Allarme Usa sui viaggi in Italia: "Si rischia di prendere il morbillo"

Focolai di morbillo in Italia: nel 2017 già triplicati i casi di contagio. E il Dipartimento della Salute Usa lancia l'allarme per chi visita il Belpaese

I Centers for disease control and prevention (CDC), Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie del Dipartimento della Salute statunitense, hanno emesso un avviso per i cittadini americani in partenza per l'Italia a causa dei focolai di morbillo nel nostro Paese. Da qui la raccomandazione ai viaggiatori di vaccinarsi o assicurarsi di essere già vaccinati e di prendere precauzioni quali lavarsi le mani ed evitare di toccarsi bocca, naso e occhi.

Dall'inizio del 2017 in Italia sono triplicati i casi di morbillo. "Se l'escalation dovesse proseguire con questo ritmo - scrivevamo sul Giornale ai primi di marzo - alla fine dell'anno si potrebbero registrare numeri da epidemia come quella dovuta allo stesso virus che in Romania negli ultimi 5 mesi ha provocato oltre 3mila casi e la morte di 14 bambini nei primissimi mesi di vita". A causare l'impennata è la scelta di moltissimi genitori di non vaccinare i figli. In questo modo la copertura vaccinale è scesa sotto il 95% della popolazione che è considerata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità la soglia di sicurezza.

Adesso l'allarme arriva anche dagli Stati Uniti. Nelle ultime ore i Centers for disease control and prevention hanno, infatti, lanciato un'allerta analoga anche per i viaggi verso il Belgio e la Germania. "Il vaccino contro il morbillo - viene sottolineato - è particolarmente importante per i neonati di 6-11 mesi e per i bambini da un anno in su". La raccomandazione degli americani viene rivolta direttamente ai medici affinché considerino "il morbillo quando trattano pazienti con febbre e eruzioni cutanee, soprattutto se il paziente ha viaggiato di recente all'estero".

Commenti
Ritratto di stufo

stufo

Mar, 18/04/2017 - 18:58

Ma come, non sono tutti vaccinati negli USA? Se lo sono, che rischio corrono?

claudio faleri

Mar, 18/04/2017 - 19:00

è il regalo dei clandestini e dei comunisti

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 18/04/2017 - 19:12

p.s. Ho sbagliato articolo, scusate

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mar, 18/04/2017 - 19:26

C'è di peggio nel Belpaese. Intanto arrivano barconi su barconi dagli stessi paesi che abbiamo cominciato a foraggiare perché non li mandino. Magari finiscono, in parte, nelle solite tasche o in quelle delle ONG. Sono utilizzati per mandarcene di più, così spenderemo di più. 6.000 arrivi nel fine settimana di Pasqua. Un tempo si diceva pudicamente che le strutture erano al collasso. Poi ,misteriosamente e in pochi giorni, tutto era a posto. Adesso manco più quello. Già tutto organizzato e preordinato. Pure gli arrivi programmati. Quanta gente da prendere a calci in culo e da sbattere in galera.

Fjr

Mar, 18/04/2017 - 19:37

Da quando l'Italia è diventata una bomba biologica?Forse da quando ci stanno facendo invadere?

vottorio

Mar, 18/04/2017 - 19:38

ce lo devono dire gli americani, mentre da noi il silenzio più assoluto sotto la direzione "attenta" del "politically correct" delle nostre istituzioni che sono invece impegnatissime a traghettare clandestini e fare manovre finanziarie per reperire sempre più denaro per l'accoglienza aumentando, ogni giorno, la pressione fiscale sul groppone dei "sudditi italiani". ma non è solo il morbillo che ci hanno portato con la tubercolosi, la scabbia e chissà quanta altre infezioni che, debellate da tempo, erano per noi ormai sconosciute.

Maura S.

Mar, 18/04/2017 - 19:47

Da quando sono arrivati I clandestini ( non si dica migranti perché sono BALle ) il morbillo a ripreso piede in Italia. Inutile negarlo...... questo governo sta distruggendo il nostro paese. Impossibile che non se ne accorgano. Altro che rivoluzione per smuovere questi disgraziati.

giovanni951

Mar, 18/04/2017 - 19:49

come mai non ci bombardano? era una buona occasione per svuotare un pó gli arsenali ....

eras

Mar, 18/04/2017 - 19:57

E' solo un trucco della Glaxo ahahah basta allarmismo sui vaccini e le epidemie inventate.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mar, 18/04/2017 - 20:04

Da quando il morbillo è diventato un problema? I miei figli l’hanno avuto tutti e due da piccoli e l’hanno contagiato anche a me. Allora? Qual'è il problema? A me fanno molto più paura le malattie che ci portano le risorse, come la scabbia e chissà quali altre malattie di cui non ci dicono nulla.

lorenzovan

Mar, 18/04/2017 - 20:09

@clausio faleri...direei piuttosto dei babbei che non vaccinano i figli..e guarda caso sono quasi tutti destricoli

timoty martin

Mar, 18/04/2017 - 20:16

USA ha ragione, nel nostro Paese troppi non vaccinati. Colpa dei cittadini incoscenti ma anche di un governo che non hanno OBBLIGATO le vaccinazioni in tutte le regioni.

ceppo

Mar, 18/04/2017 - 21:01

autentico sfottò da parte di chi clandestini e migrazione di massa portatrici, per l'appunto, di malattie li contrasta anche con la forza pur di difendere il proprio popolo....noi invece abbiamo ancora fonzie che manovra la giostra da dietro le quinte a fin di lucro per i compari rossi

carpa1

Mar, 18/04/2017 - 22:00

Fosse solo per il morbillo!!!

FrancescaRomana...

Mar, 18/04/2017 - 22:07

Ma perché quando ero io bambina il morbillo si doveva prendere, era importante prenderlo, io l'ho preso, e nessuno si vaccinava e non c'era nessuna epidemia mortale. Tutti prendevano le malattie dell'infanzia e si formava il sistema immunitario. Cosa è cambiato ora? Bohhhhhhh (ci siamo vaccinati per altre cose, certissimo, ma non per il morbillo)

atomino

Mer, 19/04/2017 - 07:50

Il dibattito sulla vaccinazione contro il morbillo non dovrebbe essere oggetto di opinionismo. Il morbillo è un virus altamente contagioso, un soggetto può contagiare fino a 15 persone prima che compaiano i segni evidenti della malattia, le papule rosse puriginose. Inizia come un' influenza con tosse, che veicola il contagio. Le conseguenze negli adulti possono essere veramente pericolose, come encefalite o danni ai polmoni. Non è vero che è stato sconfitto anni fa, perché personalmente l' ho sperimentato nel 1991 a ventisei anni, contagiato da un commilitone ammalato in due camerate di distanza. Ci offendiamo del pragmatismo e della prudenza americana, ma dovremmo che la malattia è endemica e si ripresenta nei primi mesi di primavera. Il dibattito è sui rischi di decesso del vaccinato, che va tenuto comunque in conto.

Ritratto di Fuckingniggers

Fuckingniggers

Mer, 19/04/2017 - 07:51

Facile soluzione,no jab,no monies,praticamente,se non vaccini i piccoli non becchi alcun soldino dal governo,lo applicano in australia e anche molto bene.