Cameron: "La Gran Bretagna bombardi insieme alla Francia"

Il premier David Cameron, nel corso della conferenza stampa congiunta con il presidente francese François Hollande a Parigi, si è detto convinto che il Regno Unito debba compiere raid aerei in Siria a fianco di Francia e altri partner per sconfiggere lo Stato islamico

Il premier David Cameron, nel corso della conferenza stampa congiunta con il presidente francese François Hollande a Parigi, si è detto convinto che il Regno Unito debba compiere raid aerei in Siria a fianco di Francia e altri partner per sconfiggere lo Stato islamico. "Questa settimana presenterò in Parlamento la nostra strategia comprensiva per affrontare l'Isil", ha detto Cameron. Il premier britannico ha anche detto che rafforzerà gli sforzi per la condivisione di intelligence con Francia e altri partner europei. Cameron, ha annunciato che il suo Paese mette a disposizione della Francia una base militare britannica a Cipro per rafforzare la lotta contro l’Isis.

Dopo l’incontro all’Eliseo con il presidente francese, Francois Hollande, Cameron ha assicurato che il Regno Unito "farà il possibile" per aiutare la Francia, convinto che la minaccia è "comune" e che il suo Paese debba intervenire in Siria e ha anticipato che questa settimana presenterà al Parlamento il suo piano d’azione. Intanto il premier britannico e il presidente Hollande si sono recati al Bataclan, uno dei locali bersaglio degli attacchi terroristici che il 13 novembre hanno fatto 130 morti a Parigi. Il capo di stato francese ed il premier britannico hanno depositato ognuno una rosa sul luogo in omaggio alle vittime degli attacchi, prima di dirigersi verso l’Eliseo dove è in programma un colloquio sulla lotta contro il terrorismo e la crisi siriana.

Commenti

Duka

Lun, 23/11/2015 - 11:04

MA CHE SCEMENZA!!! Davvero questa è classe dirigente? Come si fa a non capire che le bombe uccidono molti più innocenti che nemici, quindi che i superstiti si trasformeranno in nemici anche più pericolosi? Povera Europa nelle mani di super idioti.

fcf

Lun, 23/11/2015 - 11:19

Duka preferisce permettere ai delinquenti islamici di continuare ad ammazzare ,distruggere, e imbarbarire i Paesi in cui operano e in casa nostra. P.S. Dove sono finiti i militari tedeschi ?

Requiem sharmutta

Lun, 23/11/2015 - 11:30

Pare che i Grandi comincino a parlare di spartire Siria ed Iraq in quattro nuove Nazioni: sunnita, scita, alawita, curda. Eureka!! finalmente ci sono arrivati anche loro, leaders ignoranti e pericolosi. Ignoranti perchè non conoscono i problemi arabi, pericolosi perchè con il loro vizietto di bombardare sempre ed ovunque creano le basi per l'odio (arabo) e la vendetta (araba) ossia terrore. E' da molto tempo che sto dicendo che gli iracheni-sciti (che al tempo di Saddam avevano il Potere in Iraq ed ora sono perseguitati dagli iracheni-sciti) devono avere una loro Nazione altrimenti devono necessariamente lottare per sopravvivere, lotta che poi attira i malvagi di ogni nazionalità e si trasforma da lotta per auto-protezione in orrore (ISIS). Quindi, spero che i Grandi-idioti si sbrighino a creare queste quattro nuove Nazioni in maniera da far cessare il terrorismo ISIS.

Requiem sharmutta

Lun, 23/11/2015 - 11:53

errata corrige. Pare che i Grandi comincino a parlare di spartire Siria ed Iraq in quattro nuove Nazioni: sunnita, scita, alawita, curda. Eureka!! finalmente ci sono arrivati anche loro, leaders ignoranti e pericolosi. Ignoranti perchè non conoscono i problemi arabi, pericolosi perchè con il loro vizietto di bombardare sempre ed ovunque creano le basi per l'odio (arabo) e la vendetta (araba). E' da molto tempo che sto dicendo che gli iracheni-sunniti (che al tempo di Saddam avevano il Potere in Iraq ed ora sono perseguitati dagli iracheni-sciti) devono avere una loro Nazione altrimenti devono necessariamente lottare per difendere la propria etnìa, lotta che poi attira i malvagi di ogni nazionalità e si trasforma da lotta per auto-protezione in orrore (ISIS). Quindi, spero che i Grandi-idioti si sbrighino a creare queste quattro nuove Nazioni in maniera da far cessare il terrorismo ISIS.

Ritratto di ..Cassandra...

..Cassandra...

Lun, 23/11/2015 - 12:14

prima li addestrano e li armano e poi li bombardano, le LOBBY DELLE ARMI incassano, un business da miliardi di dollari fatto sulla pelle di migliaia di innocenti

Un idealista

Lun, 23/11/2015 - 12:20

Il minimo che si deve fare per combattere il terrorismo islamico è di annientare l'Isis. Allora, forse, i musulmani torneranno ad essere di più miti atteggiamenti e non saranno più pretenziosi come sono diventati in questi tempi.

Holmert

Lun, 23/11/2015 - 12:25

Questi due hanno truppe scelte, che in meno di un mese, con l'appoggio aereo, darebbero all'ISIS un lezione da ricordare. La Francia ha la legione straniera, dotata di armi e mezzi modernissimi. L'Inghilterra ha i topi del deserto ed i gurka capaci di tagliare teste alla maniera dell'ISIS, addestrati a muoversi nell'oscurità come fantasmi. Chi li trattiene? Sono soldati gli uni e gli altri pronti per missioni impossibili,la guerra è il loro mestiere. Cosa aspettano Hollande e Cameron? L'aviazione fa danni, ma da sola non ha sconfitto mai nessuno.

cangurino

Lun, 23/11/2015 - 13:42

@Cassandra ed Holmert, anche io sono convinto che non ci sia volontà di risolvere il problema, ossia mettere gli scarponi al suolo come fa la Russia e come potrebbero fare, volendolo. I leader occidentali sembrano preferire spendere pubblico denaro con bombardamenti che, talvolta, oltre ai civili (grande pubblicità per l'ISIS che sposta molti musulmani moderati verso una visione più "coranica"), colpiscono anche gli ospedali!!!! Non è possibile che siano così imbecilli da favorire inconsapevolmente l'ISIS, deve essere una precisa strategia autolesionistica pro meticciato e multiculturalismo buonista.

Luigi Farinelli

Lun, 23/11/2015 - 13:44

Prima distruggono la porta della stalla con le bombe poi, con i "buoi" scappati e felici, vogliono buttare giù la stalla, sempre con le bombe. Se la seconda iniziativa ci può pure stare, la prima è indice di quanto l'Occidente sia manovrato da politicanti elevati al loro livello dalla massoneria per far fare loro esattamente quello che hanno fatto e continuano a fare: la distruzione della civiltà occidentale, nata sulle solide basi della Grecia, di Roma e del cristianesimo; cristianesimo che costruì la grandezza europea proprio in quel Medio Evo tanto osteggiato dai moderni costruttori di "Repubbliche Universale" e "uomini nuovi" ultralaicisti che stanno affossando la nostra civiltà, con torme di cittadini ormai ebeti, lobotomizzati dalle campagne di lavaggio del cervello orchestrate con una larghezza di mezzi terrificante.

Duka

Lun, 23/11/2015 - 14:11

x fcf- Non è questo il punto, NON si gettano bombe a casaccio per annientare un nemico si utilizzano gli eserciti di terra. Sappiamo bene come sono le bombe "chirurgiche" -

Libero1

Lun, 23/11/2015 - 14:15

Dopo quattro anni si e'riformata la triade guerrafondai franco-anglo-americana cameron-holland-obama.Questa volta il vero scopo non sono come vogliono farci credere i tagliagola, ma Assad. Assisteremo allo stesso giochino del gatto e' il topo come nel 2011 quando fecero bombardare a tappeto la Libia per uccidere lo scomodo Ghaddafy per prendersi il gas-petrolio libico.Ora lo scopo e' far fuori lo scomodo presidente siriano Assad.Ma questa volta a rompergli le uova nel paniere potrebbe essere la presenza in Siria della Russia dell'odiato Putin.

idleproc

Lun, 23/11/2015 - 14:56

Libero1. Concordo, tranne sul fatto che sono un po' dipiù di quattro anni. Ormai lo sanno tutti ma fanno finta di niente contando sulla propaganda e il lavaggio del cervello di massa. Coi piddini rimasti non hanno problemi, nascono già preconfigurati come sheeple.

lamwolf

Lun, 23/11/2015 - 15:17

Speriamo in loro e a Putin. Noi con Renzi solo parole, aggettivazioni, frasi di circostanza. Oggi con i grandi capi di governo mondiale e europei con la Pinotti si decide di fare sul serio e il giorno dopo rientrati in Italia si rimangiano le parole.

beale

Lun, 23/11/2015 - 15:26

Generalmente si parla di essi con un termine che indica coppia.

Libertà75

Lun, 23/11/2015 - 16:37

@requiem, peccato che in Siria non ci sia mai stata una persecuzione per motivi religiosi, tanto è che si professa pure il cristianesimo e l'ebraismo

glasnost

Lun, 23/11/2015 - 17:40

Quei due e gli americani di Obama non faranno altro che rumore e propaganda. Li abbiamo già visti all'opera, dall'IRAQ,alla Libia al nordafrica. Per battere i terroristi dell'ISIS ci vuole ben altro ci può riuscire soltanto Putin.