Un milione e duecentomila i musulmani in Italia: il secondo gruppo religioso

Su una presenza regolare straniera, stimata pari a 3.690.000 persone, i cristiani restano
quasi la metà e i musulmani ammontano a circa un terzo, mentre le grandi religioni orientali
coprono quasi il 5%

Roma - I musulmani residenti in Italia sono più di un milione e 200 mila e costituiscono il secondo gruppo religioso del paese, destinato ad aumentare per effetto sia dei nuovi arrivi sia delle nuove nascite. I luoghi di preghiera e le associazioni di area islamica censite a maggio 2007 erano 735, più del doppio rispetto al 2000. "Il pluralismo religioso, affermatosi in Italia attraverso l’immigrazione - premette il dossier - è comunque molto più ampio e coinvolge non solo altre religioni non cristiane, come le diverse forme di induismo o di buddhismo, ma lo stesso cristianesimo attraverso le confessioni ortodossa e protestante".

Su una presenza regolare straniera, stimata pari a 3.690.000 persone, i cristiani restano quasi la metà e i musulmani ammontano a circa un terzo, mentre le grandi religioni orientali coprono quasi il 5%.

In aumento gli ortodossi Gli altri gruppi religiosi e i non credenti superano un decimo del totale. La stabilità percentuale dei cristiani è dovuta agli ortodossi, aumentati nell’ultimo anno di 259 mila unità: in ragione di questo aumento, se nel 2005 si collocavano ex aequo con i cattolici, ora li sopravanzano di 233.000 unità, essendo diventati oltre 918 mila (i cattolici sono aumentati solo di 17 mila unità e ammontano a circa 685 mila).

I musulmani sono aumentati di 103 mila unità, in gran parte a seguito dei ricongiungimenti familiari e delle nuove nascite. Il loro numero (1.202.396 persone) potrà essere uguagliato da quello degli ortodossi se perdureranno i flussi sostenuti dalla Romania, e forse anche superato se un grande paese a maggioranza ortodossa come l’Ucraina verrà maggiormente coinvolto nei flussi d’ingresso.

Presenza nelle scuole La stima dell’appartenenza religiosa è stata estesa anche ai 498.735 alunni stranieri iscritti nell’anno scolastico 2006/07: 236 mila sono i cristiani (tra i quali 117 mila ortodossi e 99 mila cattolici) e 185 mila i musulmani; gli induisti e i buddhisti sono 16 mila (quasi quanto i protestanti, stimati pari a 14 mila); le religioni tradizionali africane (6 mila) e la religione ebraica (1.000) chiudono la lista.