Minori romeni, è invasione: raddoppiati in un solo anno

Jacopo Granzotto

L’impero romeno si espande a macchia d’olio. Tutto «merito» dei minori che una volta arrivati nella capitale scelgono la scorciatoia dell’illegalità per far soldi senza troppo patire. E il problema è che sono sempre di più.
È quanto emerge da un trimestre di studi sui «Minori Rumeni non accompagnati presenti a Roma» condotti da un’Ong italiana, la Casa dei diritti sociali (Cds) e una romena, «Fundatia Romana Pentru Copii Comunitate si Familie» (Frccf). L’équipe sfonda una porta aperta annunciando che il «fenomeno dei minori che se ne vanno dalla Romania e cadono vittime dello sfruttamento una volta arrivati in Italia è in costante aumento». Già, perché durante i primi sei mesi del 2005, le istituzioni pubbliche avrebbero registrato 487 minori romeni non accompagnati, quasi il totale dell’intero numero raggiunto nel 2004».
Secondo questa ricerca sono «molti i fattori a sostegno della convinzione che i minori trovati sulle strade di Roma siano oggetto di traffici dalla Romania verso l’Italia o entrino a far parte delle reti di sfruttamento sin dai primi giorni di soggiorno». Tra l’altro la capitale è la città italiana con la più alta concentrazione di minori romeni non accompagnati. La percentuale, ad esempio, di presenze di minorenni registrata nel 2005 è del 51%, quasi il doppio rispetto al 27% rilevato lo scorso anno. L’età media dei ragazzi coinvolti nel giro della prostituzione e delle attività illecite come il furto, l’estorsione, il traffico di stupefacenti e l’accattonaggio oscilla, per le ragazze, tra i 14 e i 17 anni; per i ragazzi tra i 16 e i 18. Le zone principali da cui provengono sono quella di Bucarest, Calarasi, Craiova e Iasi. Il posto «di lavoro» è in centro storico.
Una volta arrivati in Italia «interiorizzano i modelli consumistici del nuovo ambiente» e adottano, pertanto, l’atteggiamento tipico dell’adolescente italiano: vogliono vestiti alla moda e videocellulare. Da qui, la scelta di darsi alle attività illecite per guadagnare bene e in poco tempo. Così la maggior parte dei minori romeni dopo appena qualche giorno abbandona i centri d’accoglienza per darsi all’illegalità. Oramai appannaggio quasi esclusivo della comunità venuta dall’est.