Il Consiglio d'Europa vuole che si riconosca la storia dei rom

Nel giorno in cui si commemora il genocidio il monito: "Fare sforzi più vigorosi"

Arriva da Strasburgo il monito ai Paesi europei, espresso nella parole di Nils Miuznieks, commissario dei diritti umani del Consiglio d'Europa, nel giorno in cui si ricorda il genocidio dei rom durante la Seconda guerra mondiale.

"Gli Stati membri del Consiglio d'Europa devono fare sforzi più vigorosi per un pieno riconoscimento del genocidio e di altre atrocità commesse nel passato", sostiene Miuznieks, nella giornata istituita con una risoluzione dal Parlamento europeo il 15 aprile 2015.

"Riconoscere il passato è innanzitutto una questione di giustizia, ma è anche un passo necessario per rafforzare la fiducia e il rispetto reciproci tra le comunità Rom e non Rom, senza di cui le politiche che mirano a migliorare la situazione dei Rom hanno poche probabilità di successo" evidenzia Muiznieks.

Commenti

venco

Mer, 02/08/2017 - 18:13

I rom sono immigrati clandestini, anche questi per parassitare.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 03/08/2017 - 09:02

la promozione del benessere dei rom è ovviamente sempre in linea col generale piano genocida contro l'Europa.

buri

Gio, 03/08/2017 - 11:22

perditenio wcc9 l0UE

manfredog

Gio, 03/08/2017 - 13:50

..'Riconoscere il passato è innanzitutto una questione di giustizia'.. ..Ignorare il presente è innanzitutto una questione che fa comodo a noi.. (frase non detta ma poi pensata da..'Pils'..) mg.