Attacco hacker: Twitter, eBay e Cnn non raggiungibili per due ore

Numerosi e importanti siti internet, tra cui quelli di Twitter, Spotify, Cnn e Reddit sono rimasti inaccessibili per almeno due ore a causa dell’attacco hacker a un provider

Dagli Stati Uniti arriva la notizia di un attacco hacker di vaste proporzioni che ha colpito numerosi e importanti siti internet, tra cui Twitter, Spotify, Cnn, Reddit, Pinterest, eBay e molti altri. I siti sono rimasti inaccessibili per almeno due ore. A renderlo noto è l’hosting Dyn sul proprio sito, precisando che i blackout si sono avvertiti soprattutto sulla costa orientale Usa e non in Europa.

Il Financial Times lo definisce "un enorme cyber-attacco". Sia pure limitato a livello geografico, ha bloccato l'accesso ai siti a svariate decine di milioni di utenti, soprattutto americani. L'attacco è stato portato avanti con la tecnica Ddos ("Distributed denial of service"), mediante un numero di “chiamate” enorme che si concentrano sul medesimo serve fino a farlo "cadere".

Gli hacker sarebbero entrati in azione alle 7 ore locale (le 13 in Italia). Ancora ignoti i motivi. Dopo circa tre ore di black-out i siti sono tornati online.

Con il clima da Guerra fredda tornato a imperversare nel pianeta, è caccia ai nuovi pirati del terzo millennio: gli hacker. Possono nascondersi ovunque e portare avanti attacchi per diversi fini: politici, terroristici o interessi economici. Spesso dietro agli hacker vi sono i servizi segreti di alcuni Stati. In altri casi gli attacchi sono portati avanti sotto il "cappello" di qualche cancelleria compiacente. Poco prima di questo attacco si è parlato dell'azione, condotta (si pensa) dagli hacker cinesi, contro la portaerei Usa Ronald Reagan. L'attacco sarebbe stato sferrato per carpire alcuni segreti militari.

Alcuni mesi fa, invece, si è parlato molto dell'attacco subito dal server di posta elettronica del Dnc (Partito democratico Usa), con alcuni messaggi, pubblicati poi da Wikileaks, che hanno svelato l'ostilità del partito dell'Asinello nei confronti di Bernie Sanders, aversario di Hillary Clinton. In quel caso si era parlato, e si continua a parlare in questi giorni, della responsabilità della Russia. Che però ha sempre negato ogni addebito.

Commenti

lawless

Ven, 21/10/2016 - 19:34

tutto il mondo si diverte a prenderli per i fondelli, un minimo di riscossa potrebbe venire da trump. La Clinton è la moglie di quel Clinton che aveva perso la famosa "valigetta". Se tanto mi da tanto il declino dell'america, già cominciato, non può che continuare con effetti mondiali catastrofici

vinvince

Sab, 22/10/2016 - 08:33

Soltanto gli idioti possono pensare che importanti informazioni possono essere al riparo grazie all' informatica. Sono già stati commessi fin troppi errori per colpa dei soliti soloni ed è ora di fare marcia indietro nell'attesa di scoprire strade più sicure .