Boeri: "L'aumento dello spread danneggia i pensionati"

Il presidente dell'Inps critica la riforma della legge Fornero: "Non è aumentando la spesa pensionistica che si può far crescere l’economia del nostro paese, è esattamente il contrario"

Il presidente dell'Inps, Stefano Boeri, a Venezia per un evento organizzato in occasione dei 120 anni dell’Istituto di previdenza critica la manovra del governo. "Non è aumentando la spesa pensionistica che si può far crescere l’economia del nostro paese, è esattamente il contrario".

Poi fa una riflessione soffermandosi sull’aumento dello spread: "Porta alla riduzione dei rendimenti di molti fondi pensione e ciò significa pensioni minori per molti lavoratori e in prospettiva quindi una situazione di maggiore difficoltà per la crescita con minori possibilità di finanziamenti e liquidità per le imprese". E ancora: "Se si tratta di tutelare il potere di acquisto dei pensionati e rafforzare la loro posizione bisogna pensare a misure di crescita che diano maggiore importanza al lavoro e all’aumento della produttività".

Critiche anche sul reddito di cittadinanza. "Trasferire risorse da chi lavora a chi non lavora è un percorso sbagliato. Ci vuole più lavoro il che significa pensioni più alte. Il percorso è quello di alleggerire gli oneri su chi lavora che è un percorso di successo - ha spiegato - muoversi nella direzione opposta triplicando l’afflusso di chi va in pensione e di chi non lavora significa colpire la fiscalità generale. Tutto ciò aumenta la spesa generale e diminuisce i contributi. Poi non è detto che per uno che va in pensione - ha infine concluso - un’altro entri nel mondo del lavoro, e comunque questo avrà un reddito basso con di riflesso una minore contribuzione. La storia insegna che più prepensionamenti significa più disoccupazione giovanile. Un esempio? Il settore pubblico: chi uscirà, almeno nel breve, non verrà sostituito".

Commenti

Giorgio5819

Gio, 04/10/2018 - 15:10

Smettete di dare spazio a questo straziante figuro... grazie.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 04/10/2018 - 15:10

Boeri dice delle tali fesserie che dovrebbe essere rimosso dall'INPS non per le sue idee politiche ma per imbecillità.

il corsaro nero

Gio, 04/10/2018 - 15:12

Quando invece aumentava con i governi PD li aiutava forse?

Happy1937

Gio, 04/10/2018 - 15:12

E`vero, ma chi ha il coraggio di parlare!

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 04/10/2018 - 15:20

"Trasferire risorse da chi lavora a chi non lavora è un percorso sbagliato"... LO VADA A DIRE AI GIUDICI DI CASSAZIONE CON LA SENTENZA SUI CLANDESTINI!

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 04/10/2018 - 15:27

a breve si faccia un controllo sulle spese del'inps! questo signore è troppo impaurito dal nuovo governo, a me sembra che ha una grossa rogna da grattarsi!

John Black

Gio, 04/10/2018 - 15:44

Non mi pare abbia detto sciocchezze.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 04/10/2018 - 16:16

Dai è in altro con la scadenza sul cartellino. A marzo, raus, piazza pulita.

paolinopierino

Gio, 04/10/2018 - 16:26

Boeri il duo di personaggi che governano l paese hanno promesso che ci penseranno loro Il primo O giggino il bibitaro del San Paolo concederà redditi di cittadinanza a cani , pochi,e porci, molti oltre alle pensioni a chi non ha mai versato contributi. Il secondo detto o bovaro ha promesso la flat tax a tutti parte dai ricchi ma poi molto poi la concederà pure ai lavoratori dipendenti ed ai pensionati Allora si che questi ultimi recupereranno quanto perduto e perderanno cosi recupereranno quanto gli toglie questa tassa immonda che è lo spread Scommettiamo che andremo tutti in malora e i poveri in miseria nera?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 05/10/2018 - 11:58

Il direttore dell'Inps non deve fare politica, ma quel che é paggio e che la fa contro il Governo. Dunque l'insubordinato Boeri deve essere licenziato. Qualora come sembra dovessero emergere delle irregolarità amministrative, tipo contributi di uno accreditati a un altro che é suo amico o del suo partito, il faccendiere non solo deve essere licenziato, bensî incarcerato ed espropriato.