"Queste città spariranno: il mare le sommergerà"

Un'organizzazione americana lancia l'allarme clima indicando: ecco quali metropoli mondiali rischiano di finire come Atlantide

E se vi dicessimo che Londra, New York, Shanghai, Hong Kong, Calcutta, Mumbai, Dhaka, Jakarta, Hanoi, Rio de Janeiro. Ma anche Napoli, Pisa, Ravenna e Venezia fossero tutte già condannate? A dirlo è un recente studio realizzato da un'organizzazione americana Climate Central.

Se non si farà nulla per arrestare il riscaldamento molte città famose ed amate, saranno parzialmente sommerse a causa dell'innalzamento del livello del mare entro un secolo o più. Infatti, la proiezione dei dati fatta dagli esperti con i numeri di emissioni attuali se non arrestati, o almeno contenuti, causerebbero un aumento della temperatura globale di 4 gradi centigradi. Questo porterebbe a disastri climatici e meteo, oltre che lo scioglimento dei ghiacci e il conseguente inghiottimento di terre emerse abitate da 470-760 milioni di persone.

L'Italia vedrebbe la sua popolazioni tagliata di 4.7 milioni di persone, l'8% totalte dell'intera popolazione della penisola. Per fare degli esempi pratici, Napoli sarebbe completamente sommersa, come accadrebbe anche a Pisa e Venezia.

Evitare in modo totale l'aumento del livello delle acque è impossibile. Gli ambientalisti sperano di limitare l'incremento della temperatura a 1,5 gradi rispetto ai livelli preindustriali. Però, come spiega lo studio, è possibile, con un'ambiziosa politica climatica combattere l'innalzamento dei mari. Secondo gli scienziati, le misure che saranno discusse alla conferenza sul clima di Parigi non centrereanno gli obiettivi preposti anzi, porterenno a un aumento della temperatura planetaria di 2,7 gradi. Inoltre come spiega il climatologo della Cattolica di Lovanio in Belgio, Jean-Pascal van Ypersele "Anche qualora riuscissimo a limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi il livello del mare continuerebbe comunque ad aumentare di oltre 4 metri, nel lungo termine".

Lo studio ha ispirato Bickolay Lamm cha ha realizzato un render davvero impressionante degli effetti che potrebbe avere il mare sulle metropoli del mondo.

Commenti

obiettore

Mer, 11/11/2015 - 12:57

Crepassero tutti, questi sparacazzate catastrofisti lautamente strapagati da un sistema marcio.

Ritratto di giorgiogavi

giorgiogavi

Mer, 11/11/2015 - 13:04

Ci sono sempre previsioni catastrofiche a questo proposito. Mai che si propongano soluzioni intelligenti . Per ovviare al problema basterebbe deviare il surplus di acqua , man mano che arriva, in appositi condotte e creare un nuovo mare in zone desetiche, per esempio il sahara. Cio crerebbe un nuovo continente e muilioni di nuovi posti di lavoro. Non tuto il male verrebbbe per nuocere

mborrielli

Mer, 11/11/2015 - 13:04

Cavolate, fino a qualche anno fa andavamo incontro ad una nuova glaciazione, adesso andiamo incontro ad una bella abbrustolita...

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Mer, 11/11/2015 - 13:13

Con un po' di ottimismo si potrebbe dire che il futuro è nei cantieri nautici.

alox

Mer, 11/11/2015 - 13:20

Ci pensa Putler a mettere a posto gli Oceani....ma in Russia non vanno a scuola?

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 11/11/2015 - 13:27

Fra 100 anni? Beh..... posso ancora dormire tranquillo.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 11/11/2015 - 13:39

Fra 100 anni andremo a vivere in collina.

redy_t

Mer, 11/11/2015 - 13:41

Ormai a queste previsioni catastrofiste non ci crede più nessuno.Anche perchè negli anni addietro ce ne sono state molte altre puntualmente smentite.In particolare ne ricordo una degli anni '70 dove si diceva che andando avanti così il petrolio si sarebbe esaurito nel 2004(balla), il deserto sarebbe avanzato (altra balla: non vedo cammelli in piazza Duomo a Milano) e saremmo morti tutti abbrustoliti dal sole (ultra balla).

Blueray

Mer, 11/11/2015 - 13:54

Semplice, basta convertire il posto auto in posto barca!

bengaltiger

Mer, 11/11/2015 - 13:55

La popolazione dell'Italia tagliata di 4.7 milioni?? Perchè, quelli rimangono lì ad aspettare che l'acqua salga per annegare? hahahahaaaaaaa!!!!!!

Ritratto di stufo

stufo

Mer, 11/11/2015 - 13:58

Egregio giorgiogavi, troppo sensata la sua proposta per essere compresa dagli idioti che governano il pianeta.

agosvac

Mer, 11/11/2015 - 13:58

La cosa alquanto comica in tutte queste previsioni catastrofiche è che sono previste a distanza di tanti di quegli anni che gli scienziati che le hanno previste non ci saranno più, né ci saranno gli attuali abitanti del mondo. La geologia ci insegna che la nostra terra attraversa regolarmente periodi di grande caldo e periodi di grande freddo. L'influenza dell'uomo in questi cicli è del tutto relativa. Per dirne una: basterebbe lo scoppio di una delle tante caldere attive a tutt'oggi, per esempio quella di Yellowstone nell'America del nord, per innescare un'era glaciale in pochissimi mesi o, addirittura giorni. Che c'entra l'uomo????? Sì, è vero , le emissioni nocive fanno male alla salute, ma che possano cambiare la natura è del tutto improbabile. A cambiare la natura ci pensa e ci penserà sempre la stessa Natura sia che l'uomo lo voglia sia che non lo voglia.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 11/11/2015 - 14:25

@agosvac, sostanzialmente, concordo con lei.

Ettore41

Mer, 11/11/2015 - 14:35

Finalmente una buona notizia. Napoli sparirebbe.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Mer, 11/11/2015 - 14:37

Ma cosa potremmo mai fare noi , formichine invisibili sul pianeta? Al massimo i nostri posteri si arrangeranno (se tutto quanto previsto avverrà)costruendo palafitte nelle zone allagate che non si vorranno perdere. Se no avverranno migrazioni di popolazioni verso le terre ancora emerse e non ancora popolate.

gneo58

Mer, 11/11/2015 - 14:38

per MBORIELLI - si documenti bene prima di scrivere qualcosa si, stiamo andando verso un'era glaciale, va da se' preceduta dal surriscaldamento globale - si legga qualcosa (e magari veda di approfondire che e' sempre meglio) circa la corrente termoalina (oceanica)restera' sorpreso - poi magari ci vorranno tanti di quegli anni che noi e i nostri figli non vedremo niente di tutto questo o magari prima salteremo in aria tutti per altri motivi. saluti

little hawks

Mer, 11/11/2015 - 14:39

Se poi risulterà che questo aumento di temperatura è dovuto ad anomalie periodiche del sole, potremo prendere i catastrofisti e metterli tutti in galera?

polonio210

Mer, 11/11/2015 - 14:44

E,mentre queste città verranno sommerse,arriverà un asteroide che colpirà il pianeta seguito,immediatamente,dall'eruzione di 2 o 3 supervulcani accompagnati dalla desertificazione globale in un emisfero mentre nell'altro arriverà un freddo glaciale tipo inverno nucleare.Si seccheranno le sorgenti d'acqua.I terremoti ridisegneranno la geografia planetaria e gli esseri umani ridotti alla fame si divoreranno tra di loro.Ma la catastrofe maggiore è quella perpetrata dai soliti profeti di sventure che non ne azzeccano MAI una.

roberto.morici

Mer, 11/11/2015 - 14:48

Nella seconda metà degli anni 70 dello scorso scolo un serio studio, finaziato dalla Banca di Roma se ricordo bene, prevedeva che il Mar Mediterraneo sarebbe diventato una pozzanghera melmosa verso il 2012.

Ritratto di ermetere

ermetere

Mer, 11/11/2015 - 14:48

@redy_t: Concordo, con un dubbio. Cammelli non se ne vedono, ma cammellieri in Piazza Duomo a Milano, ve ne sono anche troppi, come dimostrano le notizie di questi giorni... ;-)

Tuthankamon

Mer, 11/11/2015 - 14:53

Quando un certo indottrinamento culturale era già in atto, anni (19)60 e 70, a scuola ci raccontavano cose del genere. Inutile dire che se fosse stato vero metà di quelle minc....e, non saremmo qui. Io credo che la natura abbia i suoi cicli ed eventi catastrofici contro i quali poco possiamo e ai quali l'uomo contribuisce in maniera quasi nulla. Non ci credo. Possiamo solo prendere misure di contenimento per quanto possibile umanamente. In ogni caso, vedendo quello che avviene per circa nove decimi dell'umanità, possiamo fare ben poco. Proviamo a dirlo a certe popolazioni e ... al califfo: vi ridono in faccia e dicono inshallah! Questo detto, non possiamo esimerci dal cercare di fare del nostro meglio dove viviamo.

Ritratto di scappato

scappato

Mer, 11/11/2015 - 15:34

Dunque nel 2115 a Napoli si risolverà il problema delle immondizie. Meglio tardi che mai.

rino biricchino

Mer, 11/11/2015 - 15:37

Invece di dare le solite risposte da deficienti (tipo: "sti cxxxi tanto tra 100 anni non ci sarò", oppure " a morte i catastrofisti e complottisti che non ne xxxeccano mai una" e roba simile) sarebbe il caso di capire che le cosiddette "catastrofi" non avvengono dall'oggi al domani, in maniera visibile, ma avvengono piano piano, nel corso di decine di anni. Faccio un esempio molto banale: anche se ci viviamo e quindi ne siamo visivamente assuefatti, chi è che avrebbe la faccia come il culo di dire che oggi i mari, i fiumi, le terre, perfino l'aria che respiriamo, sono puliti esattamente come lo erano 50 anni fa? E' evidente dunque, che il comportamento dell'uomo influisce e come sulla qualità dell'ambiente. Dunque, vediamo di preoccuparci di vivere più civilmente, responsabilmente, applicando scelte sostenibili ove possibile, senza fare troppi discorsi cxxxxxi o menefreghisti. Poi, ma solo poi, che la natura faccia il suo corso come ha sempre fatto.

pietrom

Mer, 11/11/2015 - 15:41

Le organizzazioni ambientaliste sono tra le responsabili del cambiamento climatico, sono colpevoli tanto quanto i governi e le industrie petrolifere! Perche'? Hanno convinto i politici a spendere quantità assurde di soldi nelle rinnovabili, hanno favorito indirettamente il carbone, e hanno messo in cattiva luce l'unica fonte che non emette gas e che quantitativamente poteva coprire buona parte della domanda: il nucleare. E questi ignoranti si permettono ancora di dettare le politiche energetiche per il futuro!

baio57

Mer, 11/11/2015 - 16:04

Il PCM (periodo caldo medievale) testimonia che questi fatti sono già accaduti nelle varie ere.Dal IX al XIV secolo si ebbe un surriscaldamento anomalo in tutto il Nord Atlantico e Nord America,tant'è che fu proprio in quei periodi relativamente miti, che i Vichinghi colonizzarono la Groenlandia. In Alaska si ebbero addirittura tre periodi "caldi" che si riconducono dall'anno 1 al 300 ,dal 850 al 1250 e dopo il 1800. Dopo questi fenomeni eccezzionali le temperature si sono sempre stabilizzate nella norma ,addirittura ci furono "piccole ere glaciali" tra l'anno 1600 ed il 1800 ,che colpì tutta l'Europa centro settentrionale .Sempre da studi effettuati da scienziati indipendenti "non allineati alla liturgia del pensiero unico" la temperatura di alcune zone dell'Oceano Atlantico intorno l'anno 1000 era più alta di 1,4 gradi rispetto ad oggi.

Mechwarrior

Mer, 11/11/2015 - 16:18

Volete evitare catastrofi create dall'uomo? eliminate 3/4 della popolazione. siete contenti ambientalisti?

Cornacchia01

Mer, 11/11/2015 - 16:19

Sostenere che il rialzo della temperatura media terrestre faccia alzare il livello dei mari è una bufala COLOSSALE. Il ghiaccio che si scioglie è esattamente uguale al volume dell'acqua che sposta. Caso mai per effetto della maggiore evaporazione il livello dell'acqua potrebbe scendere.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mer, 11/11/2015 - 16:19

roberto.morici ..... behh almeno nel tuo caso gli studiosi avevano ragione ... il mediterraneo infatti è diventato una pozzanghera melmosa

Rainulfo

Mer, 11/11/2015 - 16:23

un invito al ragionamento: Napoli completamente sommersa? considerando che il quartiere del vomero, posillipo e san manrtino stanno a qualche centinaio di metri sul l.m. vorrebbe dire che non ce ne sarebbe per nessuno.... ma che fandonia è questa?

Rainulfo

Mer, 11/11/2015 - 16:25

@ettore..... tu sei già sommerso.... e non ti dico di cosa

bruno.amoroso

Mer, 11/11/2015 - 16:31

peccato che milano sia così in alto

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 11/11/2015 - 16:39

INOLTRE LE MARMOTTE INCARTERANNO LA CIOCCOLATA DELLA MUCCA LILLA. INVECE DI STUDIARE I CAMPI MAGNETICI MULTIFASICI E LA FUSIONE NUCLEARE, LA NANOCHIRURGIA E LA RIGENERAZIONE CELLULARE STAMINALE SI PERDE TEMPO CON QUESTE IDIOZIE

pietrom

Mer, 11/11/2015 - 16:56

@Cornacchia01: "Il ghiaccio che si scioglie è esattamente uguale al volume dell'acqua che sposta". Questo e' vero se il ghiaccio galleggia, cioe' se misuro il livello dell'acqua con dentro il ghiaccio e poi con il ghiaccio sciolto, il livello e' lo stesso. Ma non e' cosi' se aggiungo altro ghiaccio (che si scioglierà) dopo la misurazione. I ghiacciai sulle montagne e l'Antartide ne sono due esempi. Quest'ultimo, se dovesse sciogliersi completamente, comporterebbe un aumento del livello dei mari di 70 metri.

vince50

Mer, 11/11/2015 - 17:04

Tranquilli,si tratta dei soliti catastrofismi ripetitivi e mirati.Ci sono di mezzo gli ambientalisti quindi soluzione semplicissima,basta che ricevano lauti finanziamenti e tutto magicamente sarà ok.

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Mer, 11/11/2015 - 17:18

Qualcuno ricorda qualche romanzo o qualche film di fantascienza degli anni '50? Un futuro (oggi già passato) di catastrofi o di mirabolanti invenzioni, in società ed ambienti sempre più simili ad alveari. A me pare che la vita scorra sempre allo stesso modo: le auto non volano, i cieli sono sempre azzurri e la pioggia sempre meno acida. Ci alziamo ogni mattina per andare a lavorare, magari con l'aiuto di una calcolatrice elettronica e non meccanica, quello sì. Una canzoncina del 1959 riassumeva tutto in poche parole: “Nel duemila noi non mangeremo più, né bistecche, né spaghetti col ragù, prenderemo quattro pillole e con gran semplicità la fame sparirà”. Purtroppo per gli affamati e per fortuna per i buongustai, previsione errata!

Ritratto di alejob

alejob

Mer, 11/11/2015 - 17:28

Non dovete dire niente perchè è tutto vero. La veggente WANDA queste cose la ha dette ancora negli anni SETTANTA. Città Americane, Inglesi e metà Italia, spariranno inghiottite dall'Acqua. Dobbiamo solo aspettare.

Luigi Farinelli

Mer, 11/11/2015 - 17:32

Ma come? Londra non doveva finire "sotto 20 metri d'acqua" già prima del 2000? E l'Italia? Non era stato consigliato di coltivare palme da datteri perché la desertificazione stava avanzando (naturalmente "per colpa dell'effetto serra da CO2, del buco nell'ozono, dei cambiamenti climatici dovuti all'uomo" che deve quindi essere sterminato, nei ventri materni, durante le guerre e le "primavere" inventate a tavolino, pur di non fare la bua a Gaia -il pianeta terra infestato dal parassita umano", secondo il "premio Nobel" Al Gore?) E l'ecologista che diceva di tirare lo sciacquone solo una volta al giorno e che le mutande, per risparmiare acqua, potevano essere indossate per una settimana? (la racconti ai Genovesi, fra un alluvione e l'altro!) E la truffa degli ecologisti dell'Università dell'Anglia", scoperti a dire: "Stanno sgamando che li stiamo prendendo per il c..o, cambiamo i dati, tanto c'è chi pensa a lavare il cervello della gente"!

Luigi Farinelli

Mer, 11/11/2015 - 17:40

Nell'emisfero australe si passa da un record del freddo all'altro, altro che "effetto serra" e "eccesso di CO2"! Basta sparare cavolate plagiando la gente con efficacissime tecniche di rincoglionimento di massa. Cominciate a sbattere in un dibattito pubblico questi pseudo-scienziati prostituiti agli interessi enormi di poteri finanziari sempre più esorbitanti e criminali. Che dimostrino oggettivamente quanto asseriscono e poi (poiché non riuscirebbero mai a farlo) sbatteteli fuori a calci dai loro consessi para-scientifici e sputtanateli di fronte all'umanità, costringendo a far sputare i nomi di chi li tiene a libro paga.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 11/11/2015 - 17:43

Si, come il buco nell'ozono che si e' chiuso. Io vivo in alto, pregherò' per loro.

steacanessa

Mer, 11/11/2015 - 17:58

Nei primi anni sessanta un illustre oceanologo francese previde che il mar mediterraneo, in quanto chiuso, sarebbe diventato una fogna entro 20 anni. Quasi nello stesso periodo il club di Roma preannunció la prossima (pochi anni) desertificazione dell'Italia. Non c'è un solerte pM pronto ad aprire un fascicolo per procurato allarme?

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Mer, 11/11/2015 - 18:11

Obiettore, sono d'accordissimo con te. Da quando esiste la terra, abbiamo avuto glaciazioni e declaciazioni, senza le odierne industrie e non è successo nulla. Evidentemente non giravano soldi!!!

baio57

Mer, 11/11/2015 - 18:16

Il cocomeriotas sinistro bruno.amoroso ogni tanto risulta pure simpatico.

VittorioMar

Mer, 11/11/2015 - 18:19

...a meno di qualche movimento "TELLURICO" di innalzamento delle "TERRE EMERSE"...dopo le PANDEMIE..LE CARNI ROSSE...ASTEROIDI E COMETE VAGANTI....ALIENI...UFO...Ecc..è proprio vero che prendere troppo sole dà alla testa..che si riposino e vadano ...ai poli..

pietrom

Mer, 11/11/2015 - 20:30

Chi di voi e' stato sulla costiera romagnola negli anni 70? Ricordo che al Lido di Spina, al Lido degli Estensi, ..., c'erano trenta, quaranta file di ombrelloni, poi un'ampia zona di spiaggia libera, e poi il bagno asciuga. Ci sono tornato nei primi anni 2000, e la spiaggia si era talmente ristretta che ci stavano cinque/sei file di ombrelloni. Il livello di mari e' la misura più affidabile di quanto sta accadendo nel medio/lungo periodo. E se la percentuale di chi sostiene che qualcosa di grave sta accadendo dovesse essere dell'1%, contro un 99% di ottimisti, sappiate che la Natura se ne sbatte di cio' che pensa la maggioranza. Anche ai tempi di Galileo tutti dicevano che il sole girava attorno alla Terra...

gallieno ferri

Mer, 11/11/2015 - 20:30

ogni volta che si tocca largomento clima, i lettori compatti rispondono:" roba dei radical chic, puttanate come quella del petrolio, tc". Quindi Tim Cook, ieri alla bocconi a dire che l'emergenza climatica e' centrale...ma si', pure lui sara' un counista.. Comunque, se vi capita,andate a dare una occhiatina al ghiacciaio del monte bianco,poverino, coi sui 900 camion che passano da courmayeur al giorno. ma gia', il pil, il consumo..

gallieno ferri

Mer, 11/11/2015 - 20:37

questa storia dell'errore di previsione del club di roma, ok, pero' basta. andate a fare un giro e parlate con una guida dei ghiacciai in alaska. ma basta un maestro di sci un po' anziano in val daosta. attenzione: vestono abitualmente di rosso.

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Mar, 01/12/2015 - 21:50

Tim Cook non è scemo ma non ci sta con la testa.