Jack Ma lascia Alibaba, la società di e-commerce da 420 miliardi di dollari

L’uomo più ricco della Cina si dedicherà solo alla filantropia

Alibaba Group addio, Jack Ma, il fondatore del colosso cinese, ha annunciato di voler abbandonare la sua creatura, diventata colosso dell’e-commerce. Ha spiegato la sua decisione, da quanto riportato dal New York Times, motivata dal desiderio di dedicarsi in futuro esclusivamente ad attività filantropiche. Le dimissioni saranno ufficializzate lunedì prossimo.

Ex insegnante di inglese, 54enne, ha iniziato la sua avventura dopo essere stato rifiutato ad Harward. Ha avuto la sua intuizione nel 1999, anno in cui ha pensato di fondare a Hangzhou la piattaforma di e-commerce rivolta al mercato forse più importante, quello cinese.

Servizio commerciale online attivo nel commercio elettronico, nel 2012 è riuscito a gestire 170 miliardi di dollari in vendite, somma superiore a quelle di eBay e Amazon messe insieme. Nel 2011 la compagnia di Jack Ma è stata posizionata da Forbes tra le 2mila compagnie più importanti del mondo, la Global 2000. Lo scopo del suo fondatore era quello di avvicinare produttori cinesi con distributori e acquirenti stranieri.

Alipay, parte del gruppo Alibaba, è uno dei servizi di pagamento maggiori della compagnia, praticamente una versione cinese di PayPal.

Nel 2013 The Economist dedicò al colosso la copertina, definendolo “The Alibaba Phenomenon”, il fenomeno Alibaba. Il titolo, sbarcato a Wall Street due anni fa, è oggi uno dei più quotati, rendendo la società tra le più ricche al mondo, con un valore odierno di circa 420 miliardi di dollari. Sempre nel 2013, Jack Ma si era dimesso da Ceo, lasciando il posto a Daniel Zhang, che probabilmente prenderà ora il suo posto.

E’ l’inizio di una nuova era” ha detto spiegando il suo intento di volersi dedicare ad attività filantropiche. Resterà comunque nel gruppo, come mentore.

Commenti

cgf

Sab, 08/09/2018 - 15:16

Good luck Jack