Il molo più lungo, il castello più grande, la Bibbia più rara

Tre primati nel raggio di pochi km: dalla città termale liberty di Sopot a Malbork, capitale dei Cavalieri Teutonici. Fino a Pelplin, custode d'arte

Il molo in legno più lungo del Mar Baltico, la copia più integra conservata in Europa della Bibbia stampata da Gutenberg, il castello fortificato in mattoni più grande del Vecchio Continente. Tre primati in una manciata di chilometri partendo dalla capitale mondiale dell'ambra (un altro guinness!), la polacca Danzica. Si trascorre il weekend in città, ospiti dell'Hotel Podewils, una dimora del '700 arredata con raffinati pezzi d'epoca (podewils.com).

Da Danzica, dunque, restando in costa, si va a Sopot, villaggio di pescatori fino ai primi '800, quando il medico J.G. Haffner scoprì le sue acque curative, e vi creò il primo stabilimento termale. Il successo tra regnanti e nobili fu immediato, così che, a cavallo dei due secoli, già vi sorgevano ville in stile eclettico con torrette, bovindi, giardini, che oggi, trasformate per lo più in caffè, ristorantini, sale da tè, si ammirano percorrendo le vie traverse di ul. B. Monte Cassino, l'arteria principale che, dalla stazione e dalla chiesa neogotica di S. Giorgio (accanto, l'elegante hotel Rezydent, doppia da 150 euro, hotelrezydent.com.pl), porta al mare, al faro e alle terme. Arena finissima, alberghi liberty che si affacciano sul mare e il pontile da record - in traversine di legno - che si protende per oltre mezzo chilometro nel Baltico.

Costeggiando il litorale, si gusta il pesce esposto sul fronte delle casette dei pescatori facendoselo cuocere al momento. Ciò che affascina di Sopot è, però, l'aria modaiola e retro' insieme, la vivacità dei locali, che spaziano dal candido White House vicino al lungomare al Cafe Zascianek in ul. Haffnera, una casa primi '900 con boiserie e specchi, e fino al Cafè Kultura in ul. Jadwigi, «boite» zeppa di libri e quadri, luci tenue. Ville liberty anche nelle vie Chopin, T. Kosciuszki e Morska.

Atmosfera speciale a Malbork, 50 km a sud di Danzica, capitale dell'Ordine Teutonico, cioè di quei Cavalieri Crociati che colonizzarono l'intera area costruendo, a partire dal XIII sec., castelli e chiese in mattoni nel cosiddetto stile gotico vistolano. Malbork era la capitale dell'Ordine con il castello-fortezza (il più esteso d'Europa, oggi sotto tutela Unesco) edificato dai monaci guerrieri. In realtà sono 3 castelli sorti in momenti diversi, uniti da cinte murarie e torri possenti (visite: 9-19, zamek.malbork.pl). Si estendono per chilometri collegati tra loro da cortili interni, ponti levatoi, camminamenti coperti, scalinate in un spettacolare tourbillon di affreschi, colonnine, capitelli, soffitti a volte, dipinti, statue… un museo vivissimo, che sembra ancora animato dal Grande Maestro e dai suoi Cavalieri.

Incredibili le soluzioni pratiche del vivere quotidiano: enorme refettorio riscaldato da pietre arroventate poste nel locale sottostante; infermeria; cucine con wc; lampade a olio ovunque; corridoi con pozzi da cui usciva acqua per lavarsi mani e piedi; cimitero; cappella per seppellire i Grandi Maestri; macina, mulino e forno per il pane; birrificio; montacarichi per il cibo; zecca per battere moneta in proprio; stanza-forziere con tutte le monete d'oro allora coniate; appartamenti per ospiti; dormitori per monaci residenti; il palazzo del Gran Maestro, un capolavoro a se stante; torre sanitaria con latrine… Uno spaccato di un mondo aristocratico e feroce insieme.

Visitabile nello stesso giorno, 35 km a ovest, è Pelplin. Due le mete: la cattedrale gotica con l'altare maggiore più maestoso d'Europa (26 m) dopo quello di Toledo; i 23 altari minori; le sculture lignee medievali; le volte a stella; gli stalli gotici e barocchi; lo splendido organo; il chiostro con affreschi del '400 e lo Scriptorium, centro di scrittura amanuense, cui ci si può iscrivere per un corso di calligrafia medievale (2 ore a 40 euro, tel. +48.58.792239746). La seconda meta è il Museo Diocesano (h: 10-16, muzeum.diecezja.org), che conserva una collezione d'arte gotica preziosa, ma soprattutto una delle 87 copie della Bibbia rimaste (su 150) stampate da Gutenberg nel 1453. In due tomi, con due errori di stampa che la rende unica e con le ultime due pagine mancanti, è considerata la più completa esistente.

Info: Ente Nazionale Polacco Turismo, www. polonia.travel/it; voli giornalieri Lufthansa, www.lufthansa.it, da Milano Malpensa a Danzica o voli Ryan Air, www.ryanair.com, da Bergamo.