Attacco a Tunisi, arrestati complici in fuga

Francesco Caldara, Orazio Conte, Giuseppina Biella e Antonella Sesino tra le vittime della strage. Site: "L'Isis ha rivendicato l'attentato". Sostieni il reportage

Ventitre morti, almeno una cinquantina di feriti, diversi dispersi. All'indomani della strage al museo del Bardo e di una notte di manifestazione contro il terrorismo, a Tunisi è l'ora dei bilanci.

Ed è tempo di bilanci anche per l'Italia, che conta quattro vittime e almeno 13 feriti. I morti sono Francesco Caldara, 64enne pensionato di Novara, Orazio Conte, tecnico torinese che ha passato una vita sulle navi per lavoro e che per la prima volta si godeva la crociera, Giuseppina Biella, 70enne di Meda e Antonella Sesino: di entrambe si erano perse le tracce, ma oggi i loro corpi sono stati riconosciuti nell'obitorio.

Poco ancora si sa del commando armato che prima ha assalito il parlamento (che stava votando nuove leggi anti terrorismo) e poi il museo. Dei cinque terroristi che ne facevano parte, solo due (Hatem Khachnaoui e Yassine Laabidi) sono stati uccisi, mentre gli altri tre sarebbero riusciti a fuggire. Quattro persone sono state arrestate oggi dalle autorità tunisine. Tra di loro ci sarebbe anche la sorella di Khachnaoui. I due terroristi uccisi indossavano abiti civili e sneakers di marca. Uno dei due era già noto dalla polizia e seguito dai servizi segreti. Secondo il ministro degli Interni tunisino Najem Gharsalli i terroristi avevano "cinture esplosive" e di armi "molto avanzate".

Difficile, per ora, sapere chi ci sia dietro: l’Isis ha esultato per l'attacco, ma non c'è stata ancora una vera rivendicazione. Secondo Site, però, oggi il Califfato avrebbe rivendicato la responsabilità dell’attentato.Nella rivendicazione l’Isis nomina due attentatori, Abu Zakarya al-Tunisi e Abu Anas al-Tunisi. Inoltre un account Twitter legato allo Stato islamico ha pubblicato la foto di una delle vittime italiane scrivendo: "Questo crociato è stato schiacciato dai leoni del monoteismo".

Commenti

maricap

Gio, 19/03/2015 - 14:08

"Seguito dai servizi segreti" Ahahahahah. Basta con i giudici rossi,che possono e indagano l'operato dei servizi segreti, (Caso Abu Omar) Sia lasciata carta bianca ad essi. Terrorista o fiancheggiatore trovato, terrorista e fiancheggiatore morto, beninteso dopo averlo fatto cantare come un cardellino. Insomma contro di loro, vanno usati i loro stessi metodi. Ne va della nostra sicurezza o pelle , che dir si voglia.

Ritratto di gianky53

gianky53

Gio, 19/03/2015 - 14:43

Concordo con maricap. I giudici devono stare alla larga dai servizi segreti. Non abbiamo bisogno di altre fregnacce come la vicenda Abu Omar, vero Spataro? Possibile che noi dobbiamo conoscere i nomi di centinaia di magistrati, quando non ne dovremmo conoscere nemmeno uno?

Cirilla

Gio, 19/03/2015 - 14:44

Cirilla L'unico che ha capito l'antifòna è Magdi Allam.Ci vorrebbe il nostro esercito che però è intenzionalmente dimenticato a fare da badante in Afganistan e anche altrove...quello che abbiamo in casa non sono difensori della Patria ma i nostri assassini addestrati a uccidere magari dal povero TONTO Parolisi che se fiata gli ammazzano anche la figlia. NON PUBBLICABILE!!!

Ernestinho

Gio, 19/03/2015 - 15:33

I terroristi dateli in pasto ai maiali, loro simili! Altro che allah!

Ernestinho

Gio, 19/03/2015 - 15:36

Questi vigliacchi soo capaci di ammazzare persone innocenti ed inermi! Ma verrà la loro ora!

veromario

Gio, 19/03/2015 - 15:45

non capisco cosa significa SCOMPARSI non è un naufragio, dove sono andati a finire?

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 19/03/2015 - 17:32

Un pensiero mi ritorna continuamente in mente: Le nostre Forze dell'Ordine sarebbero in grado di fare quello che la Polizia tunisina è riuscita a fare in quegli attimi tanto concitati e convulsi? Io non credo, e non per la loro incapacità, ma per la certezza che l'indomani sarebbero condannati per omicidio dalla nostra magistratura e quindi frenati da certi comportamenti inconsulti giudiziari che ben conosciamo.

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 19/03/2015 - 17:45

La procura di Roma ha aperto una inchiesta...ah! ah! ah! Contro i delinquenti dell'isis?

Anonimo (non verificato)

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 19/03/2015 - 19:42

Speriamo non chiedano l'estradizione di quello che hanno preso altrimenti dopo due giorni e' ai domiciliari.

freud1970

Gio, 19/03/2015 - 20:23

Io credo, caro Renzi , che e' giunto il momento di tirare fuori gli attributi, basta chiacchere, siamo attaccati, difendiamoci con tutti i mezzi possibili.

Ritratto di Idiris

Idiris

Gio, 19/03/2015 - 21:11

Le mie condoglianze ai familiari delle vittime. A me dispiace molto tutta questa violenza.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 26/06/2015 - 18:41

ma cosa mai dice Gianki???? le toghe rosse hanno assolutamente ragione: questi terroristi non sono terroristi ma nobili portatori di primavere e pertanto il vero mondo li vuole liberi di portare pace e primavere ovunque necessario: lo stesso alfano ne è oramai convinto e presto lui stesso come sicuramente anche la signora Boldrini, sarà lieto di ospitarne qualcuno a casa sua: primavera sia dunque non solo in africa ed in medio oriente ma anche in francia ed in italia