Terremoto in Albania, ci sono vittime e feriti

Una forte scossa di terremoto ha colpito la costa settentrionale dell’Albania. Per il momento ci sono 13 morti e 600 feriti

L’Albania è stata colpita da un terremoto di magnitudo 6.5 della scala Richter.

Alle 2:54 ora locale, quando in Italia erano le 3:54, un forte sisma ha scosso la costa settentrionale del Paese, all’altezza della città di Durazzo. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) italiano e del servizio geologico statunitense Usgs, l’epicentro eta situato tra Shijak e Durazzo mentre l’ipocentro aveva una profondità di circa 15 chilometri.

Le informazioni sono ancora convulse e frammentate, ma i media albanesi parlano al momento di 13 morti e almeno 600 feriti. Per quanto riguarda le vittime, a Kurbin, a nord di Tirana, un uomo, preso dal panico, si è gettato dal balcone; a Thumana, a una quarantina di chilometri dalla capitale, due donne hanno perso la vita sotto le macerie di alcune palazzine crollate. Altri corpi senza vita sono stati rinvenuti a Durazzo; morti anche due bambini; 28 persone sono state estratte vive dalle macerie.

Vittime e dispersi

Le operazioni di soccorso proseguono senza sosta, anche se la situazione resta critica. Già, perché in Albania, oltre alla prima, sono state fin qui registrate oltre 60 scosse, e non è da escludere che possano ulteriormente aumentare provocando altri danni. Come mostrato da Syri tv, i soccorritori stanno scavando a mani nude tra le macerie a Durazzo, la città più colpita dal terremoto, e Thumana. Molte persone sono ancora intrappolate sotto il peso di numerosi edifici collassati, altre risultano disperse.

Il terremoto è stato avvertito anche in alcune regioni italiane, fra cui Puglia, Basilicata, Campania e Abruzzo. Il governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha informato così i cittadini su Twitter: “La scossa di terremoto delle ore 3.54 è stata avvertita in provincia di Bari, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto. Dalla sala della protezione civile della Regione Puglia non risultano allo stato segnalazioni di danni in Puglia".

Ricordiamo che il sisma che ha colpito l’Albania era stato preceduto lo scorso 21 settembre da un terremoto di magnitudo 5.6 che aveva danneggiato circa 500 edifici ed era stato considerato il più forte degli ultimi 30 anni. Il sisma più devastante della storia dell’Albania risale al primo giugno del 1905, quando morirono 120 persone a causa di una scossa di magnitudo 6.6.

Il premier albanese, Edi Rama, ha sottolineato su Twitter la criticità della situazione: “Si sono registrate gravi conseguenze e purtroppo abbiamo perso delle vite. Tutte le strutture dello Stato sono in piedi e si sta lavorando intensamente per salvare tutte le persone in pericolo. Bisogna stare uniti e affrontare insieme questo duro colpo. Faremo tutto il possibile e, con i nostri grandi amici al nostro fianco, riusciremo a superare anche questa situazione”.

Non risultano italiani coinvolti

Nel frattempo, ospite della trasmissione Agorà, in onda su Rai Tre, il ministro italiano degli Esteri, Luigi Di Maio, ha detto che non ci sono italiani coinvolti nella calamità naturale che ha colpito l’Albania: “Stamattina abbiamo attivato come sempre l'unità di crisi della Farnesina che sta monitorando l'eventualità che ci possano essere italiani coinvolti, ma in questo momento non risulta. Non risultano neanche segnalazioni alla nostra Centrale operativa”. Il ministro degli Affari Europei, Enzo Amendola, ha scritto su Twitter che “le immagini che arrivano da Durazzo sono devastanti. Siamo vicini ai nostri amici albanesi e pronti ad aiutarli in ogni modo”.

L'Italia ha autorizzato la partenza di uomini e mezzi per rispondere alla richiesta di soccorso avanzata dall'Albania. Lo ha annunciato il Dipartimento della Protezione Civile, che ha inviato un team composto da squadre Usar di ricerca e soccorso dei Vigili del fuoco della Toscana, squadre operative da Puglia e Cmpania, personale medico dell’Areu della regione Lombardia, ingegneri e tecnici del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco esperti nella valutazione e analisi del danno e personale del Dipartimento della Protezione Civile e della Croce Rossa italiana. Rama ha confermato su Twitter che “Il premier Conte ha inviato aerei con delle squadre speciali” in Albania.

L'Unione europea, intanto, è pronta ad aiutare l'Albania. L'Alto rappresentante dell'Ue per la politica estera e di sicurezza, Federica Mogherini, e il commissario agli aiuti umanitari e per la gestione delle crisi, Christos Stylianides, hanno lanciato un chiaro messaggio a Tirana: "Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alle persone e alle autorità del paese. L'Unione europea è solidale con l'Albania ed è pronta a offrire assistenza, anche attraverso il meccanismo di protezione civile dell'Unione. Il nostro Centro di coordinamento della risposta alle emergenze (Ercc) è stato in continuo contatto con le autorità di protezione civile dell'Albania. Rimaniamo in contatto con il governo albanese per identificare i modi migliori in cui possiamo aiutare in questo momento difficile".

Nuovo terremoto in Bosnia Erzegovina

Il peggio sembrava ormai alle spalle ma la terra è tornata a tremare, questa volta in Bosnia Erzegovina. Da quanto ha reso noto il Centro di ricerche tedesco per le geoscienze, alle 10:19 una forte scossa sismica di magnitudo 5.4 gradi della scala Richter e profondità di circa 10 chilometri è stata registrata in una zona situata a circa 70 chilometri a sud di Sarajevo. Precisamente a Blagaj, un centro che si trova nei pressi di Mostar. Per ora non si hanno notizie di danni o vittime.

Commenti
Ritratto di Fabious76

Fabious76

Mar, 26/11/2019 - 09:28

Tutta la mia vicinanza al popolo albanese.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 26/11/2019 - 09:32

Piena solidarietà. Ma, forse, le grane, non di poco conto, già ce le abbiamo in casa nostra. E nessuno, sinora, ha offerto il proprio aiuto per "sbucciarcele".

gneo58

Mar, 26/11/2019 - 09:40

io mi sono sempre chiesto, quando succedono questi disastri immani, come si fa a dire "per il momento 3-4-5 morti e "xx" feriti. Va da se' che il numero e' esageratamente piu' alto. Quindi sarebbe opportuno non quantificare inizialmente con cifre minime o irrisorie gli eventuali deceduti/feriti ma attendere stime piu' vicine alla realta'.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mar, 26/11/2019 - 10:04

Forse per gli albanesi è meglio se si arrangiano, ad Amatrice sono ancora lì con le macerie dopo anni di promesse... chissà se la boldrini e mattarella andranno da loro per pronunciare la frase passata alla storia ..."NON VI LASCEREMO SOLI"

diegom13

Mar, 26/11/2019 - 11:34

Giusto per la precisione: l'Albania non è un'ora indietro rispetto all'Italia. Il fuso orario è lo stesso dell'Italia,erano le 3.54 anche lì. E anche se fosse allineata alla Grecia sarebbe un'ora avanti, non indietro.