Brasile, respinto ricorso del governo. Rousseff a un passo da impeachment

La Suprema Corte del Brasile ha rigettato la richiesta del governo di sospendere il processo di impeachment contro la presidente Dilma Rousseff

La Suprema Corte del Brasile ha rigettato la richiesta del governo di sospendere il processo di impeachment contro la presidente Dilma Rousseff. La decisione è stata presa a maggioranza. La Camera dei deputati brasiliana deve votare ora per "passare" il processo di impeachment al Senato. Rousseff è accusata di aver violato le leggi di bilancio utilizzando prestiti dalle banche di Stato per mascherare le dimensioni del deficit. Rousseff ha respinto le accuse. Di fronte al ricorso presentato dal procuratore generale Josè Eduardo Cardozo, che chiedeva un equo trattamento per la Rousseff, i supremi giudici hanno ritenuto che il capo di Stato abbia avuto l'opportunità di preparare la sua difesa. Con il via libera della Corte Suprema, la prossima tappa sarà il voto fissato per domenica alla Camera. Se i due terzi dei deputati voteranno a favore della procedura di impeachment, e il Senato farà poi altrettanto con maggioranza semplice, Rousseff sarà sospesa per 180 giorni e non potrà inaugurare i giochi olimpici di Rio. Durante la sospensione, mentre le accuse contro la Rousseff verranno esaminate legalmente, sarà il vice presidente Michel Temer ad assumere le funzioni di presidente. In ottobre il Senato potrà decidere, con la maggioranza dei due terzi, di destituire la presidente. In questo caso Temer rimarrà alla guida del Brasile fino al 2018. L'originale coalizione di governo si è spaccata e la rottura di Temer con la Rousseff rende più facile il raggiungimento della soglia dei 342 voti favorevoli all'impeachment, su 513, al voto di domenica. Tuttavia in Brasile non ci è una tradizione di forte disciplina di partito e non è escluso che alcuni deputati dell'opposizione accettino di schierarsi con il governo.

Commenti
Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Ven, 15/04/2016 - 13:26

un'altra banda di comunisti al potere !

Libertà75

Ven, 15/04/2016 - 13:57

Pensare che più o meno fecero uguale quasi tutti i capi di governo in Europa per rispettare i parametri di Mastricht e partire con l'unione monetaria.

Altaj

Ven, 15/04/2016 - 14:05

Quando il ladrocinio si veste da "progressista".

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 15/04/2016 - 14:52

Beneeeee, in galera tutti sti komunisti arraffoni e ladroni.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 15/04/2016 - 18:15

ma guarda un po' questi comunistelli.

raffa910

Ven, 15/04/2016 - 18:30

Questo è un colpo di stato giudiziario come lo fu quello di Mani pulite per spazzare via una classe politica che dava fastidio. A chi? Ai soliti cugini oltre oceano