltranza delle libertà individuali--ed un ateismo di base che schermi dal clericalismo religioso--si scopre che quelli che in italia considerano sinistra il pd sbagliano bersaglio---il pd e forza italia sono reminiscenze della democrazia cristiana---oggi per trovare principi di sinistra vera in italia bisogna andare dalle parti di "potere al popolo"- partitino che non ha superato la soglia di sbarramento--pochi ma buoni--swag

venco

Dom, 24/06/2018 - 13:08

Devono sparire tutti i sostenitori dell'immigrazione clandestina, anche giornalisti e alto clero della Chiesa.

GPTalamo

Lun, 25/06/2018 - 02:28

Ma comunque, io penso che ormai non si dovrebbe piu' parlare di "destra" e di "sinistra", esistono quelli che sono "globalisti" (che vogliono tutti e tutto uguale nel globo) e i "nazionalisti" (quelli che vogliono mantenere una identita' culturale). Pero', a pensarci, comunisti e nazional-socialisti rappresentavano queste due tendenze anche 100 anni fa.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 25/06/2018 - 09:14

E ora? FI e PD sono ai minimi storici. FI sconta la sua connotazione liberale che da noi scatena magistrati borbonici e populismi avversi alla ricchezza altrui. Il PD soffre di una ineludibile offerta socialdemocratica avversata da anacronistici e comici comunisti attardati ad aiutare i deboli a spese dello Stato. E magari guadagnandoci qualcosa. Tutto questo ed il collasso della nostra cultura, soppiantata dal web, ha promosso Lega e grillame. Non proprio il massimo ma questo c'era. Capita che una civiltà decada. La nostra prostrata da fascismo, comunismo, cattolicesimo perdonista e mafia non ha fatto eccezione.