Afd terzo partito, l'ascesa del populismo tedesco

L'Afd è il terzo partito tedesco, raggiungendo oltre il 13% dei consensi. Prima storica volta nel parlamento federale per i "nazionalisti"

L'Afd è il terzo partito tedesco. Dai dati emersi dagli exit poll, infatti, il partito sovranista e populista è volato nei consensi sino a raggiungere oltre il 13% dei voti totali. Le percentuali in quella che una volta era la Germania Est, poi, arrivano a toccare punte del 20%. L'effetto primario di questo risultato è lo storico ingresso all'interno del Bundestag. I seggi che dovrebbero spettare all'Alternative fur Deutschland sono 87. Nel quadro dei sondaggi elettorali svoltisi durante la campagna elettorale, ai sovranisti tedeschi è sempre stata assegnata una percentuale sufficiente per l'ingresso in parlamento, ma in pochi si sarebbero aspettati un exploit di queste dimensioni dell'estrema destra. Dalla rinuncia alla candidatura di Frauke Petry fino alle polemiche giornalistiche e politiche sollevate nelle ultime settimane a causa della mail che sarebbe stata scritta da Alice Weidel, quella nella quale gli attuali governanti tedeschi sarebbero stati definiti "maiali", tutto lasciava presagire un rallentamento dell'ascesa elettorale di questo partito. Il duo Gauland-Weidel, però, ha retto, facendo sì che la categoria politica del "populismo" tornasse d'attualità in Europa.

Dopo il crollo di Marine Le Pen e la sconfitta di Wilders in Olanda, molti commentatori avevano dato per morto il "pericolo populista", festeggiando il ritorno dello status quo istituzionale. I circa 13 milioni di elettori che si sono recati alle urne in Germania per votare l'Afd, però, mostrano come alcune delle tendenze elettorali delle passate elezioni siano tutt'altro che in via di scomparizione. Come il Front National in Francia, del resto, l'Afd ha cercato (ed è riuscito) di incarnare due anime spesso incompatibili: quella eurocritica e focalizzata su questioni di carattere monetario e quella apertamente contraria alle politiche migratorie, promosse, in questo caso, dalla Merkel. I destinatari del messaggio dell'Afd sono rintracciabili, anche se per un'interpretazione esaustiva bisognerà aspettare le mappe dei flussi elettorali, in quella classe media che da qualche anno a questa parte guarda con grande interesse alle proposte restrittive in materia di flussi migratori. Gauland, insomma, ha svolto il ruolo che in Francia è di Marine Le Pen. La Weidel, invece, una donna con un curriculum tutto economico-finanziario, ha assunto un profilo comunicativo rassicurante, che sta contribuendo a portare fuori dalle accuse di "neonazismo" un movimento che in Germania e non solo, non è un mistero, è visto con grande sospetto. Che i sovranisti arrivino in doppiacifra in Germania, in effetti, è forse una notizia ancor più inaspettata rispetto all'avvento degli stessi in altre nazioni europee. Sia per la storia teutonica sia per i buoni fondamentali economici di cui sono piene le statistiche. Mai, infatti, dopo la seconda guerra mondiale, era accaduto che un movimento politico genericamente ascrivibile nell'insieme dei "nazionalisti" fosse riuscito ad entrare nel parlamento federale. L'Afd, tuttavia, in questi anni è profondamente mutato: se negli anni della fondazione la leadership era nelle mani di economisti e professori universitari, adesso l'Euro è solo uno dei temi attenzionati da dirigenti ed elettori. Dopo le elezioni del 2014, infatti, la sfera d'azione programmatica si è allargata alle issues tipiche del populismo: migranti e riforma del welfare. Altra grande tematica cavalcata dall'Afd, poi, è l'antislamismo che in Germania ha un valore particolare per via della presenza della grande comunità di origine turca. Alcuni candidati dei nazionalisti tedeschi hanno svolto la loro campagna elettorale leggendo i versetti del Corano ritenuti preoccupanti dalla loro visione del mondo.

Certo, differentemente da altri casi, come ad esempio in quello del Fn, è difficile prevedere una progressione continuativa dei consensi dell'Afd. Ma i dati di questa competizione elettorale, mostrano come ci sia stata una parziale erosione degli elettorati dei due principali schieramenti politici della Germania: Cdu/Csu e Spd sono entrambi in calo. Possibile ipotizzare, dunque, come avvenuto spesso negli ultimi appuntamenti elettorali d'Europa, che una parte della classe media tedesca abbia cominciato ad abbandonare alcune preferenze politiche. Non a caso, del resto, gli ultimi appelli elettorali della Merkel e di Schulz si erano concentrati sul pericolo emergente da destra. Da oggi anche la Germania ha il suo "populismo".

Commenti

giancristi

Dom, 24/09/2017 - 22:23

Le grandi firme dei giornali dicono che bisogna analizzare le cause del tracollo di CDU ed SPD. Non c'è bisogno di giornalisti superpagati. Le cause le capisce anche uno sprovveduto. La Merkel e Schulz che si potevano aspettare? Hanno fatto entrare più di un milione di "profughi" (veri o falsi). Dilagano le molestie sessuali e gli stupri. I tedeschi sono, per natura, conservatori e non amano i bruschi cambiamenti. Si ritrovano invece una massa di persone ignoranti e di diversa cultura, che non si integreranno e difficilmente troveranno lavoro. Una bomba o orologeria. Per di più, questa invasione ha comportato costi altissimi, penalizzando il welfare dei nativi.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 24/09/2017 - 23:06

Perchè la così tanto abusata parola "populismo" viene detta con il peggior senso dispregiativo? Forse perchè non si vogliono fare le cose che fanno bene e vogliono il popolo tutto?

clapas

Lun, 25/09/2017 - 01:50

Viva i populisti, per modificare questa squallida e criminale Unione Europea pro invasione, pro Islam, pro globalizzazione selvaggia, in sintesi favorevole a tutto ciò che vuole cancellare la storia e l'identità dei popoli europei. La ribellione è solo agli inizi, diventerà una marea...

Popi46

Lun, 25/09/2017 - 06:28

Immigrazione spropositata sia nei numeri che nei tempi + asfissiante propaganda a favore del pensiero unico politicamente corretto + fallimento dei tentativi di integrazione di usi e costumi completamente diversi + economia traballante = ascesa dei populisti. Che c'è da meravigliarsi? Accadrà anche in Italia (Minniti ha fiutato l'aria e sta tentando di invertire la rotta)

nerinaneri

Lun, 25/09/2017 - 06:39

...beh! una gaia con colf siriana e un vecchio...

soldellavvenire

Lun, 25/09/2017 - 07:03

partito nazional populista, è passato di moda il socialismo ma i nazi no

Ritratto di orione1950

orione1950

Lun, 25/09/2017 - 07:38

Io, personalmente, ne ho piene le scatole di sentir parlare di populismo. Quando si fa politica sulla base delle necessità ed il benessere del popolo si parla di populismo. Si dimentica che in democrazia il popolo é sovrano. E' anche vero che, in Italia, non vige una democrazia ma, piuttosto, un'oligarchia. Ed, allora, ben vengano i populisti. E' ora di far fuori quelli che ci tengono in questa situazione da terzo mondo. ALLE PROSSIME ELEZIONI ANDATE A VOTARE; SOLO COSI' GLI OLIGARCHI SARANNO SCONFITTI!!!!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Lun, 25/09/2017 - 08:06

Non ho una simpatia particolare per i tedeschi ma devo dire che ieri sera mi sono fatto delle grasse risate quando in TV ho sentito l'uomo senza parola, colui che doveva "tornare a casa e smettere di fare politica" se perdeva il referendum , affermare che come sembrava in Germania, in Europa il populismo aveva perso. Ma aspettare un paio di orette prima di dire l'ennesiam cosa ridicola no ? Dalle mie parti quelli come l'uomo senza parola li chiamiamo "pisquani" .

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 25/09/2017 - 08:14

SE;L;AFD HA AVUTO 13 MILIONI DI VOTI QUESTO SI DEVE ALLA POLITICA EMIGRATORIA NON SOLO DELLA MERKEL MA ANCHE A QUELLA DELLA SPD DI SCHULZ;É ANCHE L;OMICIDIO DI UNA STUDENTESSA TEDESCA FIGLIA DI UN FUNZIONARIO DELLA UE É IL VOLER NASCONDERE QUELLO CHE É SUCCESSO A COLONIA DOVE PIU DI 1500 DONNE SONO STATE MOLESTATE DA PROFUGHI ARABI HA DATO UN AIUTO A QUESTO MOVIMENTO DI PROTESTA CONTRO LA POLITICA MERKELLIANA! MA LA GOCCIA CHE HA FATTO TRABBOCCARE IL VASO É SENZA DUBBIO L;ATTENTATO DI BERLINO A NATALE DOVE 13 CITTADINI HANNO PERSO LA VITA AD OPERA DI UN TERRORISTA ARABO! É SE POI METTIAMO CHE DIVERSI POLITICI TEDESCHI HANNO DETTO CHE IN EUROPA DOBBIAMO VIVERE CON IL TERRORISMO ARABO!ALLORA L;AFD DICE GRAZIE PER QUESTO AIUTO!.

leopard73

Lun, 25/09/2017 - 08:28

E NORMALE CHE SI CREI IL POPULISMO COMANDANO SEMPRE SENZA ASCOLTARE IL POPOLO NON LO VOGLIONO CAPIRE CHE è Lì CHE SI CREA IL MALCONTENTO CHE POI DIVENTA POPULISMO, LA STESSA COSA DA NOI BASTA VEDERE COME CI HA GOVERNATO IL KOMUNISMO PER CAPIRE DOVE SIAMO ARRIVATI!! (GRILLO QUALCHE ANNO FA NON ERA NESSUNO).